26 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 10/08/2012, 00.00

    COREA DEL SUD

    Un video per spiegare al Paese la missione della Chiesa in Corea

    Joseph Yun Li-sun

    La Conferenza episcopale ha auto-prodotto e messo online un bel video (in inglese e coreano) con cui intende spiegare ai non credenti e ai catecumeni la storia e la missione della Chiesa locale, l’unica in Asia a essere cresciuta senza l’aiuto di missionari stranieri.

    Seoul (AsiaNews) - La Chiesa cattolica coreana ha creato e pubblicato un video per spiegare la propria origine e le proprie attività ai non cattolici e ai catecumeni. Il video mostra in che modo i fedeli locali, nonostante le dure persecuzioni affrontate nel Paese durante l'era imperiali, siano riusciti a crescere e a diffondere il messaggio evangelico.

    Nel video è sottolineato in modo particolare il fatto che, unico Paese in Asia, la Corea abbia coltivato il cristianesimo senza l'aiuto di missionari stranieri: questi, espulsi dai diversi imperatori del XVI e XVII secolo, riuscirono a educare soltanto alcuni coreani che poi hanno trasmesso la fede ai loro figli e ai nuovi catecumeni.

    Nella seconda metà, il video - che si può vedere in lingua inglese qui http://www.youtube.com/watch?v=eMrEMqchuR0&feature=youtu.be - spiega il ruolo e la funzione della Conferenza episcopale coreana, che accompagna i fedeli e struttura la Chiesa. Come recita il messaggio che accompagna il video, "si vuole mostrare lo sforzo continuo dei nostri vescovi per l'unità dei cattolici coreani".

    I presuli, conclude il messaggio, "si riuniscono per discutere materie di interesse comune, per intraprendere nuove missioni pastorali e per suggerire le migliori applicazioni pratiche per la Dottrina sociale della Chiesa".

     

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/07/2008 NEPAL
    Preghiera interreligiosa per onorare la memoria di p. Prakash, martire del Nepal
    I leader delle principali fedi del Paese condannano l’assassinio del prete cattolico, il primo martire della Chiesa nepalese. Essi invitano i fedeli a proseguire nel solco tracciato dal missionario, lavorando per i più poveri e per promuovere il dialogo fra le religioni.

    01/07/2008 COREA DEL SUD
    “In viaggio con i vescovi coreani, per promuovere il dialogo interreligioso”
    È il motto scelto dalla Conferenza episcopale per una iniziativa che intende favorire l’incontro e il confronto fra le diverse fedi presenti nel Paese. Fra le iniziative in cantiere una tavola rotonda con i leader di tutte le religioni da tenere ogni anno a fine giugno.

    18/03/2005 corea del sud
    Corea del Sud, la fede ricevuta e la missione
    La Chiesa sudcoreana vanta un forte spirito missionario, con impegni in Cina, Mongolia, America Latina e Nord Corea. Intervista  a Thomas Hong-Soon Han, docente alla Hankuk University di Seoul e membro del Pontificio consiglio per i laici.

    12/09/2005 COREA DEL SUD
    Missioni in tutta l'Asia per la neonata provincia gesuita sudcoreana


    16/11/2010 COREA DEL SUD
    In due mesi 120mila sud-coreani conquistati dal docu-film su p. Lee Tae-suk
    "Don't cry for me Sudan" racconta la storia del missionario salesiano in Sudan, scomparso a gennaio all'età di 48 anni. Egli ha realizzato ospedali, scuole e ha fondato un movimento giovanile di ampio seguito. La sua storia ha affascinato anche non-cristiani, che hanno voluto condividere le emozioni nei forum su internet.



    In evidenza

    LIBANO
    Trump, Marine Le Pen e il Medio oriente: il Libano contro muri e divisioni

    Fady Noun

    L’inizio della presidenza Trump ha segnato la “babelizzazione” della società americana. Ciascun Paese riversa il suo odio contro un nemico esterno. La crisi globale attuale ha radici religiose. Al cuore del caos vi è la minaccia jihadista. Laterza guerra mondiale non si vince con i droni, ma usando moderazione e promuovendo l’incontro e il confronto. 

     


    EGITTO – ISLAM
    Al Azhar sotto l’influenza dell’islamismo di Daesh

    Kamel Abderrahmani

    Le istituzioni religiose ufficiali e le università cosiddette islamiche sono la causa dell’immobilità del mondo musulmano. I programmi insegnati ad Al Azhar e la letteratura usata sono gli stessi che sono applicati sul terreno da tutti i terroristi armati. Nessun paragone possibile fra Al Azhar e il Vaticano. Il Vaticano ha ospitato musulmani irakeni e siriani che fuggivano la guerra. Al Azhar non ha fatto nulla per cristiani e Yazidi. La persecuzione verso Mohamed Nasr Abdellah, desideroso di modernizzare l’islam. Il commento di uno studente musulmano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®