25 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 29/12/2016, 08.42

    CINA

    Xinjiang, cinque morti per un “attacco terrorista” con autobomba



    L’incidente sarebbe avvenuto nella contea di Karakax, nel sud della regione. La lotta al terrorismo e la repressione religiosa.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Il governo dello Xinjiang ha diffuso la notizia che un “attacco terrorista” è avvenuto ieri pomeriggio nella contea di Karakax, nel sud della regione, uccidendo cinque persone.

    Un’auto con tre assalitori è penetrata nel cortile del palazzo che ospita gli uffici del Partito comunista locale, scontrandosi contro l’edificio. Secondo il resoconto ufficiale, i tre hanno innescato anche la miccia di una bomba artigianale. La polizia ha ucciso i tre assalitori; nello scontro sono morti anche un impiegato e una guardia di sicurezza; altri tre sono rimasti feriti.

    Lo Xinjiang, una zona a maggioranza musulmana, è da decenni un’area di tensioni fra la popolazione uigura, turcofona, e la popolazione cinese di etnia han. La Cina attribuisce le cause ai tentativi indipendentisti dell’East Turkestan Islamic Movement, accusato di essere collegato al terrorismo islamico internazionale.

    Gli uiguri accusano invece Pechino di attuare una colonizzazione etnica, militare, politica ed economica della regione, lasciando ai margini la popolazione locale. Temendo infiltrazioni di radicalismo islamico dall’Afghanistan e dal Pakistan, la Cina impone anche controlli sulle moschee, sull’insegnamento religioso ai giovani, frenando la loro partecipazione alle preghiere e vietando perfino il digiuno nel mese di Ramadan.

    Nel 2013, tre uiguri hanno guidato una jeep contro alcuni passanti in piazza Tiananmen a Pechino, uccidendo cinque persone, compresi gli stessi assalitori.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/05/2014 CINA
    Xinjiang, dopo l'attentato a Urumqi oltre 200 arresti fra gli uiguri
    Il governo annuncia i risultati del raid lanciato dopo l'attentato del 22 maggio alla stazione ferroviaria di Urumqi: 23 gruppi estremisti smantellati, oltre 200 ordigni esplosivi sequestrati. Nella provincia si starebbe diffondendo tramite internet l'ideologia islamista.

    15/02/2017 09:38:00 CINA
    Xinjiang, attacco all’arma bianca. Otto morti

    I tre attentatori uccisi dalle forze di sicurezza cinesi. Altre cinque persone rimaste ferite nell’attentato. I sospetti ricadono sui separatisti islamici uiguri.



    17/06/2008 CINA
    La torcia olimpica sfila nello Xinjiang, mentre si attendono condanne a morte per gli uiguri
    Pesanti misure di sicurezza nella regione musulmana, nel timore di attacchi terroristi. Pechino proclama il buon accordo fra le minoranze, ma gli uiguri chiedono più autonomia e maggiore libertà dalla colonizzazione cinese. Decine di uiguri arrestati per “terrorismo” attendono il processo e la condanna a morte.

    27/07/2009 CINA
    Il disegno della Cina dietro la tragedia dello Xinjiang
    Mentre Pechino lancia la campagna “il fascino dello Xinjiang”, per richiamare i turisti a visitare la Via della Seta dopo le violenze dell’inizio del mese, il “padre della democrazia”, in esilio negli Usa,denuncia che le uccisioni nello Xinjiang erano programmate da tempo per distogliere l’attenzione del pubblico cinese dalle lotte interne nel Partito e per far avanzare la Cina nel controllo dell’Asia centrale e Medio oriente, fra i Paesi produttori di petrolio.

    01/04/2017 08:55:00 CINA
    Xinjiang, proibite barbe, velo islamico, cerimonie religiose

    La legge è in vigore da oggi. Matrimoni e funerali religiosi, questioni di testamenti ed eredità considerate espressioni di “estremismo religioso”. La legge dà parvenza legale a quanto già è attuato come direttiva del Partito. La lotta anti-terrorismo lede i diritti umani e la libertà religiosa: i giovani non possono digiunare nel Ramadan; non possono andare in moschea prima dei 18 anni; i predicatori devono sottomettere le loro prediche al governo per l’approvazione.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Sequestrato mons. Pietro Shao Zhumin, vescovo (sotterraneo) di Wenzhou

    Bernardo Cervellera

    La pubblica sicurezza non comunica il luogo in cui è stato portato. Ma hanno permesso ai fedeli di consegnare alcuni vestiti per il loro pastore. Il vescovo non potrà celebrare Pasqua coi suoi fedeli. Pressioni sul prelato per farlo aderire all’Associazione patriottica. Un destino simile a quello di mons. Guo Xijin. Pressioni anche sulla Santa Sede.


    CINA-VATICANO
    Scomparso da 4 giorni mons. Guo Xijin, vescovo sotterraneo di Mindong

    Wang Zhicheng

    È stato sequestrato dopo una visita all’Ufficio affari religiosi di Fuan. La Pubblica sicurezza lo ha portato in un luogo sconosciuto per farlo “studiare e imparare”. I fedeli pensano che essi vogliano costringerlo a iscriversi all’Associazione patriottica. Al suo rifiuto, è forse possibile che gli proibiscano di ritornare in diocesi. Demolita una chiesa cattolica a Fuan.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®