23 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 15/02/2017, 09.38

    CINA

    Xinjiang, attacco all’arma bianca. Otto morti



    I tre attentatori uccisi dalle forze di sicurezza cinesi. Altre cinque persone rimaste ferite nell’attentato. I sospetti ricadono sui separatisti islamici uiguri.

    Pechino (AsiaNews) – Cinque persone sono rimaste uccise e altrettante ferite nel corso di un violento attacco all’arma bianca avvenuto ieri nell’irrequieta regione cinese dello Xinjiang.

    Secondo le autorità di Hotan tre uomini, armati di coltello, hanno attaccato e pugnalato più persone nella contea di Pishan. I tre assalitori sono poi rimasti uccisi in un conflitto a fuoco con la polizia.

    Dieci persone sono rimaste ferite nell'attacco. Cinque di queste sono morte dopo il trasporto in ospedale.

    Le indagini sono in corso e le identità degli aggressori non sono rese pubbliche. Resta ignoto il movente, anche se per attacchi del genere il governo di Pechino è solito accusare i separatisti islamici.

    Lo Xiniang, regione autonoma cinese, è la patria della minoranza etnica uigura, a maggioranza musulmana.

    Secondo le autorità e i media di Stato, molti degli attacchi più mortali o di alto profilo sul territorio cinese negli ultimi anni sono legati allo Xinjiang. La regione è stata infatti colpita da numerosi violenti attacchi ad opera dei separatisti uiguri.

    Nel mese di dicembre, un’auto carica di esplosivo con a bordo diversi "terroristi" si è schiantata nel cortile degli uffici del comitato locale del Partito comunista nella contea di Karakax. Una persona è rimasta uccisa con i quattro attentatori.

    Nel 2013, tre uiguri a bordo di una jeep hanno investito dei pedoni nei pressi Piazza Tiananmen, simbolo secolare del governo cinese a Pechino, uccidendo cinque persone.

    L'anno successivo, cinque assalitori armati di coltelli hanno ucciso 31 persone in una stazione ferroviaria a Kunming, nella provincia dello Yunnan. Altre 141 persone sono rimaste ferite nell’attacco. Quattro degli aggressori sono stati uccisi sul posto. Altri quattro sono stati poi processati e condannati a morte. I loro nomi suggerivano che fossero uiguri.

    Gruppi per i diritti umani sostengono che gli attacchi nascono dalla frustrazione degli uiguri per quelle che ritengono politiche culturali ed economiche oppressive e discriminatorie, affermazione che Pechino respinge con forza. Al centro delle rimostranze degli uiguri c’è il crescente numero di cinesi Han che “colonizzano” le loro terre d'origine.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/12/2016 08:42:00 CINA
    Xinjiang, cinque morti per un “attacco terrorista” con autobomba

    L’incidente sarebbe avvenuto nella contea di Karakax, nel sud della regione. La lotta al terrorismo e la repressione religiosa.



    17/06/2008 CINA
    La torcia olimpica sfila nello Xinjiang, mentre si attendono condanne a morte per gli uiguri
    Pesanti misure di sicurezza nella regione musulmana, nel timore di attacchi terroristi. Pechino proclama il buon accordo fra le minoranze, ma gli uiguri chiedono più autonomia e maggiore libertà dalla colonizzazione cinese. Decine di uiguri arrestati per “terrorismo” attendono il processo e la condanna a morte.

    27/07/2009 CINA
    Il disegno della Cina dietro la tragedia dello Xinjiang
    Mentre Pechino lancia la campagna “il fascino dello Xinjiang”, per richiamare i turisti a visitare la Via della Seta dopo le violenze dell’inizio del mese, il “padre della democrazia”, in esilio negli Usa,denuncia che le uccisioni nello Xinjiang erano programmate da tempo per distogliere l’attenzione del pubblico cinese dalle lotte interne nel Partito e per far avanzare la Cina nel controllo dell’Asia centrale e Medio oriente, fra i Paesi produttori di petrolio.

    01/04/2017 08:55:00 CINA
    Xinjiang, proibite barbe, velo islamico, cerimonie religiose

    La legge è in vigore da oggi. Matrimoni e funerali religiosi, questioni di testamenti ed eredità considerate espressioni di “estremismo religioso”. La legge dà parvenza legale a quanto già è attuato come direttiva del Partito. La lotta anti-terrorismo lede i diritti umani e la libertà religiosa: i giovani non possono digiunare nel Ramadan; non possono andare in moschea prima dei 18 anni; i predicatori devono sottomettere le loro prediche al governo per l’approvazione.



    27/02/2017 16:25:00 CINA
    Terra bruciata: la nuova politica di Pechino contro gli Uiguri

    Stretta sulle libertà potenziando polizia e spionaggio. Chen vuole ridurre le moschee e rafforzare il controllo sui giovani. Sviluppo economico per risolvere il conflitto fra etnie. Potenziamento dell’agricoltura e del settore tessile. Le autorità intensificano gli sforzi per contrastare il terrorismo, ma gli attacchi continuano senza sosta. Per gentile concessione della Jamestown Foundation (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).





    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®