23/03/2011, 00.00
MALAYSIA
Invia ad un amico

Bibbie sequestrate: Kuala Lumpur fa marcia indietro. I cristiani valutano la proposta

Sulle Bibbie non apparirà più il numero seriale, la scritta ”Solo per cristiani” e il sigillo del ministero degli Interni, ma solamente la stampigliatura: “Per la cristianità”. La questione è legata all’uso del termine “Allah” per indicare Dio da parte dei non musulmani.

Kuala Lumpur (AsiaNews/Agenzie) – Il governo malaysiano ha proposto una soluzione di compromesso per la questione delle 35mila Bibbie bloccate nei porti del Paese. La questione è legata al divieto del governo -  rifiutata da una sentenza giudiziaria - di far usare ai cristiani il termine “Allah” per indicare Dio. Il governo, che è spesso accusato di favorire la maggioranza islamica rispetto ai cristiani e alle altre minoranze religiose, ha dichiarato che permetterà il ritiro delle Bibbie una volta che sui libri sia stampigliato: “Per la cristianità”.

Una proposta precedente prevedeva che sulle Bibbie venisse stampigliato un numero seriale, e la scritta: “Solo per i cristiani”. Questa formula era stata immediatamente rifiutata da tutte le confessioni cristiane, perché non volevano che il libro sacro fosse deturpato dalla scritta, dal numero seriale e dal sigillo del ministero degli Interni. Idris Jala, che parlava a nome del Primo ministro, ha dichiarato che sulle Bibbie sarà stampigliato solo “Per la cristianità”.

Secondo fonti locali questa mossa è stata accolta con un certo favore dai leader cristiani. Il segretario generale del Consiglio delle Chiese, Hermen Shastri, che ha partecipato all’incontro con i rappresentanti del governo, ha dichiarato che i leader cristiani hanno chiesto qualche giorno di tempo per riunirsi e prendere una decisione comune. “Capisco l’urgenza del governo, ma devono darci la loro più forte assicurazione che questo non succederà di nuovo”. I cristiani malaysiani che sono circa il nove per cento della popolazione, e molti dei gruppi indigeni del Borneo, che parlano la lingua nazionale malay dicono di aver usato la parola “Allah” per indicare Dio per secoli senza problemi.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Kuala Lumpur, Anwar Ibrahim a processo; lo scontro politico in nome di “Allah”
29/01/2010
Kuala Lumpur, moschee profanate con teste di maiale mozzate
27/01/2010
Mons. Paul Tan: la politica in Malaysia cerca lo scontro fra religioni
09/08/2011
Le Chiese in Malaysia rifiutano le Bibbie bloccate e deturpate dal governo
18/03/2011
Sabah, "sequestro preventivo" del settimanale cattolico che non può più usare la parola "Allah"
30/10/2013


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”