18/02/2010, 00.00
BANGLADESH - VATICANO
Invia ad un amico

Dhaka, mons. Celli: l’annuncio di Cristo si diffonda nel “mondo digitale”

di William Gomes
Il presidente del Pontificio consiglio per le comunicazioni sociali sottolinea che le “nuove tecnologie” offrono l’opportunità di accrescere le relazioni, il dialogo, la preghiera e la testimonianza del Vangelo. La rete è un mezzo per avvicinare le genti a Cristo e AsiaNews svolge una missione “importante”.
Dhaka (AsiaNews) – Le nuove tecnologie offrono una migliore opportunità di accrescere le relazioni fra persone, le possibilità di dialogo, la preghiera e il significato del messaggio di Dio ai nostri cuori. È quanto ha spiegato mons. Claudio Maria Celli, presidente del Pontificio consiglio per le comunicazioni sociali, durante un incontro alla Conferenza episcopale del Bangladesh (Cbcb). Il prelato ha inoltre sottolineato che il punto centrale del cristianesimo “non è la dottrina, ma è la persona, il Cristo”; i fedeli nel “villaggio globale” hanno la responsabilità dell’annuncio di Dio “anche attraverso il nuovo mondo digitale”. E il servizio che svolge AsiaNews alla missione, aggiunge, è “importante”.
 
Mons. Celli, in visita ufficiale nel Paese asiatico, il 15 febbraio ha tenuto una conferenza davanti a più di 300 persone tra sacerdoti e giovani seminaristi. Il giorno successivo, nella sede della Conferenza episcopale del Bangladesh (Cbcb), ha incontrato centinaia tra sacerdoti e laici, provenienti da tutto il Paese, invitando i presenti a “non affrontare in ritardo le sfide che offre il nuovo mondo digitale”. Un appello sottoscritto da mons. Paulinus Costa, arcivescovo di Dhaka, che intende “rafforzare l’impegno di religiosi e laici nel campo dei media”.
 
Commentando l’accordo con Google, che ha portato alla nascita di un canale su YouTube dedicato a Benedetto XVI, il prelato spiega ad AsiaNews che “il papa ha chiesto di andare fra la gente, con uno spirito di dialogo e rispetto”. Il progetto si è rivelato sin dall’inizio un successo: 700mila visitatori in una settimana, e in un anno si sono registrati 250 milioni di accessi.
 
Il prelato ribadisce l’importanza della “testimonianza attraverso i media” anche se questi, alle volte, celano attacchi e notizie false sul papa e la Chiesa. Dobbiamo approfittare di questa occasione, aggiunge, per “purificare i nostri cuori” e godere della missione che ci è stata affidata di annunciare la parola di Dio, “credere in Lui ed essere testimoni dell’amore”.
 
In Bangladesh vi sono più di 10 milioni di internauti e la rete, continua mons. Celli, è uno strumento per vescovi, sacerdoti e laici per “annunciare al mondo che Dio ci è vicino”. Il prelato ha visitato il centro cristiano di telecomunicazioni a Dhaka, e ha potuto osservare un esempio dell’amore di Dio perché “musulmani, indù e cristiani lavorano fianco a fianco” all’insegna dello spirito di “solidarietà, pace e giustizia”.
 
Il presidente del Pontificio consiglio per le comunicazioni sociali precisa che “le nuove tecnologie offrono una nuova opportunità di accrescere le relazioni fra le persone”, contrastando la logica del fondamentalismo a sfondo confessionale. “Il punto centrale della nostra religione – spiega il prelato – non è la dottrina, ma la persona, il Cristo. I cristiani nel villaggio globale hanno la responsabilità di annunciare il Vangelo anche nel mondo digitale”.
 
Mons. Celli conclude ricordando che la visita in Bangladesh serve anche a “spingere la Chiesa nell’immenso mondo virtuale” secondo quanto espresso da Benedetto XVI e, prima ancora, da papa Giovanni Paolo II. E in quest’ottica, chiosa, il servizio che svolge AsiaNews alla missione è “importante”.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa: la Chiesa di fronte alla sfida di scoprire il modo di parlare di Dio nel linguaggio digitale
28/02/2011
Internet e digitale, dall’Indonesia le nuove frontiere dell'evangelizzazione
26/09/2013
Banjarmasin: la diocesi riflette sui media, per rispondere alle sfide dell’evangelizzazione
12/05/2014
Vaticano: la catechesi nell’era della cultura digitale e della crisi di fede
25/06/2020 13:56
Télé-Lumière e NourSat per una “cittadella dei media” in Medio Oriente
30/04/2009


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”