23 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 06/09/2017, 12.14

    INDIA

    Vescovi indiani condannano l’omicidio della ‘coraggiosa’ giornalista Gauri Lankesh



    La direttrice del settimanale Lankesh Patrike è stata assassinata ieri sulla soglia di casa. Era una famosa voce critica contro le politiche dei nazionalisti indù. “Rendiamo onore a lei, per il coraggio con cui scriveva, le convinzioni con cui ha vissuto e l’audacia con cui ha combattuto le forze del male, dell’odio e della corruzione”.

    New Delhi (AsiaNews) – La Conferenza episcopale dell’India (Cbci) “condanna con forza e senza mezzi termini l’ignobile, brutale e codardo omicidio della giornalista Gauri Lankesh, direttrice del settimanale kannada Lankesh Patrike”. A firma del segretario generale mons. Theodore Mascarenhas, i vescovi cattolici hanno rilasciato una dura dichiarazione sull’assassinio di Gauri, giornalista indipendente e voce della democrazia indiana, molto nota per le sue posizioni critiche nei confronti del partito nazionalista indù Bjp (Bharatiya Janata Party). I killer l’hanno colpita a morte ieri sera, mentre rincasava, lasciandola in una pozza di sangue.

    Nel testo dei vescovi si legge: “Rendiamo onore a lei, per il coraggio con cui scriveva, le convinzioni con cui ha vissuto e l’audacia con cui ha combattuto le forze del male, dell’odio e della corruzione”. Il comunicato continua sostenendo che “l’omicidio di questa versatile e coraggiosa giornalista avviene dopo altri crimini d’odio, accaduti negli ultimi tempi: gli assassini dello scrittore MM Kalburgi, vincitore del Sahitya Academy Award, a Dharwad, del pensatore Govind Pansare a Kohlapur e dell’intellettuale Narendra Dabholkar a Pune; i linciaggi da parte dei ‘Gau Rakshaks’ [vigilanti delle vacche, ndr] in nome della protezione delle vacche; gli omicidi politici in Kerala e tanti altri ancora”.

    Mons. Mascarenhas aggiunge che “questo odio non può costruire una Nuova India. Abbiamo bisogno di amore, pace e armonia. Lanciamo un appello a tutti i leader, ai popoli, alle comunità e alle persone nella nostra amata India affinchè allontanino le ideologie dell’odio. Lasciamo che i nostri valori tradizionali di pace, armonia, fratellanza e tolleranza prevalgano a tutti i costi. Isoliamo le forze dell’odio e superiamo le tendenze politiche, sociali e religiose per costruire una India libera, democratica, laica e progressista”.

    La Conferenza episcopale lamenta che “questo omicidio è avvenuto nonostante il primo ministro Narendra Modi abbia dichiarato durante le Festa dell’Indipendenza che ‘La violenza non trova posto nella libera India’. Noi ci uniamo alla sua voce e a quella della società civile e uniamo i nostri cuori ai cuori di tutti coloro che combattono l’odio, le caste, l’intolleranza regionale o religiosa e il fondamentalismo”.

    Ricordiamo, aggiunge il segretario della Cbci, “per la nostra Nuova India ciò che scrisse nel 1925 in Young India il padre della nazione [il Mahatma Gandhi, ndr]: ‘Con un lungo percorso di disciplina devota, da più di 40 anni ho smesso di odiare. So che questa è una grande richiesta. Nonostante tutto, io la faccio in tutta umiltà. Ma posso, e lo faccio, odiare il male ovunque esso esista. La mia non cooperazione ha le sue radici non nell’odio, ma nell’amore. La mia religione personale mi impedisce in maniera categorica di odiare qualcuno. Ho imparato questa semplice ma grande dottrina quando avevo 12 anni in un libro di testo e la convinzione è rimasta fino ad ora. Per me è una crescita quotidiana. È una passione che brucia in me’ (YI, 6-8-1925, p. 272)”.

    A nome di tutti i prelati, mons. Mascarenhas conclude: “La Chiesa cattolica in India prega per la pace, l’armonia e la vittoria della luce sulle tenebre, dell’amore sull’odio, del bene sul male. Dio benedica l’India”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    06/09/2017 08:52:00 INDIA
    Bangalore: assassinata Gauri Lankesh, nota giornalista critica del Bjp

    La donna è stata colpita da tre proiettili mentre tornava a casa. Aveva denunciato per brogli un leader locale del Bharatiya Janata Party. Simpatizzante dei maoisti, credeva nella “Costituzione che mi insegna ad essere una cittadina laica, non settaria”.



    13/09/2017 08:51:00 INDIA
    ‘Io sono Gauri’: a Bangalore in 15mila chiedono giustizia per la giornalista assassinata

    Gauri Lankesh è stata uccisa il 5 settembre e i criminali sono ancora a piede libero. L’intellettuale era nota per le sue critiche al partito nazionalista indù al governo. P. Prakash: “È stata una crociata inarrestabile per la libertà di pensiero e di espressione”.



    12/07/2006 india
    Vescovo di Mumbai: "Colpiti dalla tragedia, preghiamo per la guarigione di chi soffre"

    L'amministratore diocesano, mons. Bosco Penha, esprime ad AsiaNews la solidarietà della Chiesa. Dure condanne dalla Conferenza episcopale e dai laici della diocesi e del Paese.



    11/07/2006 india
    Vescovi indiani condannano le esplosioni di Mumbai

    La Conferenza episcopale indiana invita alla calma la popolazione e definisce l'attacco allo snodo ferroviario di Mumbai "frutto delle mani di elementi anti-sociali". Oltre 104 i morti, più di 400 i feriti.



    23/10/2015 INDIA
    Intellettuali marciano per le strade di Delhi contro il clima di intolleranza dell’Hindutva
    Circa 40 intellettuali hanno restituito prestigiosi premi letterari in seguito all’uccisione di un loro collega per le sue idee sull’adorazione delle divinità indù e di un musulmano “colpevole” di aver mangiato carne di vacca. I manifestanti hanno organizzato una protesta pacifica. L’obiettivo è attirare l’attenzione sui crescenti attacchi contro chi critica le politiche radicali dei fondamentalisti indù.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®