22 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 27/04/2017, 15.11

    INDONESIA

    West Java, donne musulmane a congresso: No alla poligamia



    L'incontro mirava a rafforzare il ruolo delle religiose nella diffusione degli insegnamenti islamici. Le religiose hanno discusso e rilasciato alcune fatwa. Rafforzare il ruolo della donna nell’islam in contrasto alla propaganda dei gruppi estremisti. Le donne musulmane come “agenti di cambiamento”. La poligamia causa violenza e non è parte degli insegnamenti islamici.

    Jakarta (AsiaNews) – Si è concluso oggi il primo Congresso nazionale delle predicatrici musulmane di Cirebon, West Java (25-27 aprile 2017). Più di 700 tra imam, studentesse e personalità accademiche islamiche hanno preso parte alla tre giorni di conferenze che si è svolta al collegio Kebon Jambu Al-Islamy.

    Il congresso mirava a rafforzare il ruolo delle religiose nella diffusione degli insegnamenti islamici, sulle basi del Corano ma anche della Costituzione indonesiana e le leggi internazionali. Il congresso è stato coordinato da tre organizzazioni islamiche: la Fahmina Foundation (affiliata al Wahid Institute), il centro di studi islamici Rahima e il gruppo per i diritti della famiglia Alimat.

    Ninik Rahayu, una delle organizzatrici, ha raccontato che il tema dell'evento può essere “ridotto a tre grandi questioni: il matrimonio infantile, la violenza sessuale contro le donne, nonché i danni ambientali”, problemi che contribuiscono alla disuguaglianza sociale. Queste sono le questioni che le partecipanti hanno ritenuto più rilevanti nelle rispettive comunità religiose. Durante la tre giorni, le religiose hanno discusso e rilasciato alcune fatwa (sentenze islamiche) per questioni cruciali che riguardano in maniera diretta milioni di donne indonesiane.

    Uno degli argomenti trattati è stato il ruolo delle donne nell’educare le comunità agli insegnamenti islamici pacifici. Secondo le relatrici, esso ha dimostrato di avere un certo effetto nel contrasto alla propaganda di gruppi islamici estremisti violenti nelle comunità colpite dal fondamentalismo. Diverse predicatrici, studiose e attiviste di Paesi a maggioranza musulmana, tra cui Nigeria, Afghanistan, Pakistan e Indonesia, hanno condiviso le loro esperienze nella discussione.

    Roya Rahmani, ambasciatrice dell'Afghanistan in Indonesia, ha sostenuto che le donne musulmane potrebbero introdurre una narrativa di “musulmani dinamici”. La diplomatica ha spiegato che le donne musulmane dovrebbero essere riconosciute come buone negoziatrici perché in grado di raggiungere la gente in modo più efficace e tenero rispetto agli uomini.

    Dal Pakistan, Bashra Qadeem ha condiviso le sue esperienze nel promuovere il rispetto per le diverse fedi e culture nelle scuole superiori di Peshawar, dove le comunità spesso vedono ragazzi adolescenti reclutati per diventare attentatori suicidi. Attraverso il dialogo, con cui le madri sono finalmente convinte che tale “martirio” sia sbagliato e non islamico, le donne potrebbero diventare “agenti di cambiamento”.

    Il congresso ha esposto le posizioni delle musulmane indonesiane anche in merito alla lunga controversia sulla poligamia. Le donne hanno sottolineato che tale pratica non fa parte degli insegnamenti islamici.

    Secondo Siti Ruhaini Dzuhayatin, che rappresenta l'Indonesia nell'Organizzazione di Cooperazione Islamica (Oic), l'islam non ha mai introdotto la concezione di avere più mogli. “La poligamia esisteva fin dall'era del jahiliyyah. A quel tempo, gli uomini erano autorizzati ad avere un numero illimitato di mogli”, ha detto Siti, riferendosi a “l'era dell'ignoranza” nella storia del Medio Oriente, prima dell'avvento dell'islam. “Con l’avvento dell’islam, la pratica è stata umanizzata e il numero [delle mogli che un uomo può sposare] limitato”, ha aggiunto.

    Nur Rofiah, del Jakarta Quranic College, ha affermato: “Dobbiamo imparare che il Corano in sé spinge per la monogamia; Afferma che se gli uomini non sono in grado di trattare le donne in modo giusto, allora devono avere solo una moglie. Quindi, il requisito [per prendere una seconda moglie] è rigoroso e questo è perché la pratica può portare alla violenza contro le donne”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/06/2013 INDONESIA
    Jakarta, la polizia respinge la richiesta di velo obbligatorio per gli agenti donna
    La fazione islamista ha invocato l’obbligo dello jilbab. Associazioni pro diritti umani e una parte del Parlamento hanno sostenuto la richiesta. Il portavoce della polizia ricorda il codice interno, che prevede una divisa uguale per tutti e nega l’uso del copricapo. Unica eccezione la provincia islamica di Aceh.

    28/04/2017 14:53:00 INDONESIA
    West Java, donne indonesiane: Matrimoni infantili, violenze sessuali e inquinamento peccato per l’islam

    Al Congresso nazionale delle imam emesse tre fatwa. “I matrimoni infantili contrari alla legge islamica”. Sollecitato l'aumento da 16 a 18 anni dell’età per il matrimonio delle donne. Ogni anno 340 mila spose bambine indonesiane. “Violenza sessuale proibita, anche nel matrimonio”. In Indonesia 16.217 aggressioni nel solo 2016. “Illecita la distruzione della natura per lo sviluppo economico”.



    22/12/2006 INDONESIA
    La Corte Suprema assolve Ba’asyir dalle accuse
    Il chierico islamico radicale è stato accusato di avere partecipato agli attentati esplosivi del 2002 e 2004. Ferma critica della polizia, che ritiene certe le prove della responsabilità. I suoi legali preannunciano azioni per la piena riabilitazione.

    11/08/2007 INDONESIA
    Fondamentalisti islamici contro Miss Universo, “simbolo di adulterio”
    A Bandung la protesta di musulmani radicali spinge Miss Universo a cancellare la sua presenza ad una serata di beneficenza. I manifestanti considerano la Miss “contraria alla sharia”. Minoranze e musulmani moderati avvertono: in atto una crescente campagna per uniformare l’islam al mondo arabo e costruire uno Stato islamico di stampo saudita.

    22/01/2004 indonesia
    Velo islamico: musulmani e cristiani a favore del veto francese




    In evidenza

    RUSSIA-VATICANO
    Il card. Parolin a Mosca: l’Ostpolitik che vince le diffidenze

    Vladimir Rozanskij

    A tema un incontro fra papa Francesco e il patriarca Kirill, non a Mosca, ma in qualche luogo santo dell’Oriente cristiano, o a Bari. Una conferenza internazionale sul futuro di Ucraina e Crimea. L’impegno per i cristiani e la pace in Medio oriente.


    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®