23/12/2011, 00.00
CINA
Invia ad un amico

Wukan festeggia, Haimen combatte: il Guangdong sempre più terra di proteste

Il villaggio ribelle abbraccia uno dei leader della protesta, rilasciato ieri nell’ambito di un accordo firmato fra i cittadini e i rappresentanti governativi. Contro la centrale energetica, invece, terzo giorno di scontri: la polizia usa lacrimogeni e cannoni ad acqua.
Guangzhou (AsiaNews/Agenzie) - Il villaggio ribelle di Wukan, che ha condotto una lunghissima battaglia contro la corruzione dei dirigenti comunisti locali e l’esproprio dei terreni, festeggia oggi il ritorno a casa di Zhang Jiancheng, uno dei leader della protesta arrestato due settimane fa dalla polizia locale. Nel frattempo ad Haimen, a circa 150 chilometri da Wukan, si continua a combattere contro i soprusi del regime comunista.

Il rilascio di Zhang, 26 anni, fa parte di un accordo siglato fra Lin Zuluan – rappresentante del villaggio – e il segretario del Partito comunista provinciale Zhu Mingguo. Subito dopo la firma, Zhu ha visitato il villaggio insieme al capo del Partito di Shanwei Zheng Yanxiong e un’altra decina di rappresentanti governativi: sono stati accolti da cori di benvenuto e da applausi.

I dirigenti hanno accolto le richieste del villaggio, eliminato i funzionari corrotti e promesso “giustizia” per la morte di Xue Jinbo. Due leader popolari, però, rimangono in galera: si sono rifiutati di firmare le “confessioni” che il governo impone ai dissidenti prima di rilasciarli e per questo non sono stati liberati.

Arrestato proprio insieme a Zhang, Xue è morto durante un interrogatorio: secondo i suoi concittadini a ucciderlo è stata la polizia, mentre gli agenti parlano di un attacco di cuore. Il rilasciato racconta: “Siamo arrivati insieme alla prigione di Shanwei all’una e mezzo di pomeriggio del 9 dicembre. Mi hanno interrogato per 31 ore e mezzo filate: avevo gli occhi devastati, è stata un’esperienza terrificante”.

Del suo compagno di detenzione, ricorda: “Eravamo a poche porte di distanza. L’11 dicembre ho sentito dei colpi violenti alla sua porta, ho visto che 4 agenti lo portavano via di peso. L’ho chiamato diverse volte urlando, ma non ha dato alcun segno di aver sentito. Lì ho pensato che era morto”. Ora le autorità centrali promettono una nuova inchiesta sul caso, ma gli abitanti di Wukan non ripongono molta fiducia in questa promessa.

Haimen, nel frattempo, festeggia invece il suo terzo giorno consecutivo di proteste (v.foto). La popolazione vuole bloccare la costruzione di una centrale energetica a carbone, cancerogena, ed è scesa in piazza contro gli accordi illegali stipulati fra il governo locale e alcuni investitori. Ora la polizia sta cercando di farla sgombrare con lacrimogeni, cannoni ad acqua e cariche: inoltre, l’autostrada che collega il villaggio al resto del Paese è ancora bloccata.

Le proteste sociali continuano dunque a colpire l’intera Cina, e il fatto che le più violente si verifichino nella ricca provincia meridionale del Guangdong non è un caso. I terreni di questa zona sono i più costosi e vengono espropriati con risarcimenti sempre più bassi, e qui hanno casa le maggiori industrie straniere che producono in Asia: i salari sono miseri e il governo li mantiene tali per attirare nuovi investitori. I lavoratori, però, sono sempre meno intenzionati a rimanere in silenzio: soltanto nel 2010, oltre 180mila proteste sociali.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Haimen, secondo giorno di proteste contro il governo e l'inquinamento
22/12/2011
Wukan ispira nuove proteste: Haimen in piazza contro l’inquinamento
21/12/2011
Saranno liberati i leader della protesta a Wukan
21/12/2011
Wukan, vittoria (di facciata) per gli abitanti
22/12/2011
Wukan, il governo locale contro i media: Incitate il popolo, sarete puniti
21/06/2016 08:21