20 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 09/07/2016, 11.01

    BANGLADESH

    Video-minaccia dell’Isis: uno dei jihadisti è un famoso cantante di talent show

    Sumon Corraya

    L’uomo si chiama Tahamid Rahman Shafi ed è il figlio di un ex commissario del collegio elettorale. Ha studiato in scuole prestigiose e aveva guadagnato la fama grazie alle sue “melodie che conquistavano i cuori”. Genitori e amici non riescono a comprendere la decisione di unirsi al Califfato. “Sognava un futuro da cantante professionista”.

    Dhaka (AsiaNews) – Le autorità del Bangladesh hanno identificato i tre militanti islamici che compaiono nel video di minaccia in cui il Califfato loda l’attacco terroristico della scorsa settimana a Dhaka e promette futuri attentati. Uno di loro è Tahamid Rahman Shafi, un famosissimo cantante locale divenuto noto per la sua partecipazione ad un programma televisivo per cantanti non professionisti. Ad AsiaNews un amico, anonimo per sicurezza, esprime profondo dispiacere per la decisione del giovane di unirsi allo Stato islamico e dice: “Tahamid sognava di continuare gli studi di canto. Voleva diventare un grande professionista”.

    L’uomo compare nel video diffuso dai miliziani dell’Isis pochi giorni fa. È lui che pronuncia la frase che ha fatto il giro del mondo: “Il jihad [guerra santa] in Bangladesh, come è ora, non assomiglia a niente che avete visto prima. Quello a cui avete assistito in Bangladesh è stato solo un’occhiata. Questo si ripeterà, ripeterà, ripeterà fin quando voi perderete e noi vinceremo e la sharia sarà imposta in tutto il mondo”.

    Tahamid è stato identificato dagli stessi parenti, che hanno riferito che non avevano sue notizie da diversi anni. Il padre è Shafiur Rahman, un ex commissario della sezione elettorale. Anche lui quindi, come i cinque attentatori dell’Holey Artisan Bakery Cafè, non proviene da una famiglia povera, e aveva di fronte a sé un futuro radioso fatto di successi.

    Nel 2006 ha partecipato alla prima edizione del reality show CloseUp1, un programma televisivo che scova nuovi talenti amatoriali in campo musicale. Era rientrato nel gruppo dei 15 migliori cantanti, grazie al televoto degli spettatori che hanno premiato la sua voce. In seguito aveva guadagnato grande notorietà grazie alle sue “melodie che conquistavano i cuori”.

    Parenti e amici non riescono a trovare una spiegazione al suo gesto, in apparenza non motivato da carenze affettive o valoriali. Inoltre l’estremista islamico ha studiato nel liceo cattolico Notre Dame della capitale, e ha frequentato il corso di amministrazione finanziaria nell’università Brac, prestigioso ateneo privato.

    Le autorità hanno identificato anche gli altri due uomini che compaiono nel video. Si tratta di Tushar, ex marito della famosa modella e attrice Naila Nayem, e di Tawsif Hossian, un ex studente dell’Istituto di Business Administration dell’università di Dhaka.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/07/2016 11:45:00 BANGLADESH
    Lotta al terrorismo islamico in Bangladesh: sotto controllo i sermoni nelle moschee

    La decisione di Dhaka tenta di frenare i “discorsi dell’odio” diffusi da predicatori radicali. Uno di loro, Zakir Naik, ha avuto un’influenza diretta sugli attentatori di Dhaka. Le autorità hanno deciso di oscurare il suo canale televisivo. Nel Paese esistono circa 600mila moschee. La Fondazione islamica distribuirà i testi per la preghiera del venerdì.



    03/04/2017 13:38:00 BANGLADESH
    Confessione di un adolescente militante: Cristiani uccisi per “esercitarsi” alla strage di Dhaka

    Taharem Kaderi racconta la sua guerra santa. Il ragazzo ha 14 anni ed era uno studente brillante dell’ottava classe. Nel 2014 i genitori sono andati in pellegrinaggio islamico e sono cambiati. Egli ha cambiato casa e vita, radicalizzandosi insieme ad altri militanti. Ha gioito alla notizia della strage di Dhaka in cui sono morti anche nove italiani. Per un periodo ha vissuto con gli attentatori del bar per stranieri.



    27/07/2016 09:09:00 BANGLADESH
    I militanti uccisi ieri erano legati ai terroristi della strage di Dhaka

    Il capo della polizia della capitale ha dichiarato che i due gruppi terroristi presentano molte somiglianze. Erano tutti giovani e appartenenti a buone famiglie. Nell’appartamento dei nove militanti uccisi ieri sono state ritrovate delle tessere universitarie. Le foto dei giovani diffuse sui social media per facilitare il riconoscimento.



    04/07/2016 08:57:00 BANGLADESH
    Strage di Dhaka: i terroristi erano tutti rampolli di famiglie benestanti

    Le autorità hanno identificato cinque dei sette esecutori dell’attentato terroristico all’Holey Artisan Bakery cafè. Sono figli di ricche famiglie locali e studiavano in costose scuole private; il padre di uno di essi è un esponente del partito di governo. Lo Stato islamico ha rivendicato l’assalto, ma il ministro dell’Interno parla di gruppi islamici locali.



    23/09/2016 08:36:00 BANGLADESH
    Seppelliti dopo tre mesi i terroristi della strage di Dhaka

    Nessuno dei familiari dei cinque attentatori e del cuoco, accusato di complicità, ha chiesto i loro corpi. Le esequie sono state affidate ad una organizzazione caritatevole. Ancora latitanti il coordinatore dell’attacco e i finanziatori.





    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®