16/08/2018, 15.18
CINA
Invia ad un amico

Vacilla (un poco) l’autorità di Xi Jinping per la guerra dei dazi

di Willy Wo-Lap Lam

Intellettuali ed economisti accusano il governo di non avere i mezzi per reagire alla guerra commerciale con gli Stati Uniti. C’è un sottile malcontento tra i membri del Partito vicini a Xi e tra i leader regionali. Rimane comunque improbabile che la posizione di Xi in cima alla gerarchia politica cinese sia in serio pericolo. A fine mese una nuova delegazione cinese a Washington.

 

Hong Kong (AsiaNews) – Il Ministero cinese del commercio ha annunciato oggi che a fine mese una sua delegazione si recherà a Washington per trattare di “questioni economiche e commerciali tra Cina e Stati Uniti”. A guidare la delegazione sarà Wang Shouwen, il vice ministro. Egli si incontrerà con David Malpass, sottosegretario al Tesoro degli Stati Uniti. Da parte cinese si registra un cambio al vertice delle delegazioni. Le trattative finora erano state condotte da Liu He, stretto amico di Xi Jinping, che ha fallito nel trovare un’intesa con gli Usa. Finora la “guerra dei dazi” è stata condotta con tasse e contro-tasse, botte e risposte tra Washington e Pechino. Qua e là in Cina sono emerse critiche verso l’atteggiamento troppo sicuro di Xi, tanto da far supporre che all’interno della leadership vi sia una lotta di potere.  Willy Wo-Lap Lam smentisce in parte questa previsione confermando che, nonostante il sottile dissenso all’interno del Partito, la leadership di Xi è ancora solida. Ma la guerra commerciale rappresenta comunque la prima grande sfida del leader supremo cinese. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.

 

Un gran numero di insoliti rapporti a Hong Kong e nei media stranieri in lingua cinese dà credito all'idea che, mentre Xi Jinping rimane l'indiscusso imperatore della Cina, la sua autorità sia un po' diminuita. Una sorta di moratoria sembra essere stata invocata sull’incessante culto della personalità costruito intorno a Xi, mentre sono emersi segnali che l'apparato di politica economica cinese è stato ostacolato dai disaccordi tra Xi e il suo principale esponente politico, sul modo di gestire una guerra commerciale più profonda con gli Stati Uniti. Mentre sembra che la guerra commerciale abbia esercitato una pressione sufficiente sul sistema politico cinese per aprire degli spazi di critica sullo stile e la tattica di Xi, è improbabile che la posizione di Xi in cima alla gerarchia politica cinese sia in serio pericolo.

Segni di dissenso

A partire da luglio, varie città in tutta la Cina hanno esposto ritratti e foto di Xi (tali esibizioni pubbliche di fedeltà sono elementi chiave del culto della personalità). L'Accademia delle Scienze Sociali Shaanxi ha improvvisamente concluso la sua ricerca su "La grande saggezza di Liang Jiahe" (梁家 河 大学 问), un riferimento alle idee e agli exploit innovativi di Xi mentre era studente nel villaggio di Liangjiahe nello Shaanxi durante la Rivoluzione Culturale. In maniera inspiegabile, Xinhua News Agency l'11 luglio ha pubblicato un articolo in cui criticava Hua Guofeng - il successore designato di Mao, che alla fine fu sconfitto e rimosso dal potere da Deng Xiaoping, per aver coltivato un culto della personalità. Forse questo potrebbe, essere visto come un attacco indiretto a Xi, il cui culto della personalità ha cominciato a somigliare a quello costruito attorno a Mao Zedong (Voice of America, 16 luglio; Ming Pao (Hong Kong), 16 luglio;  Radio Free Asia, 12 luglio).

Sono inoltre emersi resoconti secondo cui due dei più stretti consiglieri di Xi, Wang Huning e Liu He, sono stati almeno per il momento messi da parte. Wang, che è membro del Comitato permanente del Politburo (Pbsc), è responsabile dell'ideologia e della propaganda, ha assunto la responsabilità del culto della personalità intorno a Xi. Liu, membro del Politburo incaricato di economia e relazioni commerciali con gli Stati Uniti, è stato molto criticato per l'incapacità di Pechino a negoziare un “cessate il fuoco” nella guerra commerciale con gli Stati Uniti (Ming Pao, 23 luglio; Apple Daily (Hong Kong), 20 luglio).

