11/03/2008, 00.00
PAKISTAN
Invia ad un amico

Bombe a Lahore, almeno 20 vittime: fra queste, due bambini

di Qaiser Felix
Il bilancio sembra destinate ad aumentare. Il primo ordigno - che mirava ad un ufficio della polizia federale - ha danneggiato la cattedrale, la residenza episcopale, una scuola cristiana e gli uffici della Caritas.
Lahore (AsiaNews) – Due bombe, lanciate contro un ufficio della polizia federale e contro una zona residenziale di Lahore (nella parte orientale del Paese), hanno ucciso poche ore fa almeno 20 persone: fra queste,due bambini. Le detonazioni hanno danneggiato anche la cattedrale del Sacro Cuore, la residenza episcopale, la scuola dedicata Sant’Antonio e gli edifici della Caritas: tutti questi edifici si trovano infatti nei pressi della centrale di polizia, bersaglio del primo attacco.
 
Fra le vittime anche due cristiani: una bambina di 3 anni – figlia dell’autista dell’arcivescovo, mons. Saldanha – ed una delle guardie che piantonava il perimetro della Caritas. Distrutte le vetrate della chiesa ed il cancello principale.
 
Peter Jacob, segretario della Commissione episcopale giustizia e pace, era all’interno della cattedrale al momento dello scoppio. Ad AsiaNews dice: “Condanniamo questi atti di terrorismo nella maniera più ferma possibile. Il nuovo governo deve occuparsi della questione sicurezza il prima possibile”. I danni alle proprietà cristiane, dice Jacob, “si aggirano intorno ai 10 milioni di rupie [circa 100mila euro ndr]. La perdita più grave è quella delle antiche e preziose vetrate della cattedrale”.
 
Subito dopo le esplosioni, la nazionale di cricket australiana ha annunciato la cancellazione di una partita prevista in Pakistan “per motivi di sicurezza”. Mizra Mohammed Yazin, ufficiale della polizia federale, spiega che la bomba esplosa dentro l’ufficio delle forze di sicurezza era stata posizionata all’interno dell’edificio, che ora è danneggiato e continua a bruciare. Nel palazzo, composto da diversi piani, lavorano dalle 200 alle 300 persone: il numero delle vittime sembra destinato ad aumentare.
 
Continua dunque l’emergenza sicurezza nel Paese, nonostante le ultime elezioni legislative abbiano sancito la vittoria elettorale delle compagini moderate. Nonostante non sia un obiettivo colpito molto spesso, a Lahore sono morte negli ultimi mesi circa 30 persone a causa di attacchi terroristici.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Poso, violenze anticristiane: estremisti incendiano una chiesa protestante
23/10/2012
Arrestati 12 terroristi nel Sabah: preparavano attacchi a nazioni confinanti
30/05/2006
Morto Azahari bin Husin "uno dei 5 terroristi più pericolosi del Sud-Est asiatico"
09/11/2005
Karachi, la Chiesa "condanna le bombe e si unisce ai musulmani per la pace"
12/04/2006
Vescovo di Mumbai: "Ho pregato affinché Dio illumini chi genera violenza"
20/07/2006


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”