18/09/2012, 00.00
INDIA – ISLAM
Invia ad un amico

Card. Gracias: Ingiustificabile il film anti-Maometto, ma no alla violenza

di Nirmala Carvalho
Il presidente della Conferenza episcopale indiana (Cbci) richiama al dialogo e alla pace per fermare le proteste seguite alla diffusione della pellicola. La libertà d’espressione dei media è insindacabile, ma essa “non va usata per offendere o deridere il prossimo”. Un appello alla tolleranza e alla comprensione reciproca verso tutti i leader spirituali, cristiani, musulmani e indù.

Mumbai (AsiaNews) - Un atto "ingiustificabile" la diffusione del film blasfemo su Maometto, che però "non va combattuto con la violenza", ma "con il dialogo e la pace". Così il card. Oswald Gracias, presidente della Conferenza episcopale indiana (Cbci), commenta ad AsiaNews l'allargarsi della protesta in diversi Paesi islamici, in alcuni casi culminata anche con la morte e il ferimento di civili innocenti. Pochi giorni fa, anche l'India è stata teatro di manifestazioni da parte della comunità musulmana, che tuttavia sono rimaste pacifiche, anche grazie all'invito alla calma degli imam locali. L'ondata di violenze è iniziata dopo l'attentato dell'11 settembre scorso al consolato Usa di Bengasi (Libia). Nell'attacco, l'ambasciatore Christopher Stevens e tre suoi collaboratori hanno perso la vita.

Parlando del film, il card. Gracias sottolinea: "I media sono liberi di agire, e noi dobbiamo rispettare questa libertà d'espressione. Ma ogni libertà deve essere usata con responsabilità. È sbagliato sfruttare un mezzo di comunicazione per prendere in giro o offendere qualcosa che per un altro è sacra. È imperativo esercitare sensibilità, attenzione e rispetto verso il prossimo, soprattutto quando si tratta del suo credo religioso. Ci sono dei limiti che non possono mai essere oltrepassati".

Allo stesso tempo, aggiunge il porporato, "dobbiamo condannare ogni forma di fondamentalismo", perché "in passato abbiamo già sperimentato la devastazione che produce. La violenza in ogni sua forma è contro la società, è dolorosa e distruttiva". In questo contesto, spiega, "è urgente che tutti i leader spirituali richiamino alla pace, alla comprensione e alla calma".

Il presidente della Cbci ricorda poi "l'impegno della Chiesa cattolica al dialogo interreligioso; al rispetto reciproco; allo sviluppo integrale dell'essere umano; alla ricerca di rapporti cordiali con le guide spirituali di altre fedi". Perché, sottolinea, "la mia speranza è che dialogo, armonia, tolleranza e rispetto reciproco diventino la norma per cristiani, musulmani, indù. Tutti noi vogliamo una società migliore; compiere il volere di Dio; servire il prossimo, la società e il Paese". 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Islam e blasfemia: il Corano non prescrive violenze per chi offende Maometto
03/10/2012
Mosca bandisce il film anti-islam: "estremista". Youtube a rischio
02/10/2012
Chiesa colpita nelle proteste contro il film anti-islam. La condanna di leader cristiani e musulmani
24/09/2012
Film anti-islam, proteste in India. Gli imam richiamano alla calma
14/09/2012
Qatar, un film Kolossal su Maometto senza immagini del profeta, in obbedienza alla sharia
21/12/2012


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”