21/10/2005, 00.00
CINA
Invia ad un amico

A Shanghai bambini di 3 mesi in vendita su internet

Offerta dettagliata su un sito internet. Il problema degli orfani, che lo stato assiste con appena 5 dollari al mese. Il disinteresse statale può favorire chi rapisce bambini per venderli a coppie che non li hanno.

Pechino (AsiaNews/Scmp) – Bambini in vendita, massimo 100 giorni di età, provenienti dall'Henan, a 28 mila yuan (circa 3.453 dollari Usa) per i maschi e solo 13 mila yuan (1.603 dollari) per le femmine. La singolare offerta è apparsa il 16 ottobre su un sito internet di vendite all'asta, a firma di "Chuangxinzhe Yongyuan" ("innovatore per sempre"), è stata letta da oltre 50 utenti e 1 ha anche chiesto informazioni. Nell'offerta veniva indicata la volontà di "aiutare i milioni di coppie non fertili". I responsabili del sito hanno subito tolto il messaggio e ora indaga la polizia.

Rapire e vendere bambini è un crimine diffuso in Cina, punito con il carcere e anche con la pena di morte. Lo scorso agosto sono stati condannati a morte e giustiziati i 7 capi di una banda che rapiva i bambini, e altri 45 complici hanno avuto condanne da 5 anni al carcere a vita. Il gruppo nel 2003 aveva rapito 61 bambini nel Guizhou per venderli a famiglie nell'Henan e nell'Hebei. Solo 25 bambini sono stati ritrovati, ma per molti non sono stati rintracciati i genitori e ora vivono come orfani. 

Secondo i dati ufficiali gli orfani sono 573 mila e hanno scarsi aiuti dallo Stato. Oltre un terzo non riceve aiuti economici dal governo centrale e per molti altri non vengono pagate le cure mediche e l'istruzione. Lo rivela uno studio svolto insieme dal ministro cinese per gli Affari civili, dall'organizzazione non governativa Save the Children e dall'università Normale di Pechino.

L'86% degli orfani, secondo lo studio, vive nelle zone rurali e solo una metà riceve sussidi dai governi locali. Nelle città, invece, oltre il 70% degli orfani riceve una minima assistenza dallo Stato. Ma in molti Stati il sussidio è solo simbolico. "In molti posti le somme pagate – spiega Shang Xiaoyuan, professore all'università Normale di Pechino che ha partecipato alla ricerca – non coprono nemmeno un quarto delle spese quotidiane per un normale bambino, e in molte regioni rappresentano un decimo di questa spesa." "Molti orfani – prosegue – vivono in estrema povertà, specie nelle zone agricole".

Circa il 78% degli orfani cinesi vive con parenti, ma 69 mila bambini senza parenti vivono negli istituti pubblici. La provincia dell'Henan conta il maggior numero di orfani, circa 50 mila.

Nelle zone agricole ogni bambino riceve dal governo 1.190 yuan (circa 132 dollari Usa) l'anno. Ma in alcune province, come Guizhou, Hunan e Guangxi Zhuang, riceve non più di 50 yuan  (5 euro) al mese.

Kate Wedgwood, direttore del Programma per la Cina di Save the Children, dice che il numero degli orfani è calcolato sulla base dei dati in possesso del governo centrale, ma che il numero reale potrebbe essere maggiore.

Secondo molti esperti, la scarsa cura dedicata dal governo agli orfani favorisce i rapimenti di bambini, venduti a famiglie che non li hanno e li vogliono adottare. I maschi sono chiamati "merce di qualità" e venduti per cifre più che doppie rispetto alle femmine, "merce di grado inferiore".

Il fenomeno è diffuso, anche per l'alto numero di coppie che non riescono ad avere figli, per la politica governativa che prescrive di avere non più di 1 figlio e per la convinzione diffusa che avere un figlio maschio sia molto meglio che una bambina. (PB)

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Conferenza consultiva: “Il governo fermi la legge del figlio unico”
16/03/2007
Pechino, più di 30mila famiglie chiedono di avere un secondo figlio
12/01/2015
Il governo cinese “lavori per aumentare le nascite. O il sistema crollerà”
04/05/2016 08:41
Cina, l’invecchiamento della popolazione mette a rischio la crescita economica
30/11/2009
Cina, aumenta lo squilibrio fra i sessi: ogni 100 femmine nascono 121 maschi
27/09/2006


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”