06/05/2013, 00.00
MYANMAR
Invia ad un amico

Violenze islamo-buddiste in territorio Kachin, arcivescovo di Yangon invoca “pace e amore”

di Francis Khoo Thwe
Le autorità birmane hanno arrestato due buddisti, sospettati di un raid contro attività commerciali di musulmani nello Stato a nord del Myanmar. Terrore e sfiducia nella minoranza islamica. Mons. Bo rilancia le parole di Papa Francesco per una “comunità di amore” in grado di “mettere fine a decenni di oppressioni e conflitti”.

Yangon (AsiaNews) - Le autorità birmane hanno arrestato due buddisti, responsabili di aver danneggiato le attività commerciali di alcuni musulmani residenti nello Stato Kachin, nel nord del Myanmar. Non si fermano le violenze islamo-buddiste nella ex Birmania, che si allargano a macchia d'olio e hanno coinvolto - per la prima volta - anche la regione a nord del Paese, abitata in larga maggioranza da cristiani cattolici e protestanti. Intanto sull'odio confessionale e religioso è intervenuto anche l'arcivescovo di Yangon mons. Charles Bo, il quale ha lanciato un appello "alla pace e all'amore"; il prelato ha ricordato il recente monito di Papa Francesco, nel quale invita i fedeli a diventare una "comunità di amore", e lo estende a tutta la popolazione birmana.

Un funzionario di polizia nello Stato Kachin riferisce l'arresto di due persone, di religione buddista, sospettate di coinvolgimento nell'attacco contro negozi di proprietà di musulmani. Secondo i testimoni il raid è avvenuto due giorni fa in un villaggio della cittadina di Hpakant; la minoranza islamica è in preda al terrore e alla sfiducia. Nel Paese permane una sensazione di impotenza di fronte agli scontri, anche se la maggioranza della popolazione è contraria e chiede soluzioni di pace.

E di terribile "ondata di devastazione e violenza" parla anche l'arcivescovo di Yangon, che ha lanciato nei giorni scorsi un appello a tutta la cittadinanza, senza distinzioni di etnia o credo religioso, in particolare ai "fratelli e sorelle buddisti e musulmani". Mons. Bo non nasconde "profonda preoccupazione" per i fatti di sangue a Oakkan, Meikhtila e nello Stato di Rakhine e invita "la maggioranza silenziosa" e pacifica a far sentire la propria voce "dicendo no a odio e violenze". Egli ricorda anche che la nazione ha "l'opportunità di mettere fine a decenni di oppressioni e conflitti", ma per centrare l'obiettivo deve far prevalere "pace e amore", promuovendo al contempo "armonia e dialogo interreligioso".

Le violenze islamo-buddiste sono divampate il 20 marzo scorso a Meikhtila, in seguito a un banale alterco fra un musulmano veditore di oro e un cliente di fede buddista. La lite è sfociata in veri e propri scontri di piazza, durante i quali - secondo fonti della polizia - sono morte almeno 43 persone. Ingenti anche i danni materiali, con 37 edifici religiosi (in maggioranza moschee) e 1.227 case andate distrutte. Le violenze si sono poi estese al centro del Myanmar e ora interessano anche lo Stato settentrionale Kachin.

A questo si unisce il dramma della minoranza musulmana Rohingya nello Stato occidentale di Rakhine, vittima di una vera e propria persecuzione da parte delle autorità birmane. Nei giorni scorsi il governo ha proposto la "limitazione" delle nascite per contenere "l'espansione" islamica.

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Aung San Suu Kyi: musulmani Rohingya discriminati con la "legge dei due figli"
28/05/2013
Rakhine: sul modello cinese, pianificazione familiare per contenere i musulmani Rohingya
24/05/2013
Myanmar: per contenere i musulmani, il governo propone la limitazione delle nascite
01/05/2013
Nazionalismo religioso e l’ombra dell’esercito nelle violenze interconfessionali birmane
30/04/2013
La rivolta tibetana “innervosisce” i generali birmani
17/03/2008