26 Gennaio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 03/12/2003
www.asianews.it, ora anche in inglese e cinese
di Bernardo Cervellera

Da oggi 3 dicembre www.asianews.it può essere letta anche in cinese, oltre che in inglese. Siamo già molto incoraggiati dal successo di AsiaNews-on-line in italiano. Nel solo mese di novembre 2003 vi sono state circa 150 mila visite al sito, con articoli diffusi sulle maggiori agenzie di stampa italiane. Grazie poi al rilancio delle nostre notizie da parte di agenzie cattoliche come Misna e Zenit, le notizie di AsiaNews si sono diffuse anche in altre parti del mondo e abbiamo ricevuto messaggi che ci chiedevano di far presto a preparare l'edizione inglese. La necessità dell'edizione inglese è evidente. Oltre il 70% della comunicazione nel mondo avviene usando la lingua inglese come lingua franca. Poter offrire le notizie di AsiaNews anche in questa lingua, ci permetterà di comunicare con il mondo delle grandi agenzie stampa americane e inglese, oltre che con le chiese d'America e d'Africa. Soprattutto ci permetterà di comunicare con le chiese stesse dell'Asia, che hanno nella lingua inglese lo strumento per entrare nella comunicazione internazionale. In questo senso l'informazione di AsiaNews sulle chiese dell'Asia permette alle stesse chiese del continente di condividere e conoscere destino e missione delle loro chiese sorelle. In questo modo l'informazione diventa uno strumento di comunione.

Ma siamo ancora più entusiasti per il varo dell'edizione in cinese. Crediamo che questo impegno è il lavoro più gratuito e più missionario per la nostra agenzia. Più gratuito perché questo impegno, anche economicamente oneroso, lo vogliamo svolgere per la Cina, per il popolo cinese. Ormai l'interesse al cristianesimo, alla Chiesa, a Giovanni Paolo II è molto diffuso fra i cinesi, soprattutto nel mondo universitario. Una ricerca sociologica svolta dall'università del Popolo (Renmin Daxue) ha mostrato che almeno il 61,5% degli studenti di Pechino sono interessati al cristianesimo anche senza essere credenti. La maggioranza di loro cerca di informarsi sulla fede cristiana attraverso la letteratura. Siccome gli studenti universitari hanno possibilità di accesso ad internet, pensiamo che le informazioni di AsiaNews potranno servire a conoscere il cristianesimo nel suo impatto con la società asiatica e anche cinese. Già oggi molti intellettuali cinesi pensano che la Cina possa essere salvata dal cristianesimo, per non esplodere in un mercato senz'anima e in una dittatura che umilia l'individuo.

Questo nostro impegno è anche un gesto missionario. Negli articoli che presentiamo in questi giorni (e che pubblicheremo anche nell'edizione su carta) a proposito della Repubblica Popolare Cinese, vi sono interviste al primo sacerdote che, dagli anni '50 in poi, ha preso per primo un dottorato in Cina; un'intervista ad alcuni recenti convertiti, divenuti sacerdoti e diaconi: tutti mettono in luce l'urgenza di una formazione permanente, di un lavoro per approfondire la fede in termini culturali adeguati alla mentalità cinese e alla modernità che sta invadendo la Cina. L'urgenza è resa ancora più acuta da due fatti:

1)      il governo sta potenziando e promuovendo l'ateismo nelle scuole e nei mass media e perfino nelle tele-novele (senza dare spazio ad alcuna educazione religiosa);

2)      i giovani vogliono conoscere il cristianesimo, ma spesso i cristiani, a causa della persecuzione non hanno approfondito culturalmente la loro fede. Questo li rende talvolta muti di fronte alle domande della gioventù interessata alla fede.

Le pagine web di AsiaNews in cinese vogliono servire come strumento di informazione, ma anche come un suggerimento educativo: presentando notizie, testimonianze, riflessioni, parole del Papa o di personalità ecclesiali vogliamo aiutare la missione della Chiesa cinese.

Vogliamo mettere questi inizi della nostra missione via internet sotto la protezione di San Francesco Saverio (3 dicembre): lui, che è morto desiderando di andare in Cina, è divenuto il protettore delle missioni ed è venerato in Asia e nella Cina. Questa efficacia ... a distanza, si adatta bene a questo nostro servizio, lontano e   vicino al cuore  del popolo e della Chiesa cinese.

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
01/11/2003 www.asianews.it
Nasce www.asianews.it
di Bernardo Cervellera
27/03/2004 ITALIA
C'è spazio oggi per il Cristianesimo nella cultura cinese
06/04/2011 CINA
Qing Ming, la Chiesa più vicina alla cultura cinese tradizionale
di Wang Rui
15/05/2010 CINA
Shanghai, nasce l’Istituto del Dialogo Xu-Ricci
13/12/2003 cina -macao
Wu Li, pittore, poeta e gesuita nella Chiesa dell'Impero Qing
di Gianni Criveller

In evidenza
IRAQ
I bambini di Mosul e il futuro: il campo profughi "a cinque stelle"
di Bernardo CervelleraNel giardino della parrocchia di Mar Elia accanto alle tende ci sono container che servono da aule per i ragazzi e da biblioteca. Un altro serve da stanza per il ricamo. Un coro di bambini. P. Douglas: "preoccuparsi dei profughi non significa solo pensare al mangiare, al bere, alle medicine, le iniezioni, le vaccinazioni... Le persone rifugiate hanno bisogno di fare qualcosa e di coltivare la speranza".
IRAQ
Via Crucis: i profughi di Mosul oltre l'emergenza
di Bernardo CervelleraSono almeno mezzo milione le persone che si sono rifugiate in Kurdistan per sfuggire all'ISIS. Nello Shlama Mall a Erbil: 350 persone vivono nello scheletro di un edificio in costruzione, con panni stesi e coperte a fare da pareti. L'ordinazione sacerdotale di un giovane, anch'egli profugo dimostra che con la fuga, c'è qualcosa che non è stato distrutto: la fede, le tradizioni, il sacerdozio.
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate