27/01/2010, 00.00
FILIPPINE
Invia ad un amico

P. Sinnot ritorna a Mindanao, nella missione dove è stato rapito

Dal 25 gennaio p. Sinnott è di nuovo a Pagadian luogo dove era stato rapito lo scorso 11 ottobre. Ad accoglierlo i volontari e i bambini disabili dell’opera di carità da lui diretta fino al giorno del rapimento. Egli dice che l’incidente subito non gli impedirà in alcun modo di proseguire la sua opera di carità.

Manila (AsiaNews/Agenzie) – A due mesi dal suo rilascio p. Michael Sinnott ritorna a Pagadian (Zamboanga, Mindanao), luogo dove era stato rapito lo scorso 10 ottobre, per continuare il suo lavoro di missionario. Ad accoglierlo il 25 gennaio i volontari e i bambini della Hangop Kabataan Foundation, opera di carità per i bambini disabili fondata e diretta dallo stesso p. Sinnott dal 1998.  Il missionario di San Colombano era atterrato a Manila lo scorso 15 gennaio, dopo due mesi di riposo in Irlanda e finora era incerto un suo ritorno alla missione di Mindanao.

“I miei familiari volevano convincermi  a ritirarmi – afferma il sacerdote – ma la mia vita è qui a Pagadian, con i bambini di cui mi sono preso cura fino al giorno del mio rapimento”. P. Sinnott aggiunge che l’incedente subito non gli impedirà in alcun modo di proseguire il suo operato di carità.

Rapito l’11 ottobre da un commando di sei uomini armati p. Sinnott è stato rilasciato il 12 novembre dopo 31 giorni di prigionia . Per sfuggire all’esercito filippino i rapitori hanno costretto il missionario, anziano e malato di cuore, a vagare per un mese nella giungla della provincia di Lanao del Norte, distante 150 km da Zamboanga. Il suo rilascio è avvenuto grazie all’intervento congiunto di polizia, esercito e membri del Moro Islamic Liberation (Milf). Nonostante il milione di dollari chiesto dai rapitori non è stato pagato nessun riscatto per la liberazione.  Durante il sequestro cristiani e musulmani di Zamboanga hanno allestito numerose veglie di preghiera per chiedere ai rapitori la sua liberazione.

Negli ultimi anni 13 missionari stranieri sono stati rapiti o uccisi nel Paese. P. Sinnott è il terzo sacerdote di origine irlandese a subire un sequestro. Nel 1997 p. Des Hartford è rapito da un gruppo di ribelli islamici e liberato dopo 12 giorni di prigionia. Pochi anni dopo nel 2001 un altro missionario, p. Rufus Hally di Waterford  è ucciso durante un tentativo di rapimento. Nel 2007 p. Giancarlo Bossi del Pime è sequestrato a Zamboanga e liberato dopo 39 giorni di prigionia. Ciò grazie alla collaborazione del Milf che aveva mediato con i rapitori.       

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Missionario rapito ritorna nelle Filippine
19/01/2010
Pagadian: cristiani e musulmani attendono l’arrivo di p. Sinnott
18/11/2009
P. Sinnott è vivo; primo contatto con i rapitori
27/10/2009
Gli Ulema ordinano ai rapitori il rilascio di p. Sinnott
21/10/2009
Esercito filippino e musulmani Moro insieme per liberare p. Sinnott
28/10/2009


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”