20 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 23/04/2014, 00.00

    VIETNAM

    Vietnam, epidemia di morbillo uccide 123 bambini. I genitori attaccano il governo



    Nel mirino il dicastero della Sanità, che avrebbe nascosto la situazione invece di intervenire. Il ministro Nguyen Thi Kim Tien minimizza e parla di “sole” 25 vittime. Vi sono al momento 3.430 casi confermati e oltre 5.800 sospetti. L’Oms segue da vicino l’evolvere della situazione. Genitori in allarme prendono d’assalto gli ospedali.

    Hanoi (AsiaNews/Agenzie) - In Vietnam è allerta morbillo, con 123 vittime (tutte pre-adolescenti) confermate nel Paese e un'ondata di malcontento popolare crescente per i provvedimenti - ritenuti insufficienti - adottati sinora dalle autorità per contenere l'epidemia. Gli ospedali di Hanoi nel nord, Ho Chi Minh City nel sud e in altre località sono presi d'assalto da una popolazione impaurita dal dilagare della malattia. Intanto su internet e nei social network monta la protesta; sul banco degli imputati il ministro della Salute Nguyen Thi Kim Tien, della quale vengono chieste a gran voce le dimissioni. Il sospetto è che i vertici dello Stato abbiamo voluto coprire di proposito una potenziale "epidemia", mentre i genitori si affidano alle strutture sanitarie per la somministrazione del vaccino. 

    Secondo un rapporto ufficiale del ministero, aggiornato al 20 aprile, vi sono al momento 3.430 casi confermati e oltre 5.800 sospetti, in quella che i medici hanno definito la peggiore epidemia di sempre di morbillo. Tuttavia, per molti cittadini il bilancio è stato fornito con colpevole ritardo ed è stato sottostimato. Fra i molti messaggi pubblicati sui social network rivolti al ministro, uno si domanda "per quanto tempo avete intenzione di coprire la realtà, prima che la gente sappia la reale portata della situazione". Un altro aggiunge: "Se ti è rimasta un po' di dignità, dimettiti". 

    Altri ritengono che la mancanza di informazioni certe sia legata all'obiettivo, fissato in precedenza dalle autorità, di debellare la malattia dal Paese entro il 2017. 

    La scorsa settimana la ministro Tien ha respinto le accuse di voler nascondere il dato reale dei morti, parlando di "sole" 25 vittime attribuibili "in modo diretto" al morbillo. Di contro, i medici dei principali ospedali della capitale riferiscono di decine di bambini e giovani che stanno morendo a causa della malattia. 

    Nella maggioranza dei casi i decessi per morbillo sopraggiungono a causa di complicazioni legate alla patologia. L'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) segue da vicino l'evolvere della situazione, per scongiurare l'allargamento a macchia d'olio del contagio. 

    In Vietnam gli standard di comunicazione al pubblico di epidemie o sviluppo di patologie gravi sono molto meno rigidi rispetto ad altri Paesi e anche il monitoraggio negli ospedali presenta gravi lacune, per la mancanza di denaro e risorse. L'Oms non nasconde peraltro le proprie "gravi" preoccupazioni e ricorda che, in alcuni casi, anche solo "tre morti sono sufficienti" per dichiarare l'epidemia, sebbene la decisione finale spetti al singolo Paese. 

    Il morbillo è una malattia virale, molto comune fra i bambini, che causa febbre alta, macchie fugaci bianche in bocca e il caratteristico esantema. In Vietnam il primo vaccino è somministrato ai nove mesi, mentre il richiamo è effettuato dopo 12 mesi. Già nel biennio 2009/10 si era registrata una epidemia di morbillo nel Paese asiatico, ma il numero delle vittime (ufficiali) si era fermato a tre.  

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/09/2012 VIETNAM
    Influenza aviaria: in Vietnam compare una variante nuova e “molto tossica”
    Il virus si sta diffondendo con crescente rapidità. Sarebbe una “mutazione” dell’H5N1, prodotto negli allevamenti di pollame lo scorso anno. Per gli esperti è una patologia pericolosa e mortale. La malattia si sviluppa (anche) a causa del traffico illegale e clandestino di volatili dalla Cina. Per gli scienziati resta il pericolo di pandemia.

    15/05/2017 08:44:00 YEMEN
    Yemen, emergenza colera: 115 vittime, oltre 8500 le persone contagiate

    Epicentro dell’epidemia la capitale Sana’a e la confinante provincia Amanat al-Semah. Condizioni igieniche precarie e povertà hanno favorito la diffusione. Oms: meno del 45% degli ospedali e delle cliniche funzionano a pieno regime. La guerra ha danneggiato o distrutto almeno 300 strutture mediche.

     



    06/08/2009 CAMBOGIA
    Cambogia, emergenza malaria: in sei mesi 103 morti e 27mila contagi
    I casi di decesso cresciuti del 58% rispetto allo stesso periodo del 2008. A causare la diffusione del parassita la stagione delle piogge anticipata e il ritardo nella distribuzione delle zanzariere. Da un recente studio emerge una varietà della malattia resistente ai farmaci.

    20/02/2007 COREA
    Malattie, fame, profughi nel Nord che celebra Kim Jong-il
    L’allarme viene dalla Chiesa coreana e dal governo di Seoul che, alla luce dei nuovi dati sui rifugiati nordcoreani, temono una fuga di massa dal regime. Quasi pronto un Centro cattolico per l’Unificazione, che verrà usato come primo stadio del reinserimento dei profughi.

    03/08/2009 SRI LANKA
    Rischio epidemie nei campi profughi tamil, lanciata una campagna di vaccinazione
    Entro 3 giorni saranno vaccinati contro il morbillo tutti i bambini sotto i 5 anni. Human Rights Watch denuncia una situazione sanitaria disastrosa nei campi: affollati il doppio del previsto, senza latrine, né acqua. Frequenti le malattie infettive.



    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®