17/09/2014, 00.00
NEPAL
Invia ad un amico

Caritas Nepal: testimoniando Cristo, da 25 anni al servizio di poveri ed emarginati

di Christopher Sharma
Festeggiando il Giubileo d’argento, l’ente cattolico sottolinea il valore di un’opera che segue gli insegnamenti della dottrina sociale della Chiesa. Per il vicario apostolico è tempo di “santificazione” e ripensamento delle “attività future”. Un lavoro che ha saputo conquistare il consenso di autorità e cittadini.

Kathmandu (AsiaNews) - La Caritas del Nepal, fondata nel 1989, festeggia i 25 anni di vita e di servizio per i più poveri e bisognosi del Paese, secondo i dettami indicati dal Vangelo. Intervenendo alle celebrazioni per il Giubileo d'argento il vicario apostolico del Nepal mons. Paul Simick ha parlato di "tempo di santificazione, liberazione e di ritorno radicale a Dio, per gioire delle grazie ricevute, valutazione del passato e ripresa delle attività future". Il prelato, che è anche patrono dell'ente cattolico, aggiunge che "questa festa giubilare" è occasione per "apprezzare il meraviglioso viaggio di questi ultimi 25 anni" nel radicare la presenza di Dio "in questo meraviglioso Paese"; un viaggio al servizio della Chiesa e della società, in particolare per quanto concerne "i poveri e gli emarginati", in accordo "agli insegnamenti della dottrina sociale".

Il vicario emerito mons. Anthony Sharma ha ricordato la preghiera di san Francesco d'Assisi, in cui il Santo chiede al Signore di fare di lui "uno strumento di pace", per donare fede, speranza, gioia e luce. Il direttore esecutivo Caritas Nepal p. Pius Perumana esorta a crescere all'insegna della "solidarietà" e ricorda la "presenza crescente" in termini di servizio sociale. "Caritas Nepal - avverte - non verrà mai meno quando si tratta di rispondere ai bisogni dei poveri e degli emarginati". 

In tutti questi anni l'ente cattolico ha operato in tutto il Paese, nei settori più disparati conquistando stima e riconoscimenti fra le istituzioni sociali del Nepal, dalle attività di emergenze fino alla realizzazione di programmi di lungo periodo. Un'opera che aveva già saputo ottenere il plauso del defunto re Birendra Bir Bikram ShahDev, che ha insignito la Caritas di un riconoscimento nel 1997. 

I settori principali in cui essa opera sono l'agricoltura e l'adattamento ai cambiamenti climatici, la cooperazione e le imprese, i progetti socio-economici, la costruzione della pace nel Paese, la prevenzione delle violenze di genere e il traffico di vite umane. E ancora, il lavoro di assistenza e aiuto nei casi di disastri naturali, i progetti in ambito scolastico e il sostegno ai lavoratori migranti rientrati nel Paese di origine di cui hanno beneficiato milioni di persone. 

In Nepal - nazione di 26,6 milioni di persone - vivono circa 150mila cristiani (0,4%), di cui 8mila sono cattolici. Prima della caduta della monarchia (2006) l'induismo era religione di Stato e influenzava la vita di ogni cittadino. La proclamazione di uno Stato laico garantisce libertà religiosa, ma le minoranze - in particolare quella cristiana - subiscono ancora soprusi e minacce dalla comunità di maggioranza. La popolazione indù è spesso al centro di episodi di discriminazione, violenza contro le donne ed emarginazione dei più poveri. Non mancano inoltre le accuse - da parte di induisti e, talvolta, anche di buddisti - a cattolici e cristiani di convertire le persone con la forza o offrendo loro denaro.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Saigon: “Carità in amore”, da 20 anni l’ente cattolico aiuta bambini malati e abbandonati
30/01/2017 11:05
Sacerdote vietnamita e laici aiutano poveri, disabili e studenti bisognosi
09/04/2011
Kampar: la cucina per i poveri, “piccolo segno della presenza di Dio”
03/05/2016 11:17
Musulmani e buddisti insieme ai cattolici donano cibo e visite mediche gratuite ai poveri
07/02/2013
Colombo, la Caritas festeggia 50 anni di attività per i poveri
08/11/2017 12:47


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”