21 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 16/06/2017, 09.58

    CINA

    Wenzhou: le autorità tolgono luce e acqua alle Chiese che si rifiutano di installare le telecamere



    L’ordine era stato emesso alla fine dello scorso anno. La resistenza delle chiese cede sotto le pressioni delle autorità. Continuano gli arresti e le incursioni nelle chiese domestiche.

    Wenzhou (AsiaNews/Agenzie) – Le autorità cinesi tagliano luce e acqua ad alcune chiese domestiche di Wenzhou, nella provincia di Zhejiang. L’obiettivo dei funzionari è costringere le chiese a obbedire alle richieste governative di montare al proprio interno telecamere di sorveglianza.

    L’ordine era stato emesso alla fine dello scorso anno e messo in atto per la prima volta a gennaio. A inizio aprile i cristiani di Wenzhou avevano protestato proprio contro i funzionari del governo che erano intervenuti ad installare le telecame.

    La chiesa Tuanqian di Rui’an, nella prefettura di Wenzhou, era l’ultima a non aver installato il sistema di sorveglianza. Anche questa è prossima a “rinunciare alla resistenza” a causa delle “pressioni eccessive” delle misure punitive. Prima di essa, altre due chiese avevano ceduto dopo il taglio di elettricità e acqua.

    Wenzhou è conosciuta come “la Gerusalemme cinese” per il gran numero di edifici religiosi e vanta la più alta concentrazione di cristiani della Cina continentale.

    Intanto, continuano gli arresti e le incursioni nelle chiese domestiche, come riportato da due rapporti dello scorso mese del Christian Post. Alcuni poliziotti sono entrati nella chiesa Zhongfu Wanmin nella provincia nel sud della Cina di Guangdong, fermando 30 fedeli, inclusa una famiglia americana con bambini, e il pastore della chiesa, Li Peng. Il pastore è stato picchiato dagli ufficiali ed è stato l’unico a non essere rilasciato dopo l’interrogatorio. La polizia ha anche confiscato i telefonini, i documenti e le carte di credito di alcuni presenti che avevano cercato di filmare e fotografare quanto accadeva.

    Inoltre, circa cento ufficiali della polizia speciale e di sicurezza hanno fatto incursione in un edificio della provincia nord-orientale di Liaoning, dove 40 pastori di chiese domestiche erano riuniti per un evento intitolato “Unità nella Cristianità”. China Aid riferisce che le autorità hanno accusato i pastori di “partecipazione a incontri illegali senza il permesso del governo”. Dei presenti all’evento, tre sono stati portati via in stato di arresto e gli altri sono stati trattenuti in una stanza ed interrogati per alcune ore.

    Le chiese domestiche sotterranee sono illegali in Cina, e spesso oggetto di incursioni e altre forme di intimidazione da parte delle autorità.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/11/2005 Cina
    Cina, liberi i 2 sacerdoti non ufficiali, ma non il vescovo Jia Zhiguo

    I preti cattolici erano stati arrestati il giorno prima del loro vescovo, ancora sottoposto a "sessione di studio". Le liberazioni, che hanno riguardato anche un pastore, avvenute il giorno dopo la partenza di Bush dalla Cina.



    02/03/2006 Cina
    Polizia sgombra con la forza una scuola biblica nell'Anhui: 36 arresti

    L'operazione rientra nell'ambito di una campagna nazionale tesa ad eliminare con la forza le chiese non ufficiali cattoliche e protestanti.



    15/10/2009 CINA
    Oltre 20mila cattolici ufficiali e sotterranei ai funerali del vescovo di Wenzhou
    Alle esequie di mons. Lin Xili, vescovo non ufficiale, il governo vieta l'uso della parola "vescovo" e proibisce di vestire la salma con le insegne episcopali. Una lunga processione di due ore e mezza per la sepoltura nel cimitero di Panyang Hill a Qiliang.

    16/07/2016 12:24:00 CINA
    Cina, autorità contro la Huaqiu Church: minacce ai genitori, figli costretti a disertare la chiesa

    I vertici comunisti hanno promosso una campagna intimidatoria contro la comunità della provincia centrale di Guizhou. L’obiettivo è far aderire i suoi membri alla Three Self-Church, la Chiesa protestante di Stato riconosciuta da Pechino. Chi porta il figlio in chiesa viene denunciato e perseguito per legge.

     



    22/07/2005 CINA
    Hebei, rilasciato il vescovo Giulio Jia Zhiguo




    In evidenza

    EGITTO-LIBANO
    Al Cairo, musulmani e cristiani si incontrano per Gerusalemme, ‘la causa delle cause’

    Fady Noun

    Si è tenuta il 16 e 17 gennaio all’istituto sunnita al-Azhar. Hanno preso parte molte personalità del Libano, fra cui il patriarca maronita Bechara Raï. I mondo arabo diviso fra “complice passività” e “discorsi rumorosi ma inefficaci”. Ex-premier libanese: coordinare le azioni per una maggiore efficienza al servizio di una “identità pluralistica di Gerusalemme” e della “libertà religiosa”. Card. Raï: serve preghiera congiunta, la solidarietà interreligiosa islamico-cristiana in tutto il mondo arabo e sostenere i palestinesi.


    CINA
    Yunnan: fino a 13 anni di prigione per i cristiani accusati di appartenere a una setta apocalittica



    Le setta in questione è quella dei Tre gradi del Servizio, un gruppo pseudo-protestante sotterraneo fondato nell’Henan e diffuso soprattutto nelle campagne. I condannati rivendicano di essere solo cristiani e di non sapere nulla della setta. Gli avvocati difensori minacciati della revoca della loro licenza.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®