01 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 01/07/2014, 00.00

    INDIA

    Vescovo di Ahmedabad: No alla maternità surrogata, una "trappola" per i poveri



    Ad AsiaNews mons. Thomas Ignatius Macwan parla di una pratica "contraria alla dignità umana" sempre più diffusa in Gujarat, anche tra le donne cattoliche. La maggior parte proviene da situazioni di miseria, dove mettere il proprio utero "in affitto" rappresenta un modo per fare soldi facili. Coppie da tutto il mondo ricorrono alla Akankasha Infertility Clinic, la più famosa dell'India.

    Ahmedabad (AsiaNews) - "La maternità surrogata ha successo tra le donne più povere perché rappresenta soldi facili, disponibili con poco sforzo. Ma è una pratica che va contro la dignità umana, alla quale ci opponiamo con fermezza". A parlare ad AsiaNews è mons. Thomas Ignatius Macwan, vescovo di Ahmedabad, in Gujarat. Nella sua diocesi ad Anand ha sede la Akankasha Infertility Clinic: sulla carta è una clinica per l'infertilità; in realtà è il centro più famoso dell'India per la maternità surrogata, utilizzato da coppie di tutto il mondo che non riescono ad avere figli.

    Fondato nel 1999 dalla dott.ssa Nayana Patel, la struttura mette a disposizione due ostelli per ospitare quelle donne che accettano di "affittare" il proprio utero per impiantarvi l'embrione di una coppia sterile, e portare avanti la gravidanza al loro posto. Per tutti i nove mesi le madri surrogate vengono alimentate in modo appropriato e tenute sotto stretto controllo medico. Le pazienti devono avere tra i 21 e i 35 anni, essere originarie del Gujarat e non possono affrontare più di tre maternità surrogate. Nel caso in cui siano sposate, ci deve essere il consenso firmato del marito. Anche i clienti devono rispettare alcune regole: devono essere sposati e non possono scegliere "l'utero in affitto" in base alla sua casta o religione.

    Mons. Macwan spiega ad AsiaNews: "Questa clinica usa donne che provengono da situazioni molto povere. Alcune di loro sono cattoliche e con la diocesi facciamo di tutto per aiutarle a non ricorrere a questa pratica. Io stesso ho detto ad alcune più volte: 'Se siete in difficoltà, noi siamo pronti ad aiutarvi. Ma non ricorrete alla surrogazione di maternità'. Perché questa pratica è contro i valori umani".

    Per una gravidanza surrogata la donna viene pagata circa 400mila rupie (4.800 euro): appena un quarto di quanto devono pagare i "futuri genitori".

    Attraverso il Dipartimento dei social media, sottolinea il presule, "abbiamo tenuto corsi per sensibilizzare la popolazione sull'aborto e sulla surrogazione di maternità, spiegando che si tratta di azioni sbagliate. Abbiamo chiesto a tutte le parrocchie di mettersi in contatto con queste donne per aiutarle e consigliarle, ma la realtà è che un buon numero di loro sceglie comunque quella strada. Alcuni di noi hanno parlato anche con la dottoressa, ma lei sostiene di non fare nulla di sbagliato".

    Quella di Ahmedabad è la più piccola delle quattro diocesi del Gujarat, ma la più popolosa dal punto di vista religioso: oltre 70mila cattolici, su 10 milioni di persone. 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/06/2016 11:48:00 INDIA
    Donna uccisa per venderne gli ovuli. Medico cattolico: È solo un business, non un aiuto alla vita

    Nel Maharasthra la polizia ha scoperto un racket di ovuli. Le donne povere venivano convinte a donare i propri con la promessa di elevati guadagni. Ma una di loro si è ribellata ed è stata uccisa. Dott. Pascoal Carvalho: “Il bambino non è mai visto come un dono, ma come un articolo da procurare”.



    17/05/2016 11:37:00 INDIA
    Medico indiano: Maternità a 72 anni, frutto della globalizzazione dell’indifferenza

    La vicenda dell’anziana madre ha suscitato il dibattito su pratiche mediche “disumane e immorali”. L’India è diventata una meta privilegiata per il turismo medico. Il settore della fecondazione assistita fattura ogni anno più di 4,4 miliardi di euro. Su tutto il territorio sono sparse cliniche che consentono i trattamenti in vitro e offrono servizi di maternità surrogata.



    10/10/2014 INDIA - AUSTRALIA
    India, maternità surrogata: coppia australiana vuole solo la femmina e abbandona il gemello
    "Scelta" legata al genere: i due hanno già un figlio maschio. Il caso risale al 2012, ma solo in questi giorni un giudice ha rivelato la storia. Medico cattolico di Mumbai: "In questi casi i diritti dei bambini non vengono tenuti in considerazione". Il fatto ricorda il caso di "baby Gammy", nato da madre surrogata ma rifiutato dai genitori biologici perché down.

    19/01/2016 13:00:00 THAILANDIA
    La Chiesa thai combatte contro l’utero in affitto

    Per Chertchai Lertjitlaeka, medico camilliano, la pratica dell’utero in affitto “viola il rapporto di onestà e trasparenza fra i coniugi”. Dopo diversi scandali, a luglio 2015 la Thailandia ha vietato la maternità surrogata per coppie straniere. Avvocato per i diritti umani: “La salute riproduttiva è un diritto di tutti, ma le madri surrogate non sanno nulla degli effetti collaterali delle sostanze che assumono in gravidanza”.



    21/08/2014 INDIA
    Cliniche per l'infertilità, l'altra faccia della maternità surrogata in India
    In tre anni il numero delle strutture è salito del 20%. Nel Paese non è cresciuta l'infertilità, ma il numero di persone (64%) che preferisce ricorrere alla fecondazione assistita o a un "utero in affitto". La surrogazione inizia a diffondersi anche tra le coppie indiane.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin, il Vaticano e la “logica da banditi” dell’Associazione patriottica

    Gu Feng

    Un sacerdote della Cina centrale ripensa al “voltafaccia” del vescovo di Shanghai e lo paragona a Giovanni il Battista, confinato in prigione dopo le accuse a Erode. La “logica da banditi” dell’Associazione patriottica e del governo tende a eliminare la religione dal Paese. Il Vaticano rischia di contraddirsi venendo a compromessi con l’Associazione patriottica, che papa Benedetto XVI ha definito “incompatibile” con la dottrina cattolica nella Lettera ai cattolici cinesi che papa Francesco non ha smentito, anzi l’ha ribadita.


    CINA - VATICANO
    Il “voltafaccia” di mons. Ma Daqin, una croce per il bene di Shanghai

    p. Pietro dalla Cina

    Il vescovo ausiliare di Shanghai ha a cuore il benessere della sua diocesi e intende portare da solo il fardello delle sue dichiarazioni di quattro anni fa. Le precisazioni di p. Lombardi sul ruolo della Santa Sede fugano ogni dubbio: la Lettera di Benedetto XVI alla Chiesa cinese è ancora valida, quindi la posizione dell’Associazione patriottica non è accettata dal Vaticano. Il commento di un sacerdote cinese, traduzione a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®