18 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 06/09/2017, 08.52

    INDIA

    Bangalore: assassinata Gauri Lankesh, nota giornalista critica del Bjp



    La donna è stata colpita da tre proiettili mentre tornava a casa. Aveva denunciato per brogli un leader locale del Bharatiya Janata Party. Simpatizzante dei maoisti, credeva nella “Costituzione che mi insegna ad essere una cittadina laica, non settaria”.

    Bangalore (AsiaNews/Agenzie) – Una nota giornalista indiana, che aveva espresso più volte opinioni critiche sulle politiche nazionaliste del Bjp (Bharatiya Janata Party), è stata assassinata a Bangalore, nel Karnataka. Gauri Lankesh, 55 anni, è stata uccisa ieri sera mentre rincasava dopo il lavoro. Alcuni ignoti criminali l’hanno colpita alle spalle con tre colpi di pistola, mentre era sulla soglia di casa. La giornalista è morta poco dopo, immersa in una pozza di sangue. Il suo omicidio è stato condannato da diverse personalità politiche. Siddaramaiah, chief minister dello Stato, ha scritto su Twitter: “Sono scioccato […] Non ho parole per condannare questo crimine ignobile. È un assassinio della democrazia”.

    Gauri era famosa per le sue critiche alle politiche dell’Hindutva, mentre simpatizzava per i “Naxalite”, i ribelli maoisti che attuano una guerriglia latente in varie zone del Paese, e ne chiedeva una loro reintegrazione nella società. Ha lavorato per il Times of India, tra i più famosi quotidiani del Paese, fino a quando nel 2000 non ha preso le redini del quotidiano Lankesh Patrike, ereditato dal padre. In seguito ha fondato un proprio giornale, il Gauri Lankesh Patrike, in cui si esprimeva in favore della democrazia, della laicità dello Stato e del libero pensiero.

    Lo scorso anno è stata condannata a sei mesi di reclusione per diffamazione, dopo aver denunciato un leader locale del Bjp di brogli. La pena le era stata sospesa su cauzione. In un’intervista rilasciata subito dopo la condanna aveva affermato: “Le politiche del Bjp sono fasciste e settarie. La mia Costituzione mi insegna ad essere una cittadina laica, non settaria. È mio diritto combattere contro questi elementi”.

    Tra gli amici di lunga data e gli esponenti politici che hanno commentato in queste ore, Rahul Gandhi, vice presidente del Congress. “La verità non verrà mai messa a tacere”, ha scritto sui social media. Il giornalista Shekhar Gupta ha dichiarato: “Il giornalismo è niente senza coraggio. La democrazia è niente senza dissenso”.

    Gauri non è la prima intellettuale uccisa. Negli anni scorsi altri pensatori laici e “razionali”, tra cui lo scrittore MM Kalburgi, sono rimaste vittime del diffuso clima di intolleranza delle politiche nazionaliste indù.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/09/2017 08:51:00 INDIA
    ‘Io sono Gauri’: a Bangalore in 15mila chiedono giustizia per la giornalista assassinata

    Gauri Lankesh è stata uccisa il 5 settembre e i criminali sono ancora a piede libero. L’intellettuale era nota per le sue critiche al partito nazionalista indù al governo. P. Prakash: “È stata una crociata inarrestabile per la libertà di pensiero e di espressione”.



    06/09/2017 12:14:00 INDIA
    Vescovi indiani condannano l’omicidio della ‘coraggiosa’ giornalista Gauri Lankesh

    La direttrice del settimanale Lankesh Patrike è stata assassinata ieri sulla soglia di casa. Era una famosa voce critica contro le politiche dei nazionalisti indù. “Rendiamo onore a lei, per il coraggio con cui scriveva, le convinzioni con cui ha vissuto e l’audacia con cui ha combattuto le forze del male, dell’odio e della corruzione”.



    24/06/2009 INDIA
    Il Bjp fa autocritica e prova a prendere le distanze dall’estremismo indù
    Il Comitato esecutivo nazionale del partito ha varato una risoluzione contro la teocrazia e l’estremismo religioso. Critiche alle posizioni più intransigenti contro minoranze religiose e dalit. Il leader Advani annuncia in tour per il Paese in vista delle elezioni in Maharashtra, Jharkhand ed Haryana.

    26/05/2008 INDIA
    Netta vittoria dei nazionalisti indù nel Karnataka
    Il Partito Bharatiya Janata conquista 110 dei 224 seggi e allunga la serie delle recenti vittorie elettorali rispetto al Partito del Congresso. Ora il Bjp parla di vincere le elezioni generali del 2009. Il commento di un vescovo del Karnataka.

    04/02/2010 INDIA
    Un’altra chiesa saccheggiata in Karnataka
    Alle due di questa mattina un gruppo di vandali ha saccheggiato la chiesa di San Mattia a Malavalli nel distretto di Mandya. Dall’inizio dell’anno questo è il sesto attacco nello stato del Karnataka. Gli aggressori hanno profanato il crocifisso, distrutto le statue e rubato le ostie custodite nel tabernacolo. Ancora una volta si teme la mano degli estremisti indù. Il parroco della chiesa invita i fedeli a perdonare i vandali.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®