21 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 28/08/2017, 08.32

    CINA

    Wanda nega che il suo presidente sia detenuto. Intanto in borsa le azioni crollano del 10%



    Nel weekend si sono diffuse voci che Wang Jianlin e la sua famiglia sono stati fermati all’aeroporto di Tianjin. La compagnia nega e accusa “individui con ulteriori motivi”.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) - Il gruppo Wanda, fra i più potenti in Cina, ha negato che il suo presidente è stato detenuto dalle autorità cinesi. La notizia diffusa nel weekend dal sito Boxun, con base negli Usa, ha prodotto stamane a un crollo delle azioni della Wanda fino al 10%.

    Wanda è uno dei gruppi economici più grandi, con investimenti che comprendono proprietà edilizie, alberghi, parchi-giochi. Il suo capo, il miliardario Wang Jianlin (v. foto), è considerato l’uomo più ricco della Cina. Nei mesi precedenti la Wanda è stata frenata dal governo nel compiere investimenti all’estero, bloccando acquisizioni in Gran Bretagna e Stati Uniti.

    La Boxun ha riportato che Wang e la sua famiglia sono stati bloccati dalla polizia all’aeroporto di Tianjin, dove avrebbe dovuto imbarcarsi in un aereo privato per la Gran Bretagna.

    Oggi, la dichiarazione ufficiale della Wanda afferma che “individui con ulteriori motivi hanno creato e diffuso di recente voci viziose sul presidente del gruppo Wanda” e che “tutte queste voci sono senza fondamento”.

    Alla borsa di Hong Kong la Wanda Hotel Development è crollata del 10%, per poi assestarsi a un meno 4,62; alcuni titolo legati alle proprietà del gruppo sono scesi del 2,4%.

    La Wanda ha dichiarato che denuncerà per vie legali i media responsabili della diffusione delle voci.

    Questo di oggi è il secondo tonfo borsistico sostenuto dalla Wanda in pochi mesi. In giugno è successa una cosa simile dopo una serie di controlli a sorpresa che hanno mostrato un grande volume di debiti della compagnia. Il mese scorso, per bilanciare la sua situazione, la Wanda ha venduto alberghi e parchi di divertimento per un valore di 9,5 miliardi di dollari.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/07/2009 VATICANO - G8
    Papa al G8: Contro la crisi, investite sull’uomo e ascoltate i Paesi poveri
    Con una lettera al presidente Berlusconi, Benedetto XVI rivolge un appello ai capi del G8 e suggerimenti per uscire dalla crisi investendo su educazione, aiuti allo sviluppo, cancellazione del debito. È necessario convertire il nostro modello di sviluppo con valenze etiche e di solidarietà. Il G8 dovrebbe essere legato di più all’Onu, dove anche i Paesi poveri hanno voce di uguale peso a quelli ricchi.

    15/07/2011 CINA - USA
    Pechino avverte Washington: “Il default sarebbe un disastro per tutti”
    La Cina è il maggior investitore del governo americano: oltre 1100 miliardi di dollari sono nelle sue casse. Ma lo spettro del default si avvicina, e se la Casa Bianca non trova un accordo con l’opposizione si rischia il vero crollo dell’economia mondiale.

    11/11/2009 CINA
    Sale la produzione industriale e il commercio con l’estero, ma lo yuan resta basso
    Massima crescita da 19 mesi: produzione +16,1; vendite al dettaglio +16,2. La lo yuan è svalutato di almeno il 50%. Le richieste di Barack Obama all’Apec. Qualche dubbio sulla ripresa.

    17/04/2012 CINA - USA
    Cresce il debito Usa nelle mani della Cina. Scendono gli investimenti diretti dall'estero
    Pechino possiede ora 1178,9 miliardi di dollari. Nel 2011 aveva ridotto la sua posizione, tornata ad aumentare quest'anno. Gli investimenti diretti stranieri sono scesi del 6,1%. La Cina sconta il rafforzamento dello yuan e la competizione di altri Paesi come Vietnam e Indonesia.

    16/10/2013 CINA-USA
    Pechino preoccupata per il collasso dell'economia Usa
    Domani scade il termine per l'innalzamento del tetto del debito degli Stati Uniti, che dovrebbe sforare i 16700 miliardi di dollari. Gli Usa rischiano di divenire incapaci di pagare i propri debiti e di garantire il valore della loro moneta. Pechino possiede buoni del Tesoro Usa per 1280 miliardi. Il Global Times di Pechino chiede una "de-americanizzazione" dell'economia mondiale e una moneta di riferimento che soppianti il dollaro.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®