01 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 10/02/2006, 00.00

    islam

    Voci di moderazione tra le proteste contro le vignette



    Hamas si offre di mediare; dalla Malaysia l'invito a islam e occidente di accettarsi su un piano di uguaglianza; analoghe esortazioni da Sri Lanka e Bangladesh; a Beirut centinaia di migliaia alla manifestazione di Hezbollah, me nessun incidente.

    Beirut (AsiaNews) – Le proteste contro le vignette raffiguranti Maometto proseguono nel mondo islamico, allargandosi anzi a Paesi dove finora non ce n'erano state, ma tendono a crescere anche le voci che, dall'interno dell'islam, chiedono moderazione e manifestazioni pacifiche. Così, se da Gaza la Jihad islamica minaccia "il sacrificio del sangue" se si ripeteranno simili episodi, Khaled Meshaal, leader di Hamas, ha detto che la sua organizzazione  "è disponibile a svolgere un ruolo per calmare la situazione tra il mondo islamico e i Paesi occidentali, a condizione che questi si impegnino a porre fine agli attacchi contro le convinzioni dei musulmani". La dichiarazione è giunta il giorno dopo che lo stesso Meshaal aveva messo in guardia la stampa occidentale a non "giocare col fuoco" pubblicando le vignette.

    Sempre oggi Abdullah Ahmad Badawi, primo ministro malaysiano, Paese che presiede l'Organizzazione della conferenza islamica (Oci), ha lanciato un appello al mondo islamico e all'occidente perché "'si accettino l'un l'altro su un piano di uguaglianza". Il primo ministro ha denunciato "coloro che mettono alla berlina le religioni", ma ha invitato ad abbassare i toni della protesta. Ed è stata pacifica la manifestazione che si è svolta a Kuala Lumpur. Niente violenza anche nella protesta dei musulmani filippini. Taha Basman, presidente del Consiglio Islamico delle Filippine, ha affermato che "la libertà di stampa non può calpestare la più importante libertà di religione", ma ha esortato i musulmani "a esercitare moderazione e sobrietà". Inviti alla moderazione sono venuti anche dal primo ministro del Bangladesh, Khaleda Zia, che dopo aver definito "estremamente arrogante" l'atteggiamento dei giornali occidentali che hanno pubblicato le vignette, ha messo in guardia i musulmani da reazioni violente. E il Consiglio dei musulmani dello Sri Lanka (MCSL) ha proclamato per oggi la "giornata della protesta" per esprimere condanna verso la pubblicazione delle vignette blasfeme, ma ha invitato a manifestare "nel modo più pacifico, senza alcun inconveniente per la gente".

    Nessun invito alla moderazione, ma nessun atto di violenza, alla manifestazione di Hezbollah che ieri a Beirut ha visto in piazza 400mila persone, secondo le stime della polizia, 700mila secondo gli organizzatori. Se da un lato Sayyed Hassan Nasrallah, segretario dl movimento sciita ha chiesto ai parlamenti europei di "emanare leggi che censurino i giornali che insultano il profeta", dall'altro tutto si è svolto nella più totale calma.

    Anche in Afghanistan, dove nei giorni scorsi ci sono stati manifestazioni che hanno provocato 8 morti, la stampa locale, quella che in qualche modo rispecchia le posizioni dei cosiddetti musulmani "illuminati", sta discutendo sul significato di queste vignette: sono espressione di  libertà di stampa o offesa religiosa, in nome della libertà di stampa si può violare il diritto di rispetto per le religioni?. Nonostante la condanna alle caricature, "inaccettabili" molti quotidiani nazionali criticano le violenti reazioni, giudicandole eccessive e motivate da qualcosa che va oltre la religione. In un editoriale di tre giorni fa su Outlook Afghanistan ci si chiedeva  "Cosa ne ricaviamo noi (musulmani) da queste violenze?" E la risposta era niente, anzi ledono alla nostra immagine davanti all'opinione pubblica internazionale. Ed è la posizione di molti musulmani in Afghanistan.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/02/2006 libano - siria
    Bruciano il consolato danese a Beirut in risposta alle vignette su Maometto

    Più di 20 mila dimostranti, di un nuovo "Movimento nazionale per la difesa del Profeta Maometto" hanno dato alle fiamme l'edificio, distruggendo vetrine, lanciando sassi a una chiesa. Trascinante l'esempio della Siria.



    16/08/2010 LIBANO
    Per Ramadan, sciiti cancellano serie televisiva su Gesù, offensiva per i cristiani
    Manar e NBN, due stazioni televisive degli sciiti, ritirano un programma iraniano sulla storia di un Gesù apocrifo, dove Giuda muore al suo posto. Sui malintesi ha trionfato la “regola d’oro del dialogo”. Il paragone con la pubblicazione delle caricature su Maometto.

    16/01/2015 RUSSIA
    Mosca avverte i media: niente caricature di carattere religioso
    Secondo le autorità, offendono i sentimenti dei fedeli e possono violare la legge contro l'estremismo. Intanto in Cecenia, Kadyrov convoca una grande manifestazione popolare contro le vignette e avverte: "La nostra pazienza non è infinita".

    20/01/2015 RUSSIA
    Contro le caricature di Maometto, in Cecenia "la più vasta manifestazione di sempre"
    Oltre 800mila persone, al grido di "Amiamo il Profeta" e "Dio è grande", sono scese in piazza guidate dal leader filo Cremlino, Kadyrov. Accanto all'islam fedele a Putin anche i vescovi ortodossi: "Anche noi contro l'Occidente che vuole seminare odio tra le religioni".

    03/02/2006 islam
    Le caricature su Maometto: l'Islam mostra la sua faccia più oscura

    L'enorme ventata di polemiche, di azioni governative e popolari contro la pubblicazione delle vignette provocano il rigetto dell'Islam, che si trova ancora spaesato nella modernità. I governi islamici usano la diatriba per distogliere la loro opinione pubblica dai problemi interni.





    In evidenza

    IRAQ
    Patriarca di Baghdad: cristiani e musulmani in preghiera per la pace, fra Mese di Maggio e Ramadan

    Joseph Mahmoud

    Il 30 maggio la chiesa della Regina del Rosario a Baghdad ospiterà una preghiera interreligiosa contro le violenze e il terrorismo. A lanciare l’iniziativa il patriarca caldeo: non le opzioni militari, ma la preghiera contro conflitti che colpiscono “la popolazione innocente”. Un invito anche ai musulmani a riflettere per formare una nuova mentalità, una nuova cultura.

     


    EGITTO-ISLAM-VATICANO
    Papa Francesco e il Grande imam di Al Azhar, il detto e il “non detto”

    Samir Khalil Samir

    Vi sono molti aspetti positivi nell’incontro fra il pontefice e la suprema autorità sunnita, insieme a qualche silenzio. Per Al Tayyib l’islam non ha niente a che fare con il terrorismo. Ma l’Isis usa la bandiera nera di Maometto, la spada del profeta, le frasi del Corano. I terroristi prendono le loro affermazioni sanguinarie da molti imam. E’ urgente un nuovo rinascimento dell’islam, rileggendo la tradizione nella modernità: un lavoro interrotto dal fondamentalismo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®