25 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 17/07/2012
INDONESIA
Yogyakarta, rapinata una banca. Sospetti su gruppi terroristi islamici
di Mathias Hariyadi
I rapinatori hanno piazzato dentro l'edificio ordigni esplosivi artigianali, ma costruiti da mani esperte. Il bottino è di circa 15mila euro in contanti. La polizia finora nega il coinvolgimento di gruppi terroristi. Preoccupanti collegamenti con altre rapine compiute da estremisti islamici per finanziare attentati.

Jakarta (AsiaNews) - Tutto il Paese è sotto shock per la rapina all'Rpi Bank di Yogyakarta (Java), attaccata ieri da un gruppo di ignoti con armi e ordigni esplosivi. La polizia teme un cambiamento di tattica da parte dei gruppi terroristi islamici, che utilizzerebbero le rapine per finanziare eventuali attentati. Il furto è avvenuto ieri, negli uffici dell'Bri situati dentro l'Rsup dr Sadjito Hospital. Secondo una prima ricostruzione i malviventi hanno fatto irruzione nella banca a volto coperto, rubando circa 15mila dollari in contanti e lasciando sulla scena ordigni esplosivi disinnescati in seguito dagli artificieri.

Per il momento gli agenti escludono la pista terrorista, Tuttavia, Gatot Sudibyo, veterano della polizia di Jakarta, sottolinea che i materiali esplosivi piazzati dai rapinatori erano realizzati da mani esperte. Gli artificieri sono stati costretti a farli brillare all'interno della banca.

Nei giorni scorsi un'altra rapina è avvenuta a Sewon nella reggenza di Bantul all'interno del più importante complesso scolastico della zona. I rapinatori hanno attaccato la scuola sequestrando parte del personale, sottraendo circa 17mila euro.

Nell'agosto 2011, la sensazionale rapina alla Cmib Niaga Bank, nella provincia di Medan (North Sumatra), costata diverse vittime fra personale di sicurezza e poliziotti, ha mostrato i nuovi metodi di finanziamento dei terroristi. Come per le due rapine di questi, anche all'epoca la polizia aveva sminuito il fatto per evitare speculazioni. In seguito si è scoperto che i 16 rapinatori erano collegati a un importante gruppo terrorista. Dopo i fatti di Medan, l'organizzazione ha continuato a colpire in altri luoghi, fra cui una gioielleria di Bali nel marzo 2012. 

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
15/05/2012 INDONESIA
Cancellato il concerto di Lady Gaga, è pericoloso per la cultura indonesiana
di Mathias Hariyadi
07/05/2010 INDONESIA
Gruppo terrorista legato ad Abu Bakar Baasyir
di Mathias Hariyadi
20/12/2006 INDONESIA
Per Natale cresce il rischio attentati contro i cristiani
27/09/2010 RUSSIA
Il "mattatoio" Daghestan non è la Cecenia
di Nina Achmatova
28/12/2012 INDONESIA
Central Java, giovani musulmani sfidano gli islamisti e partecipano alla messa di Natale
di Mathias Hariyadi

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate