17/12/2020, 10.39
SIRIA
Invia ad un amico

Vicario di Aleppo: oltre Covid e sanzioni, un Natale semplice e partecipato

Mons. Abou Khazen: “Le sanzioni uccidono più delle bombe”. Embargo e Caesar Act hanno un impatto ancora maggiore del nuovo coronavirus. Le famiglie sono sempre più povere, il potere di acquisto dei salari in continuo calo mentre cresce l’inflazione. Poche luci e addobbi, ma “grande partecipazione”. La visita del papa in Iraq fonte di coraggio.

Aleppo (AsiaNews) - Un Natale “semplice”, che richiama la Sacra Famiglia nella grotta di Betlemme “con poche luci e addobbi”, ma “partecipato e con chiese gremite” dai fedeli in un contesto ”drammatico per le sanzioni, che uccidono più delle bombe durante la guerra”. È quanto sottolinea ad AsiaNews il vicario apostolico di Aleppo dei Latini, mons. Georges Abou Khazen, raccontando il clima dell’Avvento nella metropoli del nord del Paese, per anni epicentro del conflitto siriano sino alla liberazione nel dicembre del 2016. Il prelato conferma che “abbiamo abolito i ricevimenti ufficiali”, perché sarebbe stato “impossibile stare in piedi cinque ore e fare gli auguri a tutti i rappresentanti religiosi e istituzionali al tempo del Covid-19. Si celebra la messa, poi un saluto sulla porta della chiesa con maschere, distanziamento e disinfettanti”. 

In quella che un tempo era la metropoli economica e commerciale della Siria quest’anno la festa è in tono minore, non tanto per la paura di contrarre il nuovo coronavirus quanto per le sanzioni e l’embargo di Stato Uniti ed Europa. “Alle misure punitive ordinarie - spiega mons. Abu Khazen - si è aggiunta anche il Caesar Act imposto dagli Usa, che colpisce la popolazione nella vita di ogni giorno, assieme all’inflazione”. 

La nascita di Gesù, racconta il vicario apostolico, è sempre “fonte di speranza e di gioia. Tuttavia, in Siria oggi c’è poco da festeggiare non tanto per il virus, quanto per l’impoverimento generale della popolazione. Un tempo un euro era scambiato a 50 lire siriane, oggi a 3600. Le paghe sono rimaste uguali, i prezzi saliti alle stelle con file enormi ai forni per un pezzo di pane, razionato dal governo. E con il freddo, molte famiglie non hanno ricevuto nemmeno la loro parte di gasolio. In passato le forniture, anche in tempo di guerra, ogni ventina di giorni arrivava una bombola di gas mentre oggi ne trascorrono almeno 60. La luce viene un’ora e mezza, poi sparisce per nove, altrettante file di auto in coda per la benzina e così via”.

“Il Natale in passato - ricorda il prelato - sotto la guerra, nonostante l’assedio e le bombe, non presentava le stesse difficoltà. Per le persone era forse più facile soddisfare i bisogni della vita quotidiana. Oggi molte cose non si possono comprare, dalla frutta alla carne che resta un sogno per la grande maggioranza”. Il blocco occidentale, in primis gli Stati Uniti, si è accordo “di non poter vincere la guerra sul piano militare, quindi ha scelto di strozzare la Siria da un punto di vista economico. Ma questo - accusa - è un crimine contro l’umanità, perché questo popolo non ha colpe. Inoltre, non è vero che i combattimenti sono finiti, mentre quello che è certo è l’aumento della povertà e la mancanza di medicinali, doppiamente grave in questo momento di pandemia”. 

Mons. Abou Khazen ricorda che la Siria è una nazione “ricca di frumento, di risorse minerali, di petrolio e di gas, cui viene impedito di usarlo, soprattutto quello del nord-est controllato dagli americani, persino per riscaldare le abitazioni private”. 

 In questo contesto “il coronavirus, a differenza di molti altri Paesi, non è ‘il’ problema ma uno dei tanti cui dobbiamo far fronte e chi può lavora, per mandare avanti la famiglia”. Fra le poche voci che si levano a favore della Siria vi è quella di papa Francesco, con i suoi ripetuti appelli per la pace l’ultimo dei quali l’11 dicembre ad un incontro di 50 agenzie cattoliche. “Il pontefice - sottolinea - parla sempre a favore del popolo siriano e la decisione, forte e coraggiosa, di visitare l’Iraq può avere risvolti positivi anche per noi perché lancia un messaggio forte al mondo, soprattutto verso quanti vogliono disgregarne Stato e società”. “Il più bel regalo di Natale - conclude - sarebbe la cancellazione delle sanzioni verso il popolo siriano”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Mons. Nassar: il Natale dei cristiani siriani, più forti del Covid-19 e delle sanzioni
16/12/2020 09:51
Parroco di Aleppo: la luce del bambino Gesù nel buio del Covid e delle sanzioni
28/12/2020 09:04
Vicario di Aleppo: cristiani in festa per il Natale, ma la situazione a Idlib fa paura
18/12/2018 11:08
P. Ibrahim: dal trauma della guerra, alla speranza e solidarietà. Il Natale di Aleppo
21/12/2017 10:58
Vicario di Aleppo: pace, casa e lavoro. Il dono di Natale per il futuro dei cristiani siriani
19/12/2017 11:23