23 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/02/2017, 14.40

    CINA

    Wang Quanzhang, avvocato per i diritti umani, accusato di ‘sovversione contro il potere dello Stato’

    Wang Zhicheng

    Wang fa parte del gruppo di 300 avvocati arrestati con la campagna “709” nel luglio 2015. È stato tenuto segregato e in isolamento, sottoposto a torture.

    Tianjin (AsiaNews) – Wang Quanzhang, avvocato per i diritti umani è stato ufficialmente accusato di “incitamento alla sovversione contro il potere dello Stato” e sarà processato alla Corte di Tianjin. Allo stesso tribunale altri avvocati per i diritti umani hanno già ricevuto sentenze da tre a sette anni di carcere.

    Wang fa parte del gruppo che va sotto il nome di “709”, dalla data in cui è iniziata una caccia delle forze dell’ordine contro molti avvocati per i diritti umani.

    A partire dal 9 luglio 2015 circa 300 di loro sono stati fermati, detenuti, interrogati o minacciati. Wang è stato fra i primi ad essere arrestato e tenuto in luoghi segreti, senza poter incontrare nessuno. Molti di essi – almeno il 50% - sono cristiani (protestanti e cattolici) che usano le strettoie della legge cinese per difendere comunità, sacerdoti e pastori dai soprusi delle autorità locali. Diversi di loro hanno difeso le comunità del Zhejiang durante la campagna di distruzione delle croci.

    Il mese scorso attivisti hanno denunciato che Wang e un suo collega cristiano, Li Heping hanno subito diverse torture, comprese scariche elettriche e punizioni corporali. Le mogli degli avvocati arrestati – pur minacciate dalla polizia – continuano a sollecitare la comunità internazionale ad intervenire. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/01/2017 10:53:00 CINA
    Avvocati per i diritti umani torturati per strappare loro “confessioni”

    Fra i circa 300 avvocati fermati o arrestati il 50% sono cristiani cattolici o protestanti. Battiture, scariche elettriche, minacce, divieto di bere per convincerli di aver “cospirato contro la sicurezza dello Stato”. Minacciate anche le mogli degli avvocati.



    31/01/2017 12:16:00 UNIONE EUROPEA - CINA
    L’UE chiede conto alla Cina dei casi di tortura degli avvocati per i diritti umani

    Nota ufficiale della Portavoce. Il rilascio di Xie Yanyi e Li Chunfu “un passo in avanti”. La richiesta di spiegazioni per i casi Li Heping, Wang Quangzhang e Xie Yang. Chiesta la scarcerazione degli avvocati e attivisti ancora detenuti.



    18/01/2017 13:19:00 CINA
    Continua la drammatica sofferenza fisica e mentale di Li Chunfu, avvocato per i diritti umani

    Gravi danni fisici riportati in seguito alle torture. “Dimmi! Cosa mi stai tenendo nascosto!”: le inquietanti grida di Li ricordano gli interrogatori subiti.



    16/01/2017 12:37:00 CINA
    Drogato e schizofrenico: i frutti della prigionia e della tortura per Li Chunfu, avvocato per i diritti umani

    In prigione era costretto a prendere ogni giorno delle medicine “contro l’alta pressione” (che non ha mai avuto). Ha vissuto lunghi periodi chiuso in una stretta gabbia di ferro. La testimonianza della cognata Wang Qiaoling e il grazie della moglie Bi Liping: “Leviamoci, denunciamo i crimini della polizia di Tianjin. Esponiamoli alla luce del sole!”. La rivista “China Change”  domanda un’inchiesta internazionale sugli abusi contro gli avvocati per i diritti umani (molti di essi sono cristiani).



    14/01/2017 11:08:00 CINA
    Turbe mentali e fisiche per l’avvocato Li Chunfu dopo 18 mesi di prigione

    Aveva difeso 200 minatori dell’Hebei e alcuni membri della Falun Gong. Suo fratello, avvocato cristiano, ha difeso membri delle chiese domestiche e dissidenti politici. La polizia deve averlo minacciato di riportarlo in prigione se diffonde notizie sulla sua situazione e se incontra altri avvocati per i diritti umani o le loro mogli, che si stanno battendo per la loro liberazione. "China change" chiede un’inchiesta internazionale sulle torture e violenze subite.





    In evidenza

    LIBANO
    Trump, Marine Le Pen e il Medio oriente: il Libano contro muri e divisioni

    Fady Noun

    L’inizio della presidenza Trump ha segnato la “babelizzazione” della società americana. Ciascun Paese riversa il suo odio contro un nemico esterno. La crisi globale attuale ha radici religiose. Al cuore del caos vi è la minaccia jihadista. Laterza guerra mondiale non si vince con i droni, ma usando moderazione e promuovendo l’incontro e il confronto. 

     


    EGITTO – ISLAM
    Al Azhar sotto l’influenza dell’islamismo di Daesh

    Kamel Abderrahmani

    Le istituzioni religiose ufficiali e le università cosiddette islamiche sono la causa dell’immobilità del mondo musulmano. I programmi insegnati ad Al Azhar e la letteratura usata sono gli stessi che sono applicati sul terreno da tutti i terroristi armati. Nessun paragone possibile fra Al Azhar e il Vaticano. Il Vaticano ha ospitato musulmani irakeni e siriani che fuggivano la guerra. Al Azhar non ha fatto nulla per cristiani e Yazidi. La persecuzione verso Mohamed Nasr Abdellah, desideroso di modernizzare l’islam. Il commento di uno studente musulmano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®