08 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 12/07/2012, 00.00

    INDONESIA

    Un musulmano e due cristiani dettano la nuova linea politica di Jakarta

    Mathias Hariyadi

    Joko Widodo, sindaco di Solo ha vinto il primo turno elettorale del governatorato di Jakarta. Sconfitti l'attuale governatore sostenuto dal partito democratico del presidente Yudhoyono e i partiti islamici. Architetti della vittoria: Hadi Rudyatmo, cattolico e vicesindaco di Solo, e Basuki Thahaja Orunama, cristiano di origini cinesi. I tre sono famosi per le loro politiche a favore dei poveri e per aver ridotto al minimo i casi di corruzione nelle loro regioni.

    Jakarta (AsiaNews) - Le elezioni per l'importante governato di Jakarta svelano il nuovo volto politico dell'Indonesia. A sorpresa Joko Widodo (Jokowi), musulmano sindaco di Solo (Yogyakarta) ed esponente dell' Indonesian Democratic Party - Struggle (Pdip), partito nazionalista, guida il primo turno delle votazioni, con nove punti di vantaggio su Fauzi Bowo, attuale governatore. Jokowi si è lasciato alle spalle candidati dei partiti islamici, ex militari e figure di spicco dell'economia. A sostenere il sindaco di Solo vi sono due politici d'eccezione nel panorama del più popoloso Paese musulmano del mondo: Francis Xavier Hadi Rudyatmo, cattolico praticante e vice sindaco di Solo, e Basuki Thahaja Orunama, meglio noto come Ahok. Egli è un cristiano di origini cinesi, famoso per aver vinto in passato le elezioni regionali nell'East Belitung (Sumatra), nota reggenza dominata dagli islamisti, attualmente deputato per il Golkar Party, partito nazionalista.

    In questi anni il rapporto con i due cristiani ha molto influenzato la politica di Jokowi. I tre sono divenuti famosi nelle loro regioni per un approccio concentrato sui problemi della società, ma soprattutto per il calo dei casi di corruzione nelle loro giunte. Da sindaco di Solo, Jokowi ha rinunciato al suo salario e ai privilegi finanziari per sostenere programmi di aiuto ai poveri della sua città. Egli ha concentrato gran parte del suo mandato per migliorare le condizioni di vita delle fasce più deboli della popolazione: operai, venditori ambulanti, guidatori di risciò. Rudyatmo ha raggiunto il successo nazionale, dopo le manifestazioni di maggio contro il caro carburanti, guidate da , che per diversi giorni hanno bloccato la capitale. Ciò è valso al politico cattolico l'appellativo di "disobbediente". Anche se non ha partecipato in modo attivo alla campagna elettorale di Jokowi, il suo sostegno morale e ideale hanno non poco influenzato l'approccio politico del sindaco di Solo per le elezioni a governatore di Jakarta. 

    Per tutto il popolo indonesiano, le elezioni del governatorato di Jakarta sono considerate seconde solo alle presidenziali. Chi guida la capitale acquisisce popolarità e influenza in tutto il Paese. La vittoria di Jokowi al primo turno mostra le difficoltà del Democratic Party (Pks) del presidente Yudhoyono, sostenitore di Fauzi Bowo. Negli ultimi mesi il partito presidenziale è stato segnato da diversi casi di corruzione che hanno coinvolto decine di deputati e politici, facendo perdere consensi. 

    Altra novità è la conferma dell'impopolarità dei partiti islamici che per anni hanno monopolizzato la scena politica di Jakarta. Essi sono stati sconfitti per la prima volta alle elezioni del 2009, dominate dal Pks, e dalle formazioni nazionaliste di Golkar Party e Pdip. Secondo gli esperti, l'ascesa di Jokowi, Ahok e Rudyatmo è un segnale di come gli indonesiani di Java siano più influenzati dai media e dalle notizie sul lavoro dei politici che non dalle moschee, dall'identità etnico religiosa o dai gruppi di potere. 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/09/2012 INDONESIA
    Elezioni a Jakarta: vince la coppia sfidante, il vice è cristiano di etnia cinese
    Secondo gli exit-poll, al ballottaggio si conferma il successo (col 53% delle preferenze) della coppia Jokowi-Ahok. Analisti ed esperti parlano di vittoria “storica”, che avrà un riflesso anche nel panorama politico nazionale. La campagna elettorale caratterizzata da attacchi personali contro il candidato cristiano.

    23/03/2015 INDONESIA
    Elezioni in Indonesia, opportunità per rafforzare la presenza cattolica nella vita del Paese
    A fine anno si vota in 8 province, 170 distretti e 26 reggenze sparse in tutto l’arcipelago indonesiano. I vescovi sostengono la candidatura di personalità cattoliche, che devono essere “forti, intelligenti e responsabili”. L’obiettivo è promuovere il messaggio e i valori della Chiesa nella società.

    26/08/2013 INDONESIA
    Jakarta, cattolici in festa per l’ordinazione di nove sacerdoti
    Mons. Ignatius Suharyo Pr invita i nuovi preti a seguire Cristo e servire gli altri “con i fatti, piuttosto che a parole”. La cerimonia si è tenuta in una parrocchia periferica della capitale, per incentivare le vocazioni. Gli istituti cattolici a Jakarta fondamentali nel campo dell’istruzione e nel percorso formativo dei futuri sacerdoti.

    19/02/2013 INDONESIA
    Dopo Jakarta, un altro politico cattolico ai vertici in Central Java
    Budi Setiawan sarà il nuovo vice-capo della reggenza di Banyumas. Agli indonesiani piace il ticket musulmano moderato-cristiano, come testimonia l’esperienza nel governatorato della capitale. Essi sono garanzia di tutela del bene comune e di lotta alla corruzione. Il sostegno del vescovo di Purwokerto.

    08/07/2010 INDONESIA
    Jakarta, Syamsuddin rieletto leader di Muhammadiyah, organizzazione islamica moderata
    Din Syamsuddin è dal 2005 presidente della seconda organizzazione musulmana più grande del Paese. Nominato per acclamazione fino al 2015, dichiara: “Sosterremo le politiche del governo”.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®