3 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 10/02/2006
islam
Voci di moderazione tra le proteste contro le vignette

Hamas si offre di mediare; dalla Malaysia l'invito a islam e occidente di accettarsi su un piano di uguaglianza; analoghe esortazioni da Sri Lanka e Bangladesh; a Beirut centinaia di migliaia alla manifestazione di Hezbollah, me nessun incidente.



Beirut (AsiaNews) – Le proteste contro le vignette raffiguranti Maometto proseguono nel mondo islamico, allargandosi anzi a Paesi dove finora non ce n'erano state, ma tendono a crescere anche le voci che, dall'interno dell'islam, chiedono moderazione e manifestazioni pacifiche. Così, se da Gaza la Jihad islamica minaccia "il sacrificio del sangue" se si ripeteranno simili episodi, Khaled Meshaal, leader di Hamas, ha detto che la sua organizzazione  "è disponibile a svolgere un ruolo per calmare la situazione tra il mondo islamico e i Paesi occidentali, a condizione che questi si impegnino a porre fine agli attacchi contro le convinzioni dei musulmani". La dichiarazione è giunta il giorno dopo che lo stesso Meshaal aveva messo in guardia la stampa occidentale a non "giocare col fuoco" pubblicando le vignette.

Sempre oggi Abdullah Ahmad Badawi, primo ministro malaysiano, Paese che presiede l'Organizzazione della conferenza islamica (Oci), ha lanciato un appello al mondo islamico e all'occidente perché "'si accettino l'un l'altro su un piano di uguaglianza". Il primo ministro ha denunciato "coloro che mettono alla berlina le religioni", ma ha invitato ad abbassare i toni della protesta. Ed è stata pacifica la manifestazione che si è svolta a Kuala Lumpur. Niente violenza anche nella protesta dei musulmani filippini. Taha Basman, presidente del Consiglio Islamico delle Filippine, ha affermato che "la libertà di stampa non può calpestare la più importante libertà di religione", ma ha esortato i musulmani "a esercitare moderazione e sobrietà". Inviti alla moderazione sono venuti anche dal primo ministro del Bangladesh, Khaleda Zia, che dopo aver definito "estremamente arrogante" l'atteggiamento dei giornali occidentali che hanno pubblicato le vignette, ha messo in guardia i musulmani da reazioni violente. E il Consiglio dei musulmani dello Sri Lanka (MCSL) ha proclamato per oggi la "giornata della protesta" per esprimere condanna verso la pubblicazione delle vignette blasfeme, ma ha invitato a manifestare "nel modo più pacifico, senza alcun inconveniente per la gente".

Nessun invito alla moderazione, ma nessun atto di violenza, alla manifestazione di Hezbollah che ieri a Beirut ha visto in piazza 400mila persone, secondo le stime della polizia, 700mila secondo gli organizzatori. Se da un lato Sayyed Hassan Nasrallah, segretario dl movimento sciita ha chiesto ai parlamenti europei di "emanare leggi che censurino i giornali che insultano il profeta", dall'altro tutto si è svolto nella più totale calma.

Anche in Afghanistan, dove nei giorni scorsi ci sono stati manifestazioni che hanno provocato 8 morti, la stampa locale, quella che in qualche modo rispecchia le posizioni dei cosiddetti musulmani "illuminati", sta discutendo sul significato di queste vignette: sono espressione di  libertà di stampa o offesa religiosa, in nome della libertà di stampa si può violare il diritto di rispetto per le religioni?. Nonostante la condanna alle caricature, "inaccettabili" molti quotidiani nazionali criticano le violenti reazioni, giudicandole eccessive e motivate da qualcosa che va oltre la religione. In un editoriale di tre giorni fa su Outlook Afghanistan ci si chiedeva  "Cosa ne ricaviamo noi (musulmani) da queste violenze?" E la risposta era niente, anzi ledono alla nostra immagine davanti all'opinione pubblica internazionale. Ed è la posizione di molti musulmani in Afghanistan.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
05/02/2006 libano - siria
Bruciano il consolato danese a Beirut in risposta alle vignette su Maometto
16/08/2010 LIBANO
Per Ramadan, sciiti cancellano serie televisiva su Gesù, offensiva per i cristiani
di Fady Noun
03/02/2006 islam
Le caricature su Maometto: l'Islam mostra la sua faccia più oscura
di Samir Khalil Samir, sj
09/03/2006 islam
Per la reciprocità con l'islam servono tempi lunghi, ma bisogna cominciare
07/02/2006 ISLAM
Ancora morti per le vignette, ma c'è chi invita a non coinvolgere "i cristiani"
Articoli del dossier
vaticano - islam
Papa: rispetto per le religioni, ma l'offesa non giustifica la violenza
libano-vaticano
Siniora: il Libano è nel cuore del Papa
PAKISTAN
Chiesa in Pakistan: l'intolleranza religiosa si insegna tutti i giorni
islam
Le caricature su Maometto: l'Islam mostra la sua faccia più oscura
islam
I Paesi islamici vogliono una risoluzione dell'Onu in difesa delle religioni
PAKISTAN
Pakistan, anche un bambino tra le vittime delle proteste per le vignette
islam
Potrebbero arrivare all'Onu le vignette su Maometto
Filippine
Filippine: "Solidali con i nostri fratelli musulmani, ma fermate le violenze"
AFGHANISTAN
Le vignette, viste dall'Afghanistan: a rischio il lavoro della Chiesa
ISLAM
Ancora morti per le vignette, ma c'è chi invita a non coinvolgere "i cristiani"
INDONESIA
Indonesia, musulmani in piazza contro le vignette blasfeme
libano - siria
Bruciano il consolato danese a Beirut in risposta alle vignette su Maometto
islam
Assalti e bombe per le caricature su Maometto
islam
Minacce e licenziamenti per le vignette su Maometto
ISLAM
Monta nei Paesi islamici la rivolta contro le vignette "blasfeme"
islam
L'ombra di Al Qaeda sulle proteste per le vignette

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate