24 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 02/04/2014, 00.00

    VIETNAM

    Vietnam, nuovi sequestri e demolizioni contro i cattolici di Cồn Dầu



    Le autorità di Da Nang vogliono sequestrare i terreni per realizzare un resort turistico. Nei giorni scorsi l'ultimo raid, con l'espulsione di diverse famiglie e l'abbattimento delle loro case. Protagonisti del blitz polizia, pubblica sicurezza ed esercito. I fedeli tentano di resistere agli espropri, ma il loro numero si riduce in maniera progressiva.

    Ho Chi Minh City (AsiaNews/EdA) - Diverse famiglie cacciate dalle proprie case, abitazioni rase al suolo e terreni sequestrati: continuano i raid delle autorità vietnamite nei confronti dei cattolici di Cồn Dầu, nel distretto di Cẩm Lệ, provincia di Da Nang (centro-sud del Vietnam), al centro di un'annosa controversia per la proprietà delle terre. Da sei anni Hanoi tenta in tutti i modi di sequestrare l'area dietro motivazioni di carattere "ecologico", anche se in realtà il vero obiettivo è la realizzazione di un resort turistico di lusso. I fedeli cercano di resistere alla cancellazione e mantenere in vita la storica comunità, anche se il loro numero si riduce sempre più con il passare del tempo.

    L'ultimo abuso in ordine di tempo, perpetrato dalle autorità con la collaborazione della polizia, è avvenuto il 27 marzo scorso, con l'espulsione di diverse famiglie e l'abbattimento delle loro case. Testimoni locali riferiscono che "alle 7 del mattino le forze di polizia hanno circondato il quartiere" e bloccato "tutte le aree di accesso". A compiere il raid, aggiungono le fonti, "vi erano agenti di polizia, della pubblica sicurezza e dell'esercito", accompagnati da diversi mezzi fra cui "bulldozer e ambulanze".

    La sera precedente l'amministrazione locale aveva tagliato il rifornimento di luce e acqua potabile, per poi agire nella notte indisturbati e portare a compimento l'opera di demolizione. L'area di Cồn Dầu comprende il cimitero e si estende su un terreno di 10 ettari. Da 135 anni i fedeli locali seppelliscono qui i loro defunti. In passato, il governo aveva indicato il cimitero tra i siti storici protetti. Nel 2010 le autorità di Đà Nẵng hanno deciso di abbattere tutte le case e il camposanto per realizzare un resort di lusso, senza peraltro offrire alle persone un risarcimento adeguato, o un aiuto per una nuova sistemazione.

    La tensione è esplosa il 4 maggio di quell'anno quando, durante la processione funebre per Maria Tan, 82 anni, la polizia è intervenuta per impedirne la sepoltura. All'irruzione sono seguiti scontri tra circa 500 fedeli e agenti, culminati con il ferimento di numerosi cattolici e l'arresto di 59 persone. Nella stessa occasione, le autorità hanno prelevato il feretro della donna e cremato la salma, contro la volontà della defunta. Maria Tan desiderava infatti essere sepolta accanto al marito. 

    Come denunciato a più riprese non solo dalla Chiesa cattolica vietnamita, ma anche da autorevoli istituti economici internazionali, l'annosa questione delle proprietà terriere in Vietnam non è solo un problema giuridico e costituzionale, ma rappresenta un freno allo sviluppo economico del Paese. In soli tre anni si sono contate circa 700mila dispute sui terreni, molte delle quali hanno riguardato i compensi a titolo risarcitorio. Dati della Banca mondiale riportano che dal 2001 al 2010 circa un milione di ettari di terreni agricoli è stato riconvertito per scopi diversi; le controversie sulle terre hanno bloccato o ritardato di almeno due anni molti degli 80 progetti infrastrutturali finanziati dalla Banca asiatica per lo sviluppo (Adb), per un totale di 9 miliardi di dollari.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/03/2012 VIETNAM
    Vietnam, la polizia minaccia violenza contro i cattolici di Cồn Dầu
    Dal 2010 il governo di Đà Nẵng vuole spianare la parrocchia e il cimitero di Cồn Dầu per costruire un centro turistico. Agenti e funzionari locali hanno fatto una retata tra le famiglie che ancora non hanno lasciato le loro case. Minacciato anche il vicario: entro tre mesi, via dalla parrocchia.

    19/10/2013 VIETNAM
    Buddisti e cristiani contro Hanoi: usa la legge per controllare le religioni
    Documento comune dei leader delle principali religioni in Vietnam, contro i limiti alla libertà posti dal governo comunista. Nel mirino l'Ordinamento sulle religioni del 2004 e il Decreto attuativo del 2012. La separazione fra Stato e religioni è base per un Paese democratico, che deve garantire "libertà" e "indipendenza" nella pratica religiosa.

    30/05/2013 VIETNAM
    Tribunale vietnamita condanna otto montagnard per “minaccia” all’unità nazionale
    I giudici hanno emesso pene da tre a 11 anni di carcere. Fra i motivi della sentenza, anche “l’appartenenza a un gruppo cattolico non riconosciuto”. Da decenni la minoranza è vittima della repressione delle autorità comuniste di Hanoi. Attivista Usa: pretesto per reprimere la libertà religiosa e i diritti di base.

    21/10/2009 VIETNAM
    Hue, la polizia sequestra gli ultimi terreni della parrocchia di Loan Ly
    Centinaia di agenti hanno assaltato i fedeli e recintato le proprietà cattoliche. I funzionari hanno interrotto le comunicazioni telefoniche e internet per impedire ai fedeli di lanciare l’allarme. L’area nel mirino di politici locali e impresari edili. Riprese le operazioni per la rimozione di una statua raffigurante Nostra Signora di La Vang.

    22/04/2017 09:17:00 VIETNAM - CINA
    Nha Trang, cattolici in rivolta contro i “maleducati” turisti cinesi in visita alla cattedrale

    Il comitato del partito locale si raccomanda di tenere aperto il luogo di culto ai visitatori oltreconfine. Ma i fedeli sono contrari: i turisti cinesi minacciano chi prega, sono fonte di degrado e compromettono la tradizione culturale. Per i cattolici è un “dovere” difendere la sacralità dell’area.





    In evidenza

    GIAPPONE-VATICANO
    Mons. Kikuchi: In sintonia col papa e il card. Filoni per la missione in Giappone

    Tarcisio Isao Kikuchi

    Il vescovo di Niigata e presidente di Caritas Japan commenta a caldo il messaggio papale inviato ieri ai vescovi del Giappone. Le tappe del viaggio del card. Filoni, che toccherà anche Fukushima. Rimane ancora “irrisolta” la questione del rapporto con il Cammino neocatecumenale.


    VATICANO-GIAPPONE
    Papa ai vescovi giapponesi: Siate sale e luce della società, anche andando contro-corrente



    In occasione della visita pastorale del card. Fernando Filoni, Prefetto di Propaganda Fide, nel Paese del Sol levante, papa Francesco spinge i vescovi e la Chiesa giapponese a rinnovare il loro impegno missionario nella società, segnata da suicidi, divorzi, formalismo religioso, povertà materiale e spirituale. La richiesta di collaborare coi movimenti ecclesiali, forse in memoria delle polemiche passate con il Cammino neocatecumenale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®