01/07/2014, 00.00
INDIA

Vescovo di Ahmedabad: No alla maternità surrogata, una "trappola" per i poveri

Ad AsiaNews mons. Thomas Ignatius Macwan parla di una pratica "contraria alla dignità umana" sempre più diffusa in Gujarat, anche tra le donne cattoliche. La maggior parte proviene da situazioni di miseria, dove mettere il proprio utero "in affitto" rappresenta un modo per fare soldi facili. Coppie da tutto il mondo ricorrono alla Akankasha Infertility Clinic, la più famosa dell'India.

Ahmedabad (AsiaNews) - "La maternità surrogata ha successo tra le donne più povere perché rappresenta soldi facili, disponibili con poco sforzo. Ma è una pratica che va contro la dignità umana, alla quale ci opponiamo con fermezza". A parlare ad AsiaNews è mons. Thomas Ignatius Macwan, vescovo di Ahmedabad, in Gujarat. Nella sua diocesi ad Anand ha sede la Akankasha Infertility Clinic: sulla carta è una clinica per l'infertilità; in realtà è il centro più famoso dell'India per la maternità surrogata, utilizzato da coppie di tutto il mondo che non riescono ad avere figli.

Fondato nel 1999 dalla dott.ssa Nayana Patel, la struttura mette a disposizione due ostelli per ospitare quelle donne che accettano di "affittare" il proprio utero per impiantarvi l'embrione di una coppia sterile, e portare avanti la gravidanza al loro posto. Per tutti i nove mesi le madri surrogate vengono alimentate in modo appropriato e tenute sotto stretto controllo medico. Le pazienti devono avere tra i 21 e i 35 anni, essere originarie del Gujarat e non possono affrontare più di tre maternità surrogate. Nel caso in cui siano sposate, ci deve essere il consenso firmato del marito. Anche i clienti devono rispettare alcune regole: devono essere sposati e non possono scegliere "l'utero in affitto" in base alla sua casta o religione.

Mons. Macwan spiega ad AsiaNews: "Questa clinica usa donne che provengono da situazioni molto povere. Alcune di loro sono cattoliche e con la diocesi facciamo di tutto per aiutarle a non ricorrere a questa pratica. Io stesso ho detto ad alcune più volte: 'Se siete in difficoltà, noi siamo pronti ad aiutarvi. Ma non ricorrete alla surrogazione di maternità'. Perché questa pratica è contro i valori umani".

Per una gravidanza surrogata la donna viene pagata circa 400mila rupie (4.800 euro): appena un quarto di quanto devono pagare i "futuri genitori".

Attraverso il Dipartimento dei social media, sottolinea il presule, "abbiamo tenuto corsi per sensibilizzare la popolazione sull'aborto e sulla surrogazione di maternità, spiegando che si tratta di azioni sbagliate. Abbiamo chiesto a tutte le parrocchie di mettersi in contatto con queste donne per aiutarle e consigliarle, ma la realtà è che un buon numero di loro sceglie comunque quella strada. Alcuni di noi hanno parlato anche con la dottoressa, ma lei sostiene di non fare nulla di sbagliato".

Quella di Ahmedabad è la più piccola delle quattro diocesi del Gujarat, ma la più popolosa dal punto di vista religioso: oltre 70mila cattolici, su 10 milioni di persone. 

 

Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Medico indiano: Maternità a 72 anni, frutto della globalizzazione dell’indifferenza
17/05/2016 11:37
Donna uccisa per venderne gli ovuli. Medico cattolico: È solo un business, non un aiuto alla vita
24/06/2016 11:48
India, maternità surrogata: coppia australiana vuole solo la femmina e abbandona il gemello
10/10/2014
La Chiesa thai combatte contro l’utero in affitto
19/01/2016 13:00
Delhi, sacerdoti e suore avvocati: La maternità surrogata deve essere abolita
06/04/2017 12:05