Le storie sui problemi politici che stanno cadendo su Xi potrebbero essere esagerate. Di recente, Xi ha completato un viaggio di 10 giorni in Africa e nel Medio Oriente; è improbabile che avrebbe lasciato il Paese per così tanto tempo se la sua posizione fosse in pericolo imminente. Ulteriore mitigazione dell'idea di instabilità politica è il fatto che i colpi di stato all'interno del Pcc - come l'arresto della banda di estrema sinistra nel 1976, o il fallito colpo di stato contro Mao guidato dal leader Lin Biao nel 1971 - sono stati effettuati da figure che avevano la fedeltà di almeno una fazione dell'Esercito Popolare di Liberazione (Pla). È improbabile che il Pla si muova contro Xi dopo il massiccio rimpasto del suo apparato di comando e controllo tra la fine del 2015 e l'inizio del 2016, quando Xi ha insediato i suoi protetti nella maggior parte dei ruoli principali del Pla. (China Brief, 20 ottobre 2017).

Inoltre il ​​19 luglio, prima della partenza di Xi per gli Emirati Arabi Uniti, il Presidente del Congresso Nazionale del Popolo Li Zhanshu, un confidente di lunga data di Xi, ha coniato un nuovo modo di elogiare Xi, riferendosi a lui come il “nucleo eterno” della leadership del Partito. Li, membro della Pbsc, ha esortato tutti i quadri e i membri del Partito a fare tutto il possibile per “assicurare che le autorità centrali del Partito, con il loro compagno Xi Jinping, abbiano il potere di yichuidingyin [chiamare i colpi finali] e di dingyuyizun [risolvere le differenze con la massima autorità]. “Quattro mesi fa, Li è stato anche determinante nel consolidare lo status di Xi  paragonandolo a quello di Mao, elogiandolo come  ‘nucleo centrale del Partito’, comandante militare, leader del popolo, timoniere del Paese e apripista del popolo" (Xinhua July 17; China.com.cn, March 21).

Vittime di una guerra commerciale?

Anche se lo status di Xi come leader supremo rimane incontestato, la sua autorità - compresa la sua capacità di prendere decisioni su importanti questioni politiche, economiche e di politica estera - nelle ultime settimane sembra compromessa. Xi sembra non riuscire a contrastare ciò che il ministero degli Esteri cinese chiama le tattiche “egemoniche” e il “lingba” (bullismo) di Trump. Il leader supremo, per la maggior parte, ha reagito solo con retorica, avvertendo l'amministrazione Trump delle terribili conseguenze della sfida alla Cina. In un incontro con i Ceo di multinazionali a fine giugno, Xi ha osservato che la Cina ha seguito la tattica del “dente per dente” e che avrebbe sicuramente “restituito il pugno” alle irragionevoli richieste americane (Radio French International, June 27; CNBC.com, June 25). E mentre era in tournée in Sud Africa a fine luglio, Xi invocava persino la famosa frase di Mao sui nemici della Cina - in questo caso gli Stati Uniti - "Sollevare un solo masso per rompere i loro piedi" (Xinhua  26 luglio, Ming Pao, 26 luglio)

Tuttavia, poiché Trump ha reso noto che potrebbe applicare le tariffe su tutti i 550 miliardi di dollari importati negli Stati Uniti, la risposta da parte dei quadri del Pcc e dei portavoce ufficiali è stata in gran parte una paralisi (South China Morning Post, 22 luglio). In effetti, da giugno in poi, la risposta dell'apparato del Partito-Stato è stata cauta, fino all’errore. Prima Pechino ha ordinato una battuta d'arresto a tutti i riferimenti dei media a "Made in China 2025", un piano del governo centrale per foraggiare i leader nazionali in tecnologie all'avanguardia che è stato preso come prova dai funzionari americani delle pesanti interferenze statali nel mercato cinese (Radio Free Asia, June 27; New York Times Chinese Edition, 27 giugno). E a metà luglio, il Dipartimento di Propaganda del Pcc ha vietato  ai media l'uso dell’espressione “guerra commerciale”, in uno sforzo apparente di distogliere l'attenzione del pubblico dal fatto che a Pechino mancano i mezzi per rispondere a tono alle minacce di Trump (South China Morning Post, 14 luglio).

Mentre Xi si è arrogato dell'autorità decisionale su tutte le principali questioni economiche, il leader supremo sembra privo della conoscenza e delle competenze professionali per fare lo zar economico. I rapporti lo hanno fatto scontrare con il suo principale consigliere economico, il vice-premier Liu He, su come trattare con gli americani. Parlando ad una conferenza negli Stati Uniti, il capo economista della Casa Bianca Larry Kudlow ha affermato che il falco Xi stava impedendo a colombe come Liu He e altri burocrati del Consiglio di Stato di impegnarsi negli scambi con gli americani. “Penso che Xi regga il gioco”", ha detto Kudlow. “Penso che Liu He e gli altri vorrebbero fare un passo ma non l'hanno fatto” (Voice of America Chinese, 18 luglio; Businessinsider.com, 18 luglio). Da quando Liu è tornato da due turni di colloqui a Washington a mani vuote, il suo status di “leader cinese nel dialogo economico globale sino-americano” (中美 全面 经济 对话 中 方 人) si è effettivamente concluso. Liu non ha accompagnato Xi nel suo tour in Africa e nel Medio Oriente, ed è probabile che abbia ricevuto la nuova responsabilità di occuparsi degli ingombranti conglomerati commerciali di proprietà statale della Cina (Caixingglobal.com, 27 luglio; South China Morning Post, 26 luglio).

Forse a causa dell'autorità ferita di Xi - e della temporanea esclusione del suo uomo di punta economico - sembra che non ci sia un'autorità abbastanza potente per fermare i battibecchi interni tra i dipartimenti governativi che sovrintendono all'economia. Sia Hong Kong che i media occidentali hanno riferito di una guerra aperta nel Consiglio di Stato che discute su come gestire una crisi economica incipiente, incluso come dare una mano alle aziende colpite dalla guerra commerciale (Reuters, 18 luglio; Sinoinsider.com, 17 luglio). Un particolare punto di scontro è se le politiche monetarie e fiscali devono essere ulteriormente allentate per evitare un rallentamento economico. Il 13 luglio, Xu Zhong, direttore dell'Ufficio di ricerca della Banca popolare cinese, ha pubblicato un articolo dove critica il ministero delle Finanze per la sua apparente “mancanza di politiche fiscali efficaci” per aiutare i settori in sofferenza a causa della controversia sino-americana in corso.  Xu si è anche lamentato del fatto che il ministero delle Finanze avesse “scarsa trasparenza” e che si stesse “comportando come un teppista” (Finance.sina.com, 16 luglio; Wallstreetcn.com, 13 luglio). Un simile conflitto aperto tra i dipartimenti o funzionari è raro nell'apparato di Partito-Stato, in genere abbottonato.

Silenzio officiale, dissenso intellettuale

La mancanza di leader provinciali e comunali che cantano apertamente le lodi di Xi dà anche motivo di dubitare della sua presa, una tempo molto forte, sulla lealtà dei quadri regionali. Il biaotai (表态) - o dichiarazioni rituali di lealtà da parte di eminenti sostenitori regionali - è una consueta tradizione di Partito impiegata quando un leader di alto livello vuole più potere o richiede un supporto aggiuntivo. Negli ultimi 12 mesi, la maggior parte dei segretari regionali di partito, governatori o sindaci hanno partecipato con entusiasmo alle attività biaotai quando Xi si è trasferito ad assumere lo status di hexin (核心) o “nucleo della leadership” e hanno espresso con entusiasmo la loro approvazione quando Xi ha cambiato la Costituzione a marzo per rimuovere i limiti di mandato per il posto di presidente dello Stato. Questa volta, tuttavia, quasi nessuno dei pesi massimi regionali è venuto a sostegno di Xi. Dopo che Li Zhanshu ha sollevato gli striscioni di yichuidingyin e dingyuyizun, i leader provinciali o del sindaco sono sembrati riluttanti a dimostrare il loro sostegno attraverso il biaotai. Anche i noti sicofanti di Xi, Li Hongzhong, Chen Min'er e Cai Qi, i segretari di partito di Tianjin, Chongqing e Pechino, non hanno detto nulla per far lustro all'autorità di Xi. L'unica eccezione è il segretario del partito Jiangxi Liu Qi, che ha promesso di sostenere l'autorità di Xi nei confronti di yichuidingyin e dingyuyizun. Il biaotai di Liu, tuttavia, è arrivato dopo una visita di cinque giorni in Jiangxi nientemeno che con il membro della Pbsc Li Zhanshu (Jiangxi Daily, 24 luglio).

