26 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 09/08/2012
INDIA
Vescovo di Tuticurin: Stop alla centrale nucleare pericolosa per la popolazione
di Santosh Digal
Mons. Yvon Ambroise critica la precarietà dell'impianto di Kudankulam (Tamil Nadu) e l'indifferenza del governo. Da circa un anno 50mila persone digiunano a turno per la chiusura della centrale. La Chiesa li sostiene e assicura loro preghiere. La crescita e lo sviluppo necessarie, ma non a costo della vita umana.

Tuticurin (AsiaNews) - "La centrale nucleare di Kudankulam  (Tamil Nadu) è ormai una questione di vita o di morte per tutta la popolazione. ". È quanto afferma  mons. Yvon Ambroise, vescovo di Tuticurin che critica il silenzio del governo sulla costruzione dell'impianto nucleare di Kudankulam e avverte sui i potenziali danni ad ambiente e uomo.  Intervistato da AsiaNews il prelato sottolinea che la Chiesa è in prima linea nel difendere i diritti della popolazione locale e non  distingue fra religione, etnia e ceto sociale.

Firmato nel 1988 ma avviato solo nel 1997, il progetto dell'impianto nucleare russo di Kudankalam ha subito diversi rinvii, a causa dei ritardi nella fornitura di componenti e dell'ostruzionismo della gente. L'11 settembre 2011, più di 127 persone del villaggio di Idinthakarai hanno iniziato a digiunare in segno di protesta. Dopo 12 giorni, la gente ha interrotto lo sciopero della fame per le promesse (non mantenute) di J. Jayalitha, chief minister dello Stato, che aveva garantito di fermare il progetto. 

Ecco di seguito l'intervista rilasciata da mons. Yvon Ambroise

Eccellenza, qual'è la situazione nell'area dell'impianto nucleare di Kudakulam?

Circa 50mila persone stanno digiunando a turno davanti alle porte della centrale dall'11 agosto 2011. Per la popolazione, il problema di Kudakulam è diventata una questione di sopravvivenza, anche se il governo continua ad andare avanti per la sua strada e prosegue con la costruzione dell'impianto che mette a rischio la vita di migliaia di persone e l'ambiente.

La Chiesa condivide le ragioni della protesta?

Si, i miei sacerdoti, religiosi e tutte le autorità della Chiesa locale sostengono la popolazione che rischia la vita a causa dell'impianto. Gli stessi abitanti della zona guidano le proteste, e noi vi abbiamo preso parte perché viviamo e lavoriamo per loro senza distinguere fra religione, cultura, casta o lingua. In seguito alle manifestazioni, diversi funzionari del governo hanno "tormentato" i rappresentanti della Chiesa bloccando le donazioni provenienti dall'estero, sulla base del Foreign Contribution Regulation Act del 2010. Essi mi accusano di fomentare le proteste, ma io ho sempre negato queste illazioni.

Perché il governo continua ad ribadire che l'impianto è sicuro?

Per molti anni le autorità hanno diffuso menzogne sull'argomento sostenendo che la centrale non era pericolosa per la gente. Quando noi abbiamo domandato maggiori delucidazioni sulle reale natura  dell'impianto e se fosse sicuro non abbiamo ricevuto risposta. Essi hanno giustificato il silenzio con "ragioni di sicurezza interna". Tutto ciò è ridicolo.  Al governo non interessa nulla della vita delle persone. Per zittire la voce dei poveri essi utilizzano "metodi oppressivi" e sono irremovibili sulla prosecuzione dei lavori.

Gli altri vescovi del Tamil Nadu sostengono la vostra causa?

A tutt'oggi, essi hanno diffuso due lettere pastorali contro la costruzione della centrale. Le autorità dovrebbero comprendere i pericoli per la popolazione ed essere consapevoli che la vita della gente e il loro futuro dipendono dalla presenza o meno dell'impianto nucleare. Le autorità devono trovare soluzioni energetiche alternative a quella atomica.

Qual è la sua idea di sviluppo economico?

La crescita e lo sviluppo sono necessarie, ma non a costo della vita umana. La persona dovrebbe essere al centro dei programmi economici, non subirli. L'energia nucleare che verrà prodotta a Kudankulan viene creata danneggiando i poveri e l'ambiente. La costruzione della centrale è iniziata per le idee sbagliate di alcuni politici, che considerano il progetto l'unica via per lo sviluppo economico della zona, ma forse non hanno ancora compreso il reale significato del termine "sviluppo".

 Cosa si può fare per migliorare la vita dei poveri e degli emarginati in India?

Occorre in primo luogo analizzare i contesti sociali in cui vivono i poveri e pianificare programmi di sviluppo a partire dalle loro esigenze. In questo modo gli emarginati diventano il vero oggetto delle politiche di sviluppo. Quando la Chiesa deve studiare la situazione di aree con un alto tasso di povertà, il nostro lavoro e quello di coloro che ci appoggiano è al completo servizio della popolazione. Il concetto di sviluppo promosso dal governo indiano è quello delle società  che operano sul territorio solo per i propri interessi, senza alcuna attenzione per la vita delle persone.         

Chi lavora al servizio della popolazione e persegue gli ideali della Chiesa cattolica deve avere professionalità e lavorare basandosi sugli insegnamenti del Vangelo, operando con dedizione e ottimismo, per amore dei poveri.  

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
19/10/2013 INDIA
Vescovo dell'Orissa: Giornata missionaria mondiale, contro le persecuzioni e uniti nella fede
di mons. Niranjan Sual Singh*
20/08/2011 COREA DEL SUD
La Chiesa contro la base militare di Jeju: “E’ contro la coscienza cristiana”
di Joseph Yun Li-sun
21/11/2012 COREA DEL SUD
Arcivescovo di Seoul: "L'Anno della Fede ci invita a rilanciare il nostro essere cristiani"
di Joseph Yun Li-sun
04/09/2010 INDIA
I primi cento anni di Madre Teresa, luce dell’amore di Dio per il mondo
di Nirmala Carvalho
04/09/2010 INDIA
“Quando Madre Teresa salvò la mia vocazione”
di Suor Annaline, MC*

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate