16 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 06/08/2007, 00.00

    TIMOR EST

    Xanana Gusmao è il nuovo Primo Ministro di Timor Est



    La decisione presa oggi dal presidente Jose Ramos-Horta per sbloccare la situazione di stallo del Paese: nessuno dei due principali schieramenti aveva conquistato la maggioranza assoluta alle elezioni del giugno scorso.

    Dili (AsiaNews/Agenzie) – L’eroe dell’indipendenza Xanana Gusmao è il nuovo primo ministro di Timor Est: lo ha annunciato il presidente Jose Ramos-Horta, Premio Nobel per la pace nel 1996, che ha nominato personalmente il nuovo premier per sbloccare la situazione di stallo nel Paese all’indomani delle elezioni politiche dello scorso giugno.

    Le urne avevano decretano la vittoria del Fretilin, partito al potere dal 2001, con un 29% dei voti, seguito dallo schieramento di Gusmao il National Congress of East Timor's Reconstruction (CNRT), che si era fermato al 24%. Le recenti elezioni hanno rappresentato un ulteriore passo in avanti verso la stabilizzazione della giovane nazione asiatica, segnata dalla povertà e dalla disoccupazione – il reddito medio è al di sotto di un dollaro al giorno – ma non avevano delineato una chiara maggioranza per il Paese. I successivi colloqui fra i due principali schieramenti non avevano sortito alcun accordo, determinando una situazione di impasse: l’intervento personale del presidente Ramos-Horta pone fine dunque all’incertezza e dà il via libera alla coalizione che appoggia il neopremier per la formazione della squadra di governo.

    Xanana Gusmao, nato a Manatuto al tempo della dominazione portoghese, è un cattolico praticante ed è stato l’eroe della resistenza nella guerra contro l’Indonesia. Nell’aprile del 2002 è diventato il primo presidente della repubblica in seguito a libere elezioni e ha sempre ricoperto un ruolo di primo piano all’interno della vita politica del Paese.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/07/2006 TIMOR EST
    Timor Est, si insedia il nuovo governo

    Primo obiettivo: permettere il rientro a casa della popolazione fuggita durante l'ultimo mese di violenze. Secondo l'Onu i profughi interni sono ancora 150 mila.



    29/04/2008 TIMOR EST
    Si arrende il leader dei ribelli che attentò alla vita del presidente Ramos-Horta
    Gastao Salsinha e 11 dei suoi uomini si consegnano alle autorità, dopo giorni di negoziato. Il gruppo è accusato del tentato omicidio, a febbraio, del presidente Ramos-Horta. Ora si auspica stabilità per la giovane nazione.

    12/02/2008 TIMOR EST
    Stato di emergenza a Dili, Horta ancora grave
    Le truppe Onu pattugliano le città dove vige il coprifuoco. Altre truppe in arrivo dal’Asutralia. Il presidente, ferito durante gli scontri di ieri, sarà sottoposto nei prossimi giorni a una terza operazione.

    16/10/2008 TIMOR EST
    Per almeno cinque mesi all'anno i timoresi vanno a letto affamati
    Mentre la comunità internazionale celebra la Giornata mondiale dell’alimentazione il Paese è di nuovo sotto la morsa della fame . L’Oxfam australiana lancia l’allarme. I più colpiti sono i bambini, con percentuali di malnutrizione cronica che in alcuni distretti interessano sino al 90% della popolazione infantile.

    11/02/2008 TIMOR EST
    Il presidente Ramos Horta ferito in un attacco
    Negli scontri – forse un tentativo di colpo di stato - è stato ucciso il leader Alfredo Reinado, già condannato per omicidio e fuggito dalla prigione. Attaccato anche il primo ministro Xanana Gusmao, rimasto illeso. Alcune settimane fa Horta era stato ricevuto da Benedetto XVI.



    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®