16/07/2021, 12.51
INDIA
Invia ad un amico

Delhi, siro-malabaresi pregano tra le macerie della chiesa distrutta (VIDEO)

di Nirmala Carvalho

Il vescovo ha rivolto un appello al premier Modi perchè sia ricostruito il luogo di culto raso al suolo il 12 luglio. Rimpallo di responsabilità tra organismi pubblici su chi abbia ordinato la demolizione dell'edificio "abusivo". Il sacerdote locale: "Non c'è stato nessun preavviso. Nella stessa area di proprietà pubblica ci sono anche un tempio, una moschea e un'altra chiesa che non sono stati toccati".

New Delhi (AsiaNews) – La diocesi siro-malabarese di Faridabad ha rivolto un appello al primo ministro indiano Narendra Modi perché renda possibile la ricostruzione della Little Flower Church, la chiesa abbattuta il 12 luglio nella capitale perché ritenuta abusiva nonostante svolgesse la sua attività ormai da quasi 15 anni. “Richiamo il suo immediato intervento - scrive il vescovo, mons. Kuriakose Bharanikulangara - per la ricostruzione e la restituzione del danno arrecato ai fedeli di questo luogo di preghiera che hanno devastato senza alcun rispetto”. In parallelo la diocesi ha anche interpellato sulla questione la Commissione nazionale per le minoranze, mentre la comunità continua a pregare tra le macerie (v. video).

Anche il chief minister del Kerala Pinarayi Vijayanha si è detto scioccato per la demolizione: "Un fatto del genere non sarebbe dovuto accadere, vedremo che cosa si potrà fare per rimediare”. Intanto a Delhi è rimpallo di responsabilità su chi abbia ordinato la demolizione. La Delhi Development Authority, un organismo del governo federale, nega ogni responsabilità. L'avviso di sgombero agli “invasori abusivi” sarebbe stato emesso dal Block Development Officer del distretto di South Delhi, che dipende dall'ufficio delle imposte dell'amministrazione locale. Secondo l'avviso rilasciato il 7 luglio, l'area di pubblica utilità non era assegnata a nessuno: esso intimava agli “occupanti” di sgomberarla entro tre giorni, trascorsi i quali si sarebbe passati all'azione.

P. Jose Kannumkuzhy, il parroco della Little Flower Church, sostiene però che il 12 luglio la demolizione sia avvenuta senza alcun preavviso: "Non c'è stata alcuna discussione – spiega - sono arrivati senza avvertire. Ero presente quando è successo. Hanno distrutto ogni cosa: statue, oggetti utilizzati per la preghiera, i registri, l'impianto audio. L'altare è ancora in piedi ma è comunque inutilizzabile. Non era una costruzione in muratura, ma una struttura temporanea che stava lì da quasi 15 anni. Ma nelle vicinanze ci sono anche un'altra chiesa, una moschea e un tempio che non sono stati toccati”.

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Kumbh Mela, l'appello di Modi: con la pandemia sia solo simbolico
17/04/2021 10:53
Tamil Nadu, dimesse dall’ospedale le suore picchiate dai radicali indù
06/04/2019 11:01
Tamil Nadu, 200 radicali indù picchiano le suore e devastano una scuola cattolica
02/04/2019 13:18
Covid-19, nell'Uttarkhand scontro su un'altra cerimonia indù
29/04/2021 12:15
Pegasus: politici, giornalisti e attivisti indiani tra i possibili spiati. Modi sotto accusa
21/07/2021 13:13