30 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 08/04/2010
CINA - VATICANO
Vescovo agli arresti domiciliari: si rifiutava di celebrare con un altro vescovo scomunicato
di Wang Zhicheng
Il vescovo è stato istallato oggi ufficialmente, ma non accettava di concelebrare con Ma Yinglin, ordinato nel 2006 senza il permesso della Santa Sede. Costretto, ha annunciato in pubblico che la cerimonia con Ma era contro la sua volontà.

Pechino (AsiaNews) – Mons. Mattia Dujiang, vescovo di Bameng è agli arresti domiciliari. Lo confermano ad AsiaNews fonti locali. Proprio oggi il vescovo è stato istallato in modo ufficiale nella cattedrale. Le stesse fonti spiegano che il motivo dell’arresto è il suo rifiuto esplicito a concelebrare con un vescovo scomunicato, ordinato nel 2006 senza il permesso della Santa Sede.
  
Mons. Du è vescovo da 6 anni di Bameng (Mongolia Interna). Era stato ordinato in segreto, con l’approvazione vaticana, ma senza il permesso dell’Associazione patriottica, l’organismo che vuole edificare una Chiesa nazionale separata dalla Santa Sede.
 
Finora mons. Du, 47 anni, non aveva mai potuto parlare in pubblico in qualità di vescovo; negli incontri non poteva portare berretta, né croce pettorale. La cerimonia di oggi, nella cattedrale di Sanshenggong doveva essere un’istallazione ufficiale, in cui il vescovo veniva riconosciuto anche dal governo. Ma l’Ap ha preteso che alla cerimonia concelebrasse anche mons. Giuseppe Ma Yinglin, ordinato in modo illecito il 30 aprile 2006, su cui pesa una scomunica latae sententiae.
 
Proprio alcune settimane fa la Commissione vaticana per la Chiesa in Cina ha diffuso un comunicato in cui si chiede ai vescovi legati al pontefice di evitare “di porre gesti (quali, ad esempio, celebrazioni sacramentali, ordinazioni episcopali, partecipazione a riunioni) che contraddicono la comunione con il Papa”.
 
Proprio per questo mons. Du ha resistito fino alla fine, rifiutando la presenza di Ma Yinglin. Nonostante ciò il vescovo patriottico Ma è giunto da Pechino e si è imposto per concelebrare. Mons. Du ha voluto dire in pubblico che egli è stato costretto “contro la sua volontà” a partecipare alla messa con Ma Yinglin. Per questo ora egli è agli arresti domiciliari. La città da giorni è presidiata da forze di sicurezza: internet e telefoni sono sotto controllo.
 
Alcuni cristiani cinesi hanno commentato ad AsiaNews: “Il coraggio di mons. Du è esemplare. Speriamo lo seguano molti altri vescovi. Corre voce che nelle prossime settimane ci saranno altre ordinazioni e Ma Yinglin vuole presiedere a tutte”.
 
Da almeno due anni l’Ap sta cercando di convincere i vescovi della Chiesa ufficiale ad accettare Ma Yinglin come presidente nazionale dell’Ap.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
12/04/2010 CINA - VATICANO
Sacerdoti e vescovo di Bameng forzati a concelebrare con il vescovo scomunicato
di Zhen Yuan
04/12/2007 CINA
Arcivescovo di Guangzhou: “Combattere la minaccia del materialismo”
18/01/2007 VATICANO - CINA
Incontro in Vaticano sulla Chiesa in Cina
di Bernardo Cervellera
04/12/2007 CINA - VATICANO
Nuovo arcivescovo di Guangzhou: “Anche in Cina la Chiesa è una e cattolica”
16/11/2007 CINA - VATICANO
L’AP frena l’ordinazione del vescovo di Guangzhou, approvato dalla Santa Sede

In evidenza
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.
LIBANO
Dalle Makassed islamiche una lotta dottrinale contro l’estremismo musulmano
di Fady NounL’organismo di riferimento ufficiale dei sunniti del Libano ha approvato un documento intitolato “Dichiarazione di Beirut sulla libertà religiosa”. Ci si chiede se Dar el-Fatwa riuscirà a riprendere progressivamente il controllo dell’insegnamento religioso musulmano nelle moschee del Paese.
HONG KONG - CINA
Card. Zen: Rimuovere le croci nel Zhejiang è insultare la fede dei cattoliciIl vescovo emerito di Hong Kong valuta che la campagna di distruzione delle croci e degli edifici religiosi sia ormai una direttiva a livello nazionale e una “regressione” della politica religiosa della Cina. Cattolici e protestanti di Hong Kong: Potrebbe succedere anche da noi. Entro il primo settembre saranno distrutti altri 15 edifici sacri “illegali” nel Zhejiang.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate