27 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 16/08/2012, 00.00

    CINA - TIBET

    Un tibetano ucciso, sei arrestati in una protesta contro le miniere cinesi in Tibet



    Almeno 1000 tibetani hanno manifestato contro la riapertura di una miniera a Markham. La polizia ha sparato proiettili letali. Le compagnie cinesi non rispettano la sacralità dei luoghi e non si curano dell'impatto ecologico dello sfruttamento. Tashi, il giovane 21enne che si è dato fuoco due giorni fa è morto a Ngaba.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) - Le forze di sicurezza cinesi hanno ucciso un tibetano e arrestato altri sei mentre cercavano di disperdere una manifestazione di 1000 persone contro la ripresa dei lavori di sfruttamento di una miniera nella contea di Markham.

    I poliziotti, secondo la notizia diffusa da Radio Free Asia, hanno lanciato gas lacrimogeni e sparato proiettili letali contro la folla che si era radunata marciando verso il sito della miniera.

    Già in passato vi erano state pesanti manifestazioni, ma la polizia era riuscita a disperderle senza troppa violenza. L'uomo ucciso si chiama Nyima; si conoscono solo cinque nomi dei sei arrestati: Dawa, Atsong, Phuntsog Nyima, Jamyang Wangmo e  Kelsang Yudron.

    Lo sfruttamento minerario da parte dei cinesi ha portato spesso a scontri con la popolazione tibetana che accusa le compagnie di non considerare la sacralità dei luoghi e l'impatto ecologico delle estrazioni.
    Il sottosuolo tibetano è ricco di rame, cromo, ferro, oro, argento, potassio e gas naturali. Lo scorso anno, il governo cinesi ha potenziato gli investimenti per lo sfruttamento minerario della regione.

    Intanto, giunge notizia che uno dei due giovani che si erano dati fuoco il 13 agosto a Ngaba è morto. Si tratta del 21enne laico Tashi, che in passato era stato alla scuola del monastero di Kirti (Sichuan).

    Il 14 agosto, i ristoranti e i negozi tibetani di Nagba sono rimasti sbarrati in segno di lutto. Dopo le due auto-immolazioni, i capi del monastero di Kirti sono stati chiamati dalle autorità governative per diversi colloqui.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/03/2012 CINA - TIBET
    Madre tibetana si dà fuoco nel Sichuan; una ragazza si autoimmola nel Gansu
    La donne, una vedova con quattro figli, ha percorso 80 km per bruciarsi davanti al monastero di Kirti, da un anno sotto controllo. La ragazza, della scuola media, si è uccisa in un mercato delle verdure. Il suo corpo bruciato è stato preso a sassate dai cinesi.

    17/06/2011 TIBET - CINA
    La Cina chiude il Tibet ai turisti stranieri fino alla fine di luglio
    Cancellate migliaia di prenotazioni, anche i viaggi di gruppo. Un colpo all’economia della regione, ma anche una mossa preventiva nel timore che avvengano rivolte il 1°luglio, anniversario della fondazione del partito comunista cinese. Penpa Tsering: Non vogliono che la reale situazione sia vista da occhi indipendenti.

    10/03/2011 TIBET - CINA
    Il Dalai Lama rinuncia al suo ruolo politico
    Rimarrà nel suo ruolo spirituale. Il leader politico del governo tibetano sarà eletto democraticamente. I leader cinesi devono avere più trasparenza e per questo c’è bisogno di libertà di stampa e di espressione.

    08/03/2010 CINA - TIBET
    Pechino esce allo scoperto: “Sceglieremo noi il prossimo Dalai Lama”
    Il governatore del Tibet fuga ogni dubbio: la prossima reincarnazione del capo del buddismo tibetano dovrà avere l’approvazione del governo cinese, come avviene per i vescovi cattolici. Intanto il ministro degli Esteri di Pechino difende l’esecutivo: “Non siamo arroganti, pensiamo al bene nazionale”.

    26/01/2010 CINA - TIBET
    Nuova politica per il Tibet: repressione e modernizzazione
    Riprendono oggi i dialoghi fra gli inviati del Dalai Lama e il governo cinese. Ma le posizioni rimangono immutate: il Dalai Lama chiede l’autonomia culturale e religiosa; Pechino lo accusa di voler dividere la nazione. Intanto in Tibet la Cina ha lanciato un nuovo programma che prevede arresti e aspre sentenze contro monaci e fedeli, insieme a un enorme sforzo finanziario e di personale. L’analisi di uno dei più grandi esperti di politica cinese.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®