04/07/2022, 10.36
A. SAUDITA - ISLAM
Invia ad un amico

Alla Mecca un milione di pellegrini per il primo Hajj dopo fase acuta pandemia

Negli ultimi due anni la pandemia globale aveva limitato il numero dei pellegrini e bloccato gli ingressi. Per la prima volta le donne potranno partecipare senza la presenza di un 'guardiano' maschile. In passato il pellegrinaggio maggiore è stato teatro di incidenti, attentati e usato da Riyadh come arma politica. 

Riyadh (AsiaNews) - L’Arabia Saudita ha accolto circa un milione di fedeli musulmani da diverse parti del mondo nel fine settimana, che dal 6 al 12 luglio prossimo prenderanno parte all’Hajj, il pellegrinaggio maggiore alla Mecca, primo grande raduno dall’inizio della pandemia. Il Covid-19, infatti, negli ultimi due anni ha ridotto di molto la partecipazione dei musulmani, tanto da essere un evento perlopiù simbolico nel 2020 con poche decine di migliaia di persone, cittadini o residenti del regno wahhabita. Quest’anno, invece, l’appuntamento torna - almeno in parte - ai fasti di un tempo e, per la prima volta, le donne non avranno bisogno di un "guardiano" maschile.

Striscioni e cartelloni hanno accolto i fedeli alla Mecca, compresi i primi visitatori internazionali dal 2019 che hanno gremito piazze e vicoli, mentre le forze di sicurezza pattugliano la città luogo di nascita del profeta Maometto. “Questa è pura gioia” ha dichiarato all’Afp Abdel Qader Kheder, un pellegrino proveniente da Sudan. “Non riesco quasi a credere di essere qui. Mi sto godendo - ha aggiunto l’uomo - ogni momento”. 

All’evento prenderanno parte un milione di pellegrini, dei quali 850mila provenienti dall’estero. Un dato inferiore ai record del passato pre-pandemia (fino a 2,5 milioni nel 2019), ma certo un buon numero se confrontato agli eventi più recenti. Anche per quest’anno sono previste rigorose misure di sicurezza sul piano sanitario: partecipazione consentita solo a persone inferiori ai 65 anni di età, protocolli specifici e la grande moschea pulita e sanificata almeno 10 volte al giorno. L’Hajj, che costa poco meno di 5mila euro a persona, è uno dei principali traini dell’economia legata al turismo, riversando nelle casse dello Stato oltre 11 miliardi di euro all’anno, oltre a garantire uno status privilegiato fra le nazioni islamiche. Esso è inoltre occasione per mostrare una nazione in rapida trasformazione, pur attirandosi ancora oggi critiche per violazioni ai diritti umani e alle libertà personali, compresa quella religiosa per i non musulmani. L’Arabia Saudita - che in base alle recenti riforme ha permesso rave a Riyadh e spiagge miste a Jeddah - ora consente alle donne di partecipare al pellegrinaggio senza un guardiano maschile. 

Il pellegrinaggio maggiore (Hajj) è uno dei cinque pilastri della fede islamica, e ogni musulmano è obbligato a compierlo almeno una volta nella vita. In passato è stato utilizzato da Riyadh come arma politica, negando il visto di ingresso e la partecipazione a fedeli iraniani (sciiti) o siriani a causa della guerra. Esso è stato inoltre teatro di incidenti o attentati, con migliaia di morti: nel 2015 una fuga precipitosa fra la folla ha causato almeno 2.300 vittime; nel 2006 oltre 360 pellegrini sono morti durante il rituale di lapidazione, in cui i pellegrini lanciano pietre e ciottoli contro tre lapidi che simboleggia il rifiuto di Satana; nel 1989 un doppio attacco all’esterno della grande moschea ha causato una vittima e 16 feriti, per l’attentato sono stati giustiziati 16 cittadini del Kuwait. 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Ministro saudita: vaccino contro il Covid è ‘precondizione’ per l’Hajj
02/03/2021 15:32
Oggi inizia l’Hajj, attesi 1,5 milioni di pellegrini alla Mecca
10/09/2016 11:31
Riyadh, oltre 120 persone arrestate per falsi Green Pass Covid
16/07/2021 08:57
Mecca: robot, vaccini e distanziamento. L’Hajj al tempo del Covid
19/06/2021 08:00
Riyadh annuncia la ripresa dell’Umra, il piccolo pellegrinaggio
24/09/2020 13:52


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”