22 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 01/05/2017, 09.28

    INDIA

    Vescovi indiani: nella Festa dei lavoratori, non dimentichiamo il migrante sfruttato e trafficato

    Purushottam Nayak

    Il Messaggio dell’Ufficio per il lavoro della Conferenza episcopale. Nel 1955 papa Pio XII istituì la festa di san Giuseppe Lavoratore “per cristianizzare il lavoro”. In India i migranti interni sono circa 326 milioni, su 1,2 miliardi di abitanti. Migranti privati della dignità e dell’accesso ai servizi.

    New Delhi (AsiaNews) – Nella giornata in cui si celebra la Festa dei lavoratori, che ricorre oggi, i vescovi indiani invitano a non dimenticare “la migrazione e il traffico di esseri umani, che sono strettamente correlati, nel momento in cui lavoratori autonomi e persone non istruite abbandonano le proprie case o sono venduti per lavoro”. Lo afferma mons. Oswald Lewis, presidente dell’Ufficio per il lavoro della Conferenza episcopale indiana (Cbci). Egli rivolge un saluto a tutti i lavoratori indiani: “Possa questo giorno darvi il bellissimo ricordo degli eventi e degli sforzi che hanno contribuito alla solidarietà dei lavoratori, alla dignità del lavoro e alla prosperità, unità e armonia dei lavoratori apprezzati per il loro sudore e la loro fatica”.

    Il vescovo ricorda che nel 1955 papa Pio XII istituì la festa di san Giuseppe Lavoratore “per cristianizzare il concetto di lavoro e dare a tutti i lavoratori un modello e protettore”. Per questo egli si augura che la festa odierna “possa accentuare la dignità del lavoro e porti una dimensione spirituale al lavoro e ai sindacati”.

    Soprattutto, aggiunge, non bisogna dimenticare il fenomeno del lavoro migrante. “I migranti – dice – sono intrinsecamente vulnerabili dal momento in cui lasciano le proprie case in cerca di nuovi modi per sfamare se stessi e le famiglie. Questi sono nostri fratelli e sorelle, che tentano di fuggire da situazioni difficili e cercare un po’ di serenità, pace e un posto migliore per sé e le rispettive famiglie. Al contrario essi scompaiono, sono trafficati e affranti”.

    Riprendendo l’esempio di papa Francesco, che più volte si è scagliato contro i trafficanti di esseri umani, mons. Lewis sottolinea che “non possiamo rimanere in silenzio di fronte allo scandalo della povertà [che è l’origine] dei movimenti migratori. Violenza, sfruttamento, discriminazione, emarginazione, approcci restrittivi alla libertà fondamentale degli individui o dei gruppi, sono alcuni degli elementi chiave della povertà che dobbiamo superare”.

    Joseph Jude, presidente della Workers India Federation (Wif), ricorda che “le vittime della migrazione e del traffico di esseri umani vivono in mezzo a noi, ci circondano ogni giorno”. Ma “come possiamo identificarli?”, si domanda. “Nel caso di bambini o donne impiegati nei lavori domestici, possiamo essere attenti ai segni di oppressione, violenza, discriminazione che si possono esprimere in vari modi, per esempio sotto forma di comportamento introverso e ansioso del minore, oppure tramite tracce di maltrattamenti fisici, comportamenti insoliti e grida”.

    Non a caso il messaggio dell’Ufficio della Conferenza episcopale si concentra sul tema dei lavoratori migranti. In India il fenomeno delle migrazioni è molto diffuso: sia quelle interne (dagli Stati più poveri a quelli più ricchi), circa il 90% del totale, sia all’estero, da parte di coloro che tentano la fortuna in Medio oriente, Europa e Nord America. A sua volta l’India è meta di persone trafficate dal Nepal e dal Bangladesh, oppure Paese di transito per coloro che prendono la strada verso i Paesi mediorientali.

    Secondo il censimento del 2011, su circa 1,2 miliardi di abitanti, i migranti interni sono circa 326 milioni (il 28,5% della popolazione). Essi vengono impiegati soprattutto in edilizia, lavori domestici, settore tessile, fabbriche di mattoni, trasporti, miniere, cave e agricoltura; oppure trafficati per il mercato del sesso o il traffico di organi. Ai migranti vengono negati i servizi di base come l’accesso a sussidi alimentari, abitazione, acqua potabile, trattamenti medici, istruzione e servizi bancari. La maggior parte non può permettersi protezione legale e vive in condizioni di estrema povertà.