Mentre i protetti regionali di Xi sono stati con sorpresa in silenzio, una folta schiera di intellettuali liberali hanno passato un grande rischio scagliandosi contro Xi per aver fatto marcia indietro rispetto alle riforme politiche. In un articolo di fine luglio intitolato “Imminenti timori, imminenti speranze”, il professore di diritto dell’università Tsinghua, Xu Zhangrun, ha accusato Xi - senza nominarlo direttamente - di smantellare le riforme di Deng Xiaoping e di far rivivere la dittatura di stile maoista. Xu ha citato questo sentimento che circola tra colleghi intellettuali: “Dopo 40 anni di riforme, in una notte torniamo all'ancien régime”. Xu ha aggiunto che “la completa rianimazione della politica totalitaria” ha suscitato paure e indignazioni tra accademici e intellettuali (Apple Daily, 30 luglio, Theinitium.com, 24 luglio), chiedendo apertamente il ripristino dei limiti del mandato presidenziale e la riabilitazione politica delle persone colpite dal giro di vite successivo al massacro di piazza Tienanmen del 1989. Entrambe le richieste sono stupefacenti e audaci ripudi del programma politico di Xi da parte di un intellettuale impiegato in una delle migliori università della Cina. Allo stesso modo, Zi Zhongyun, un accademico veterano della politica internazionale, ha detto che l'impasse dei negoziati commerciali sono dovuti alla mancata riforma dell'amministrazione di Xi. Zi attribuiva la debolezza dell'economia cinese al “monopolio sulle risorse" delle élite del Partito, esprimendo anche la speranza che i funzionari cinesi possano seguire il consiglio di Trump e istituire riforme orientate al mercato (Chinainperspective.com, 21 giugno).

Nel frattempo, la contesa economica tra Cina e Stati Uniti si è trasformata in una resa dei conti su larga scala tra i valori capitalisti liberali occidentali e il modello cinese autoritario di Xi. L'economista della Casa Bianca Kudlow ha espresso la speranza che “gli Usa e l'Ue saranno alleati nella lotta contro la Cina, che ha rotto il sistema commerciale mondiale”. Il consigliere della Casa Bianca ha anche indicato che altri Paesi temono la “minaccia cinese […], dall'India al Giappone, dall'Australia alla Nuova Zelanda, stanno formando un'alleanza anti-Cina (Reuters, 27 luglio,  Fox News, 16 luglio). Che Xi riesca a trovare misure efficaci per gestire le fucilate che provengono su più fronti dalla Casa Bianca dipende in parte dal fatto che possa rafforzare la sua minacciata autorità all'interno del Partito. Per il momento, tuttavia, è difficile non dare credito alla speculazione che il cosiddetto “leader a vita” stia affrontando la sua sfida più grave da quando ha ricoperto la carica, meno di sei anni fa.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Xi Jinping sta perdendo la guerra dei dazi
30/07/2018 11:16
Commercio Cina-Usa, dialoghi ‘franchi’ e con ‘importanti progressi’
01/02/2019 14:55
Tokyo e Pechino: prove di alleanza tra i due colossi dell’Asia
08/06/2018 11:44
Al Congresso del Partito comunista va in mostra l'industria privata
25/10/2012
Il Partito comunista è in crisi, il governo non ha più risposte
06/06/2007