29 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 08/04/2010, 00.00

    CINA - VATICANO

    Vescovo agli arresti domiciliari: si rifiutava di celebrare con un altro vescovo scomunicato

    Wang Zhicheng

    Il vescovo è stato istallato oggi ufficialmente, ma non accettava di concelebrare con Ma Yinglin, ordinato nel 2006 senza il permesso della Santa Sede. Costretto, ha annunciato in pubblico che la cerimonia con Ma era contro la sua volontà.
    Pechino (AsiaNews) – Mons. Mattia Dujiang, vescovo di Bameng è agli arresti domiciliari. Lo confermano ad AsiaNews fonti locali. Proprio oggi il vescovo è stato istallato in modo ufficiale nella cattedrale. Le stesse fonti spiegano che il motivo dell’arresto è il suo rifiuto esplicito a concelebrare con un vescovo scomunicato, ordinato nel 2006 senza il permesso della Santa Sede.
      
    Mons. Du è vescovo da 6 anni di Bameng (Mongolia Interna). Era stato ordinato in segreto, con l’approvazione vaticana, ma senza il permesso dell’Associazione patriottica, l’organismo che vuole edificare una Chiesa nazionale separata dalla Santa Sede.
     
    Finora mons. Du, 47 anni, non aveva mai potuto parlare in pubblico in qualità di vescovo; negli incontri non poteva portare berretta, né croce pettorale. La cerimonia di oggi, nella cattedrale di Sanshenggong doveva essere un’istallazione ufficiale, in cui il vescovo veniva riconosciuto anche dal governo. Ma l’Ap ha preteso che alla cerimonia concelebrasse anche mons. Giuseppe Ma Yinglin, ordinato in modo illecito il 30 aprile 2006, su cui pesa una scomunica latae sententiae.
     
    Proprio alcune settimane fa la Commissione vaticana per la Chiesa in Cina ha diffuso un comunicato in cui si chiede ai vescovi legati al pontefice di evitare “di porre gesti (quali, ad esempio, celebrazioni sacramentali, ordinazioni episcopali, partecipazione a riunioni) che contraddicono la comunione con il Papa”.
     
    Proprio per questo mons. Du ha resistito fino alla fine, rifiutando la presenza di Ma Yinglin. Nonostante ciò il vescovo patriottico Ma è giunto da Pechino e si è imposto per concelebrare. Mons. Du ha voluto dire in pubblico che egli è stato costretto “contro la sua volontà” a partecipare alla messa con Ma Yinglin. Per questo ora egli è agli arresti domiciliari. La città da giorni è presidiata da forze di sicurezza: internet e telefoni sono sotto controllo.
     
    Alcuni cristiani cinesi hanno commentato ad AsiaNews: “Il coraggio di mons. Du è esemplare. Speriamo lo seguano molti altri vescovi. Corre voce che nelle prossime settimane ci saranno altre ordinazioni e Ma Yinglin vuole presiedere a tutte”.
     
    Da almeno due anni l’Ap sta cercando di convincere i vescovi della Chiesa ufficiale ad accettare Ma Yinglin come presidente nazionale dell’Ap.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/04/2010 CINA - VATICANO
    Sacerdoti e vescovo di Bameng forzati a concelebrare con il vescovo scomunicato
    Nuovi particolari sulla cerimonia di istallazione di mons. Du, sotto le pressioni del ministero degli affari religiosi e dell’Associazione patriottica. La cerimonia dell’8 aprile era tutta sotto il controllo del governo. Timori dei sacerdoti per le possibili difficoltà con i fedeli e con la comunità sotterranea.

    18/01/2007 VATICANO - CINA
    Incontro in Vaticano sulla Chiesa in Cina
    Domani inizia un incontro di alcuni dicasteri vaticani sulla situazione della Chiesa in Cina. A tema le ambiguità di Pechino; i vescovi ordinati in modo illecito; l’unità della Chiesa ufficiale e sotterranea e, soprattutto, come eliminare l’influenza dell’Associazione Patriottica.

    04/12/2007 CINA
    Arcivescovo di Guangzhou: “Combattere la minaccia del materialismo”
    Mons. Joseph Gan Junqiu, nuovo arcivescovo della metropoli meridionale, parla ad AsiaNews della sua diocesi “vivace, ma con grandi sfide davanti a sé”. La minaccia della “corsa al denaro, che lascia nella popolazione un vuoto di valori preoccupante”.

    04/12/2007 CINA - VATICANO
    Nuovo arcivescovo di Guangzhou: “Anche in Cina la Chiesa è una e cattolica”
    Prima di impartire la sua benedizione ai fedeli, mons. Gan ha ricordato che la Chiesa è “una, santa, apostolica e cattolica”. Alla cerimonia “imponente” presenza di agenti di polizia e membri dell’Associazione patriottica, che hanno controllato a vista i fedeli riuniti nella cattedrale del Sacro Cuore. L’abbraccio del vescovo agli unici stranieri presenti.

    16/11/2007 CINA - VATICANO
    L’AP frena l’ordinazione del vescovo di Guangzhou, approvato dalla Santa Sede
    La cerimonia dovrebbe avvenire il 3 dicembre. Ma l’Associazione Patriottica vuole imporre la presenza di vescovi illeciti. Il candidato, mons. Giuseppe Gan Junqiu, è approvato da quasi un anno dalla Santa Sede e da Pechino.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®