07/05/2022, 09.03
TAIWAN-CINA
Invia ad un amico

Anonymous minaccia Pechino: non fare nulla di stupido contro Taipei

Il collettivo di pirati informatici avverte i cinesi di non provare a invadere Taiwan, evitando gli errori compiuti dai russi con l’attacco all’Ucraina. Dopo il Cremlino, gli hacker pronti a prendere di mira Xi Jinping e soci. Ricordando l’affondamento dell’incrociatore russo Moskva, fari puntati anche sulla portaerei cinese Liaoning.

Taipei (AsiaNews) – Anonymous ha lanciato un attacco di avvertimento alla Cina: il collettivo globale di pirati informatici ha hackerato la pagina web di un ente statale cinese lasciandovi in sovrimpressione una scritta che invita Pechino a non  fare nulla di stupido contro Taiwan.

Il riferimento è alla possibilità che la Cina possa invadere l’isola, considerata dalla leadership comunista una “provincia ribelle”, da riunificare con la forza se necessario.

Vittima del raid informatico è stato il sito web di un ufficio distrettuale di Chengdu (Sichuan) della Conferenza politica consultiva del popolo cinese, organismo chiamato a formalizzare decisioni già prese dal presidente Xi Jinping e dai vertici del Partito comunista cinese.

Non è la prima volta che Anonymous prende di mira il governo cinese. In passato un suo hacker, "Cyber Anakin”, ha infiltrato per cinque giorni i sistemi informatici di Pechino, compresi quelli di alcune centrali nucleari. Nell’ultimo blitz, iniziato il 2 maggio, i pirati informatici hanno impostato l’interfaccia della pagina web hackerata con le bandiere di Tibet, Taiwan, Turkestan orientale (Xinjiang) e Mongolia interna: tutte realtà che le autorità cinesi ritengono a rischio di “separatismo”.

Gli hacker hanno inserito anche la “Black Bauhinia”, il vessillo delle manifestazioni di protesta che nel 2019 hanno coinvolto il fronte democratico di Hong Kong, e un richiamo a Li Wenliang, il dottore di Wuhan morto per Covid-19 a inizio 2020 dopo aver lanciato l’allarme sull’epidemia.

Dall’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina il 24 febbraio, Anonymous ha attaccato più volte le strutture web del Cremlino. Gli hacker hanno minacciato di sabotare i sistemi informatici della portaerei cinese Liaoning, che a loro dire farebbe la fine dell’incrociatore russo Moskva, affondato di recente dopo un probabile attacco missilistico ucraino.

 

(foto Taiwan News)

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Attacco hacker di Pyongyang alla Pfizer: vaccino anti-Covid nel mirino
24/02/2021 08:58
Maggioranza dei taiwanesi pronta a impugnare armi contro invasione di Pechino
21/05/2022 10:29
Kiev vuole distruggere il ponte di Putin in Crimea
21/06/2022 08:52
Taipei: Pechino potrebbe invaderci entro il 2025
06/10/2021 13:29
Pechino: ‘Se Taipei dichiara indipendenza, è guerra’. Washington: risponderemo
29/01/2021 11:57


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”