28 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 17/07/2012, 00.00

    INDONESIA

    Yogyakarta, rapinata una banca. Sospetti su gruppi terroristi islamici

    Mathias Hariyadi

    I rapinatori hanno piazzato dentro l'edificio ordigni esplosivi artigianali, ma costruiti da mani esperte. Il bottino è di circa 15mila euro in contanti. La polizia finora nega il coinvolgimento di gruppi terroristi. Preoccupanti collegamenti con altre rapine compiute da estremisti islamici per finanziare attentati.

    Jakarta (AsiaNews) - Tutto il Paese è sotto shock per la rapina all'Rpi Bank di Yogyakarta (Java), attaccata ieri da un gruppo di ignoti con armi e ordigni esplosivi. La polizia teme un cambiamento di tattica da parte dei gruppi terroristi islamici, che utilizzerebbero le rapine per finanziare eventuali attentati. Il furto è avvenuto ieri, negli uffici dell'Bri situati dentro l'Rsup dr Sadjito Hospital. Secondo una prima ricostruzione i malviventi hanno fatto irruzione nella banca a volto coperto, rubando circa 15mila dollari in contanti e lasciando sulla scena ordigni esplosivi disinnescati in seguito dagli artificieri.

    Per il momento gli agenti escludono la pista terrorista, Tuttavia, Gatot Sudibyo, veterano della polizia di Jakarta, sottolinea che i materiali esplosivi piazzati dai rapinatori erano realizzati da mani esperte. Gli artificieri sono stati costretti a farli brillare all'interno della banca.

    Nei giorni scorsi un'altra rapina è avvenuta a Sewon nella reggenza di Bantul all'interno del più importante complesso scolastico della zona. I rapinatori hanno attaccato la scuola sequestrando parte del personale, sottraendo circa 17mila euro.

    Nell'agosto 2011, la sensazionale rapina alla Cmib Niaga Bank, nella provincia di Medan (North Sumatra), costata diverse vittime fra personale di sicurezza e poliziotti, ha mostrato i nuovi metodi di finanziamento dei terroristi. Come per le due rapine di questi, anche all'epoca la polizia aveva sminuito il fatto per evitare speculazioni. In seguito si è scoperto che i 16 rapinatori erano collegati a un importante gruppo terrorista. Dopo i fatti di Medan, l'organizzazione ha continuato a colpire in altri luoghi, fra cui una gioielleria di Bali nel marzo 2012. 

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/05/2012 INDONESIA
    Cancellato il concerto di Lady Gaga, è pericoloso per la cultura indonesiana
    Su pressione dei partiti islamici, la polizia di Jakarta ha definito lo show della cantante Usa incompatibile con i valori morali del Paese. A rischio anche i concerti di musica popolare indonesiana. I leader moderati temono una virata estremista del Paese.

    07/05/2010 INDONESIA
    Gruppo terrorista legato ad Abu Bakar Baasyir
    Arrestate 12 persone sospettate di avere legami con gruppi di addestramento alla guerriglia in Aceh e nelle Filippine. Il fondatore del gruppo è l’imam di Java Centrale. Baasyir nega ogni accusa: “È colpa di Washington”.

    20/12/2006 INDONESIA
    Per Natale cresce il rischio attentati contro i cristiani
    Allarme bomba presso una radio cristiana di Jakarta. Oltre 18mila poliziotti per sorvegliare luoghi religiosi nella Capitale. Alta l’attenzione anche a Poso.

    27/09/2010 RUSSIA
    Il "mattatoio" Daghestan non è la Cecenia
    Kamikaze e bombe contro polizia e istituzioni sono ormai all’ordine del giorno nella repubblica caucasica. Ma non si tratta di indipendentismo: frustrazione sociale e integralismo islamico, i fattori che rischiano di far esplodere la polveriera. La sfida più importante per Mosca è quella di modernizzare la zona.

    28/12/2012 INDONESIA
    Central Java, giovani musulmani sfidano gli islamisti e partecipano alla messa di Natale
    I ragazzi sono studenti di una locale università islamica. Essi hanno giustificato la loro presenza come un gesto di amicizia e fratellanza nei confronti dei cattolici. L'episodio è avvenuto nella chiesa di S. Xavier a Kebon Dalem, nella provincia di Semarang. Nella regione diversi imam musulmani hanno invitato al boicotaggio delle messe di Natale.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®