14/05/2016, 10.35
VIETNAM
Invia ad un amico

Vietnam, un sacerdote picchiato dalla polizia: ne aveva denunciato la corruzione

di Ngoc Thanh

P. Joseph Nguyễn Văn Thế è l’assistente della parrocchia di Đồng Chương, nella diocesi di Bắc Ninh. La parrocchia copre un territorio molto vasto, con oltre 6mila fedeli. Il sacerdote è stato aggredito in modo brutale con bastoni, manganelli e sbarre di ferro. Era diretto in due aree remote per celebrare la messa. I fedeli locali ritengono che sia una violenza premeditata.

Hanoi (AsiaNews) – Aveva criticato senza mezzi termini la corruzione della polizia e delle autorità locali. Per questo p. Joseph Nguyễn Văn Thế è stato aggredito in modo brutale da alcuni poliziotti mentre si stava recando a celebrare due messe in un’area remota nel nord del Vietnam. Il sacerdote è stato percosso con bastoni e sbarre di metallo e ha riportato gravi ferite a mani e piedi. In questo momento si trova ricoverato in ospedale.

L’aggressione è avvenuta lo scorso 7 maggio. P. Thế è l’assistente della parrocchia di Đồng Chương, nella diocesi di Bắc Ninh. La parrocchia si trova nella provincia di Tuyên Quang (nel Vietnam settentrionale) e copre il territorio più ampio di tutta la diocesi (circa 100 kmq), con più di 6mila fedeli.

P. Thế è stato assalito intorno alle 6 del pomeriggio (ora locale) mentre si dirigeva al distretto di Sơn Dương per celebrare le funzioni. I testimoni hanno raccontato che “l’obiettivo del gruppo criminale era di ucciderlo. Ma il loro tentativo è fallito”.

Il sacerdote si era espresso senza riserve sulla corruzione delle autorità locali e sulle loro attività illegali. P. Joseph Nguyễn Văn Phong, vicario della stessa parrocchia del religioso ferito, ha dichiarato: “Questo è un attacco deliberato, sotto la regia del governo locale e della polizia. Non è stata un’aggressione casuale”.

Appena appreso dell’incidente, mons. Cosma Hoàng Văn Đạt, vescovo di Bắc Ninh, si è recato in ospedale per visitare il sacerdote. Quest’ultimo è riuscito a raccontare nei dettagli la dinamica del suo attacco e ha riferito che alcuni poliziotti si erano recati in parrocchia per sapere orario e luogo delle messe che avrebbe celebrato. “Sabato scorso [7 maggio] sono arrivato area di Minh Thanh – ha detto – per presiedere la liturgia. Dopo la prima messa, sarei dovuto andare a Hợp Hòa, a circa 30 km da Minh Thanh, per celebrare la seconda messa. Ma all’improvviso quattro criminali con il volto coperto da maschere si sono avvicinati a me. Erano in sella a due motociclette, sono saltati giù e mi hanno aggredito con manganelli, bastoni e sbarre di ferro”.

Alcuni parrocchiani hanno riferito che le “persone che seguono una fede diversa da quello che impone il governo, vengono sempre represse e subiscono abusi”. Un giovane parla ad AsiaNews in modo anonimo: “P. Thế è un sacerdote gentile. Ci ha aiutato tanto, viene qui sono per lavorare e servire i fedeli e i residenti”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Condanna a 14 anni di carcere per il blogger Hoang Duc Binh
06/02/2018 15:22
Governo contro il dissenso: condannati altri quattro attivisti
05/02/2018 12:28
Nghệ An, un processo contro p. Nam: il sacerdote è nel mirino del Partito
04/12/2018 13:09
Bilanci e nuove sfide: la diocesi di Bắc Ninh riunita prima del Capodanno lunare
13/01/2020 12:50
Sacerdoti vietnamiti diffamati, Mons. Kiệt: Continuate a difendere i diritti degli ultimi
29/05/2017 14:22