25 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 10/08/2012, 00.00

    COREA DEL SUD

    Un video per spiegare al Paese la missione della Chiesa in Corea

    Joseph Yun Li-sun

    La Conferenza episcopale ha auto-prodotto e messo online un bel video (in inglese e coreano) con cui intende spiegare ai non credenti e ai catecumeni la storia e la missione della Chiesa locale, l’unica in Asia a essere cresciuta senza l’aiuto di missionari stranieri.

    Seoul (AsiaNews) - La Chiesa cattolica coreana ha creato e pubblicato un video per spiegare la propria origine e le proprie attività ai non cattolici e ai catecumeni. Il video mostra in che modo i fedeli locali, nonostante le dure persecuzioni affrontate nel Paese durante l'era imperiali, siano riusciti a crescere e a diffondere il messaggio evangelico.

    Nel video è sottolineato in modo particolare il fatto che, unico Paese in Asia, la Corea abbia coltivato il cristianesimo senza l'aiuto di missionari stranieri: questi, espulsi dai diversi imperatori del XVI e XVII secolo, riuscirono a educare soltanto alcuni coreani che poi hanno trasmesso la fede ai loro figli e ai nuovi catecumeni.

    Nella seconda metà, il video - che si può vedere in lingua inglese qui http://www.youtube.com/watch?v=eMrEMqchuR0&feature=youtu.be - spiega il ruolo e la funzione della Conferenza episcopale coreana, che accompagna i fedeli e struttura la Chiesa. Come recita il messaggio che accompagna il video, "si vuole mostrare lo sforzo continuo dei nostri vescovi per l'unità dei cattolici coreani".

    I presuli, conclude il messaggio, "si riuniscono per discutere materie di interesse comune, per intraprendere nuove missioni pastorali e per suggerire le migliori applicazioni pratiche per la Dottrina sociale della Chiesa".

     

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/07/2008 NEPAL
    Preghiera interreligiosa per onorare la memoria di p. Prakash, martire del Nepal
    I leader delle principali fedi del Paese condannano l’assassinio del prete cattolico, il primo martire della Chiesa nepalese. Essi invitano i fedeli a proseguire nel solco tracciato dal missionario, lavorando per i più poveri e per promuovere il dialogo fra le religioni.

    01/07/2008 COREA DEL SUD
    “In viaggio con i vescovi coreani, per promuovere il dialogo interreligioso”
    È il motto scelto dalla Conferenza episcopale per una iniziativa che intende favorire l’incontro e il confronto fra le diverse fedi presenti nel Paese. Fra le iniziative in cantiere una tavola rotonda con i leader di tutte le religioni da tenere ogni anno a fine giugno.

    18/03/2005 corea del sud
    Corea del Sud, la fede ricevuta e la missione
    La Chiesa sudcoreana vanta un forte spirito missionario, con impegni in Cina, Mongolia, America Latina e Nord Corea. Intervista  a Thomas Hong-Soon Han, docente alla Hankuk University di Seoul e membro del Pontificio consiglio per i laici.

    12/09/2005 COREA DEL SUD
    Missioni in tutta l'Asia per la neonata provincia gesuita sudcoreana


    16/11/2010 COREA DEL SUD
    In due mesi 120mila sud-coreani conquistati dal docu-film su p. Lee Tae-suk
    "Don't cry for me Sudan" racconta la storia del missionario salesiano in Sudan, scomparso a gennaio all'età di 48 anni. Egli ha realizzato ospedali, scuole e ha fondato un movimento giovanile di ampio seguito. La sua storia ha affascinato anche non-cristiani, che hanno voluto condividere le emozioni nei forum su internet.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®