    Anche mons. Jose Porunnedom, membro dell’Ufficio per il lavoro della Cbci, riconosce che “la povertà è la causa primaria del traffico di esseri umani nel nostro Paese”. Per evitare che si continuino a perpetuare forme di sfruttamento, l’Ufficio e la Wif hanno aperto un portare online, dove chi decide di migrare (in patria o all’estero) può registrarsi e ottenere aiuti. “Lasciate che questa giornata – ha concluso nel messaggio mons. Lewis – porti buone notizie di libertà, prosperità e pace a tutti i lavoratori del nostro Paese”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/03/2017 11:25:00 INDIA
    India, Conferenza episcopale lancia un portale per i lavoratori migranti

    Il sito internet sarà inaugurato il 15 marzo. Raccoglierà i dati di coloro che decidono di recarsi in un altro Stato indiano o all’estero in cerca di lavoro. L’iniziativa parte dall’Ufficio per il lavoro della Conferenza episcopale indiana in collaborazione con la Workers India Federation.



    02/05/2016 11:27:00 INDIA
    Primo Maggio in India: Giustizia e misericordia sul posto di lavoro

    Mons. Oswald Lewis è il presidente dell’Ufficio per il lavoro della Conferenza episcopale Indiana. Il presule parla delle condizioni dei lavoratori indiani, sia dipendenti che non. Molti di essi non hanno l’assicurazione sanitaria e non sono iscritti alla previdenza sociale. Un’attenzione “speciale” deve essere rivolta al lavoro minorile, che va eliminato del tutto.



    01/05/2017 09:49:00 TURCHIA
    Ankara, due milioni di giovani vittime del lavoro minorile. Anche profughi siriani

    Il 78% viene impiegato in modo “clandestino”, senza diritti né tutela sanitaria, risarcimenti per infortunio. Almeno 56 i minori morti lo scorso anno in incidenti sul lavoro, ma sono stime al ribasso. L’aumento del numero di bambini sfruttati legato alla “crescita significativa” della povertà minorile. Profughi minori siriani utilizzati in modo illegale nelle industrie del tessile.



    12/10/2016 13:57:00 INDIA
    Vescovi indiani: Vicini ai fratelli musulmani nella festa dell'Ashura

    Mons. Theodore Mascarenhas, segretario della Conferenza episcopale (Cbci), ha inviato ai fedeli musulmani un messaggio per la festa sciita, che cade nel mese sacro di Muharram.  In India cristiani e musulmani vivono in pace e armonia.



    04/05/2006 ASIA
    Primo maggio: molte manifestazioni sfociano in proteste violente

    In numerosi Paesi asiatici, i lavoratori denunciano che i Governi li privano di diritti essenziali, per essere competitivi con la  Cina. I lavoratori – ammonisce mons. Lagdameo - non debbono essere privati dei frutti del loro lavoro.





    In evidenza

    RUSSIA-VATICANO
    Studiosi vaticani e ortodossi russi dialogano sulla storia e sulla Ostpolitik

    Vladimir Rozanskij

    Il Convegno inizia domani e continua fino al 21 giugno. Il lavoro comune si era bloccato nel 2002 per le accuse di “proselitismo” alla Chiesa cattolica russa. Clima cambiato dopo l’incontro fra Francesco e Kirill all’Avana nel 2016. I russi preferiscono parlare di missione comune verso il mondo piuttosto che di unità della Chiesa indivisa nei primi 10 secoli.


    LAOS - VATICANO
    Il primo cardinale del Laos: ‘La forza delle piccole Chiese perseguitate’

    Weena Kowitwanij

    Il 21 maggio scorso papa Francesco aveva annunciato a sorpresa la nomina. La comunità cattolica in Laos è composta da circa 50mila fedeli. “È una Chiesa bambina, che vive il primo annuncio, rivolta soprattutto ai tribali e agli animisti”. “Alcuni dei problemi più gravi sono la carenza di sacerdoti e la qualità della formazione”. “Per molti essere cardinale è un onore, per me significa aiutare il papa a risolvere i problemi”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®