02/10/2005, 00.00
Vaticano – Sinodo sull'Eucaristia
Invia ad un amico

Angelus: Eucaristia, forza della missione di Francesco Saverio e di Teresa di Lisieux

Città del Vaticano (AsiaNews) - Prima della preghiera mariana, affacciato dalla finestra del suo studio, Benedetto XVI ha voluto ricordare ancora il Sinodo sull'Eucaristia  in "prospettiva missionaria". Egli ha detto che il sacramento eucaristico "è il centro propulsore dell'intera azione evangelizzatrice della Chiesa". La missione offre "agli uomini Cristo, e non solamente idee o valori pur nobili e importanti".

Il Papa ha anche ricordato i santi patroni della missione, Francesco Saverio e Teresa di Gesù Bambino, la cui vita è stata plasmata dal mistero dell'Eucaristia. Il Sinodo si concluderà proprio il 23 ottobre, Giornata Missionaria Mondiale. Benedetto XVI ha chiesto a tutti i fedeli di pregare la Madonna del Rosario per i frutti dell'assemblea sinodale. A questo proposito, il papa ha detto che la preghiera del rosario, dopo un periodo di abbandono, si sta ancora diffondendo, grazie "all'esempio e all'insegnamento" del defunto Giovanni Paolo II.

Ecco le parole di Benedetto XVI prima della preghiera dell'Angelus:

 

Cari fratelli e sorelle!

Si è da poco conclusa, nella Basilica di San Pietro, la Celebrazione eucaristica con cui abbiamo inaugurato l'Assemblea Generale Ordinaria del Sinodo dei Vescovi. I Padri sinodali, provenienti da ogni parte del mondo, con esperti e altri delegati vivranno nelle prossime tre settimane, insieme con il Successore di Pietro, un tempo privilegiato di preghiera, riflettendo sul tema "Eucaristia: fonte e culmine della vita e della missione della Chiesa". Perché questo tema? Non è forse un argomento scontato, pienamente acquisito? In realtà, la dottrina cattolica sull'Eucaristia, definita autorevolmente dal Concilio di Trento, domanda di essere recepita, vissuta e trasmessa dalla Comunità ecclesiale in modo sempre nuovo e adeguato ai tempi. L'Eucaristia potrebbe essere considerata anche come una "lente" attraverso la quale verificare continuamente il volto e il cammino della Chiesa, che Cristo ha fondato perché ogni uomo possa conoscere l'amore di Dio e trovare in esso pienezza di vita. Per questo l'amato Papa Giovanni Paolo II ha voluto dedicare all'Eucaristia un intero anno, che si chiuderà proprio con la fine dell'Assemblea sinodale il 23 ottobre prossimo, domenica in cui si celebrerà la Giornata Missionaria Mondiale.

Tale coincidenza ci aiuta a contemplare il mistero eucaristico nella prospettiva missionaria. L'Eucaristia, in effetti, è il centro propulsore dell'intera azione evangelizzatrice della Chiesa, un po' come il cuore lo è nel corpo umano. Le comunità cristiane senza la celebrazione eucaristica, in cui si alimentano alla duplice mensa della Parola e del Corpo di Cristo, perderebbero la loro autentica natura: solo in quanto "eucaristiche" esse possono trasmettere agli uomini Cristo, e non solamente idee o valori pur nobili e importanti. L'Eucaristia ha plasmato insigni apostoli missionari, in ogni stato di vita: vescovi, sacerdoti, religiosi, laici; santi di vita attiva e contemplativa. Pensiamo, da una parte, a san Francesco Saverio, che l'amore di Cristo spinse fino all'estremo Oriente per annunciare il Vangelo; dall'altra, a santa Teresa di Lisieux, giovane carmelitana, di cui abbiamo fatto memoria proprio ieri. Essa visse nella clausura il suo ardente spirito apostolico, meritando di essere proclamata insieme con san Francesco Saverio patrona dell'attività missionaria della Chiesa.

Invochiamo la loro protezione sui lavori sinodali come pure quella degli Angeli custodi, che oggi ricordiamo. Preghiamo con fiducia soprattutto la Beata Vergine Maria, che il prossimo 7 ottobre venereremo con il titolo di Madonna del Rosario. Il mese di ottobre è dedicato al santo Rosario, singolare preghiera contemplativa con la quale, guidati dalla celeste Madre del Signore, fissiamo lo sguardo sul volto del Redentore, per essere conformati al suo mistero di gioia, di luce, di dolore e di gloria. Questa antica preghiera sta conoscendo una provvidenziale rifioritura, grazie anche all'esempio e all'insegnamento dell'amato Papa Giovanni Paolo II. Vi invito a rileggere la sua Lettera apostolica Rosarium Virginis Mariae e a metterne in pratica le indicazioni a livello personale, familiare e comunitario. A Maria affidiamo i lavori del Sinodo: sia Lei a condurre la Chiesa intera ad una consapevolezza sempre più chiara della propria missione a servizio del Redentore realmente presente nel sacramento dell'Eucaristia.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
"Missione: Pane spezzato per la vita del mondo"
16/04/2005
Papa: Eucaristia, rimedio alla fede tiepida dei cristiani e all'ateismo del mondo
02/10/2005
Papa: l'impegno missionario una "urgenza" per la Chiesa in un tempo di sfide
29/04/2004
Papa: Grazie ai missionari e ai martiri
24/10/2004
Papa: Testimoni dell'Eucaristia fino agli estremi confini della terra
23/10/2005


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”