10/04/2012, 00.00
FILIPPINE
Invia ad un amico

Vescovo smaschera un finto attentato per difendere l'ex governatore

di David Viehland
Gli ordigni sono esplosi lo scorso 5 aprile nei sobborghi di Puerto Pricesa. Quattro persone sono rimaste ferite. Per il vescovo locale le bombe sono legate al processo contro Mario Joel Reyes, ex governatore della zona, accusato di omicidio e a tutt'oggi latitante. Secondo la polizia egli è il mandante dell'omicidio di Gerry Ortega, giornalista cattolico ucciso nel 2011.

Manila (AsiaNews) - "Le bombe esplose lo scorso 5 aprile (giovedì santo) nei sobborghi di San Jose e El Nido (Puerto Princesa - Palawan) hanno motivi politici. Il fatto non ha danneggiato la Chiesa locale impegnata nelle celebrazioni per la Settimana Santa". È quanto sottolinea ad AsiaNews mons. Pedro Arigo, vescovo di Puerto Princesa. I due ordigni sono esplosi a pochi chilometri dall'entrata del Subterrean River National Park di Puerto Princesa, paradiso naturale tutelato dall'Unesco. Nell'attentato quattro persone sono rimaste ferite. "Nonostante la paura - continua il prelato - centinaia di persone hanno partecipato alla via Crucis del venerdì Santo e alla messa di Pasqua celebrata in cattedrale".

Secondo mons. Arigo chi ha piazzato le bombe vuole creare un clima di terrore fra la popolazione e colpire il mercato del turismo. Ciò per distogliere l'attenzione dalla caccia all'uomo contro Mario Joel Reyes, ex governatore della provincia, ricercato insieme al fratello per l'omicidio di Gerry Ortega, giornalista cattolico ucciso in circostanze misteriose il 24 gennaio 2011.

Impegnato nella difesa dei tribali, il reporter ha condotto per anni un programma radio, per denunciare lo sfruttamento minerario dell'isola e i soprusi contro i tribali. Alle sue trasmissioni partecipavano spesso missionari, esponenti delle comunità cristiane, organizzazioni non governative e gruppi di ambientalisti. Di recente la polizia ha arrestato gli esecutori materiali e alcuni dei mandanti dell'omicidio. Essi hanno indicato come mente principale dell'assassinio, Mario Joel Rayesm ex governatore della regione, a tutt'oggi latitante. 

Lo scorso 8 aprile la polizia ha arrestato Jheramae Harim Hassan, leader della comunità musulmana locale come possibile autore degli attentati. Mons. Arigo nota che la notizia non ha suscitato reazioni fra la popolazione. Secondo lui tutti sono convinti del legame fra l'attentato e il processo per l'omicidio Ortega. "La gente - afferma il vescovo - sa benissimo che questi atti sono orchestrati da politici locali". Mons. Arigo sottolinea che il giornalista era un suo grande amico, con il quale aveva organizzato numerose battaglie contro la corruzione e lo sfruttamento dell'isola. 

 

 

 

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Allarme sicurezza: giornalista sgozzato a Jhapa, bombe nel centro di Kathmandu
05/04/2012
Cristiani di ogni confessione costruiscono insieme case per i bisognosi
08/02/2008
Ucciso giornalista cattolico filippino: difendeva le tribù indigene
27/01/2011
Il paradiso di Palawan, tra natura incontaminata e bambini che muoiono di fame
11/08/2014
Bangladesh, pena di morte per gli spacciatori: ‘blindare’ il voto di dicembre
12/10/2018 12:01