02/12/2014, 00.00
COREA
Invia ad un amico

Corea, torna il gigantesco albero di Natale al confine fra Nord e Sud

Il governo di Seoul ha concesso al Consiglio cristiano di Corea di accendere le luci dell'enorme struttura metallica, sormontata da una croce, che sarà visibile fino a 10 chilometri di distanza. Il 23 dicembre una funzione religiosa e il canto degli inni natalizi faranno da cornice all'evento.

Seoul (AsiaNews) - Dopo mesi di polemiche e di ricorsi giudiziari, il governo nazionale ha concesso al Consiglio cristiano di Corea il permesso di ricostruire l'enorme albero di Natale sul picco di Aegibong. La  collina, che sorge davanti al confine con il Nord, è alta 165 metri. Considerato da alcuni uno strumento di "guerra psicologica" con il Nord, l'albero metallico e la croce che lo sormonta saranno visibili dalla popolazione nordcoreana che vive fino a 10 chilometri dal confine.

L'annuncio ufficiale è stato dato questa mattina dal ministero della Difesa di Seoul, che ha anche garantito "protezione" ai fedeli cristiani che si riuniranno per la cerimonia di accensione delle luci. La struttura sarà di dimensioni ancora non chiare, "fra i nove e i 35 metri di altezza". Seoul non ha ancora deciso infatti se concedere o meno al gruppo cristiano di ripristinare l'albero originale, altissimo, demolito in novembre dopo 43 anni.

Per i funzionari del governo di Park Geun-hye, la distruzione del vecchio albero era "motivata da ragioni di sicurezza. Il telaio era vecchio e fatiscente. Non abbiamo ancora deciso se il nuovo potrà essere alto come l'originale o dovrà avere una dimensione minore". L'accensione è prevista il 23 dicembre, quando i membri del Consiglio si riuniranno per una funzione religiosa e il canto di alcuni inni natalizi. L'albero rimarrà acceso e visibile per due settimane.

Costruito nel 1971 - in pieno antagonismo fra le due Coree - l'enorme telaio è stato acceso a fasi alterne, seguendo le politiche di volta in volta distensive o provocatorie del governo di Seoul nei confronti del regime. Nel 2004, con molta pubblicità, Seoul dichiarò che l'albero "non sarebbe stato mai più illuminato" perché "si era trovato un accordo" con Pyongyang. Tuttavia nel 2010, dopo l'affondamento della corvetta sudcoreana Cheonan in cui morirono 43 persone, tornarono le luci di Natale.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Nel 2018, fuggiti dalla Corea del Nord più di mille disertori
18/12/2018 11:28
Dopo 7 anni, un albero di Natale torna al confine con il Nord
23/12/2010
Generale nord-coreano "premiato" per l’affondamento della Cheonan
27/04/2010
Seoul: “Un missile del Nord contro la Cheonan”
22/04/2010
Seoul, arrestati due sicari inviati a uccidere Hwang Jang-yop
21/04/2010


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”