29/09/2022, 11.50
INDIA
Invia ad un amico

Delhi vuole inserire il proprio sistema di navigazione satellitare negli iPhone

Si chiama NavIC e il primo ministro Narendra Modi ha chiesto a tutte le grandi aziende hi-tech di inserirlo nei propri smartphone. I colossi tecnologici hanno però lamentato gli alti costi di produzione a cui andrebbero incontro. Nel frattempo l'India ha proposto anche incentivi finanziari per sostituire la Cina come base di produzione.

New Delhi (AsiaNews/Agenzie) - Apple ha spostato la produzione del nuovo iPhone in India sperando di non avere problemi, ma non aveva fatto i conti con le mire nazionalistiche e da superpotenza del primo ministro Narendra Modi: nei giorni scorsi Delhi ha fatto pressioni sul gigante Usa della tecnologia, Samsung e Xiaomi affinché rendano compatibili i loro smartphone con NavIc, il sistema di navigazione satellitare indiano. I colossi hi-tech però sono restii ad accogliere la richiesta a causa dei costi elevati che richiederebbe la riconversione della produzione.

In linea con la spinta all’autosufficienza del premier Modi, dal 2018 l’India ha ampliato l’utilizzo di NavIC (Navigation with Indian Constellation) e limitato l’utilizzo dei sistemi di navigazione stranieri, il più noto dei quali è lo statunitense Global Positioning System (Gps). Anche l’Unione europea, la Russia e la Cina possiedono i propri sistemi di navigazione satellitare: l’India sta facendo di tutto per essere considerata una superpotenza al pari di queste nazioni, ma nel caso di NavIC il suo utilizzo al momento è minimo anche a livello interno, essendo obbligatorio solo per lo spostamento dei veicoli pubblici. Solo una ventina di modelli di cellulare lo utilizza.

Sono sempre le visioni di grandeur internazionale ad aver spinto l’India ad annunciare un aumento degli incentivi finanziari alle aziende produttrici di di laptop e tablet (Apple in primis) nel tentativo di sostituire la Cina come principale base di produzione. Un piano in realtà già stato proposto l’anno scorso ma che non era riuscito ad attrarre le grandi aziende hi-tech per le dimensioni ridotte dei finanziamenti (900 milioni di dollari).

Durante un serie di riunioni tenutesi tra agosto e settembre l’India ha offerto il sostegno dell’agenzia spaziale indiana per modificare l’hardware degli smartphone che saranno venduti a partire da gennaio 2023. Apple, Samsung e Xiaomi hanno declinato la richiesta, ma la questione potrebbe non concludersi qui: Delhi ha sottolineato che il Gps e il russo Glonass sono gestiti dalle agenzie di difesa dei propri Paesi, che potrebbero interromperne la fruizione ai civili da un momento all’altro. Beidou, il sistema cinese, invece, è integrato in oltre il 90% degli smartphone fabbricati in Cina. Il sito web di Apple sostiene che i propri cellulari siano compatibili con tutti i sistemi di navigazione, ragione in più avanzata da Delhi per far inserire anche NavIC.

Ma il problema riguarda il costo dei chip dual band che dovrebbero essere installati per rendere gli smartphone compatibili anche il sistema satellitare indiano oltre al Gps: Samsung e Xiaomi - che insieme rappresentano il 38% del mercato indiano degli smartphone e riescono a tenere il prezzo dei loro prodotti a meno di 200 dollari a pezzo in India - sono riluttanti a sborsare costi elevati per piccole componenti aggiuntive che, almeno per ora, non promettono grandi ritorni.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
E’ operativo il sistema cinese di controllo globale della terra
15/04/2009
Gli smartphone Huawei crollano del 42% a causa delle sanzioni di Trump
30/01/2021 08:00
Beidou lancia la navigazione per la regione Asia-Pacifico. Una sfida al Gps
28/12/2012
Lavoratori vietnamiti confinati in fabbrica: dovevano produrre cellulari per il Natale
23/11/2021 11:21
Avvistata in un porto somalo la petroliera saudita dirottata
18/11/2008


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”