06/06/2013, 00.00
BANGLADESH
Invia ad un amico

Dhaka, centinaia di operai di un’azienda tessile “avvelenati” dall’acqua

di Sumon Corraya
Le vittime sono ricoverate in ospedale e presentano dolori all’addome. La magistratura ha aperto un’inchiesta, ma sinora non si registrano arresti o svolte nelle indagini. Operaia denuncia: Non ci hanno soccorso. La polizia reprime con la forza le manifestazioni di piazza dei parenti delle vittime del Rana Plaza.

Dhaka (AsiaNews) - "Ho cominciato a stare male dopo aver bevuto acqua messa a disposizione dalla fabbrica tessile [in cui lavora]. Ora va meglio, anche se il dolore alla pancia è ancora forte". È quanto racconta ad AsiaNews Rohima Begum (nella foto), ricoverata al Tongi Government Hospital di Gazipur, divisione amministrativa di Dhaka. La donna è uno dei circa 600 lavoratori della Starlight Sweaters, azienda facente parte del gruppo Labib, che ieri sono dovuti ricorrere con urgenza a cure mediche per dolori acuti allo stomaco. La maggioranza ha manifestato nausee e conati di vomito prolungati. I sospetti sono concentrati attorno all'acqua, per un possibile caso di "contaminazione" - se non addirittura di "avvelenamento" - sul quale indagano le forze di polizia.

Oggi Rohima è nel suo letto di ospedale e piange per il dolore, come molti altri dei suoi colleghi. A prendersi cura di lei dottori, infermieri e i parenti, accorsi dopo aver ricevuto la notizia dell'avvelenamento. La donna denuncia che nessuno dei responsabili dell'azienda si è preso cura dei dipendenti, dopo che hanno iniziato ad accusare i primi sintomi.

Per i sanitari la causa dei malesseri è legata a una contaminazione dell'acqua distribuita all'interno della fabbrica. "Abbiamo aperto un'inchiesta" sottolineano gli inquirenti, anche se fra ieri e oggi non si sono registrati arresti o svolte nelle indagini.

Intanto, sindacati e lavoratori chiedono giustizia e che i responsabili siano processati. "Esigiamo indagini approfondite e pene esemplari" afferma Tapan Shah, segretario generale della Federazione dei sindacati del tessile.

L'avvelenamento di ieri è solo l'ultimo caso di una serie di episodi drammatici che hanno riguardato aziende e fabbriche in Bangladesh, a partire dal crollo del Rana Plaza nell'aprile scorso, che ha causato la morte di 1.100 persone e il ferimento di altre 2.500. Un disastro che ha segnato nel profondo il Paese - secondo produttore al mondo dopo la Cina per il tessile - e l'intera comunità internazionale, con diversi gruppi imprenditoriali dell'Occidente al centro delle polemiche per le condizioni in cui vengono realizzati i loro prodotti nei Paesi in via di sviluppo.

Nelle ultime settimane sono avvenute diverse manifestazioni a sostegno dei diritti dei lavoratori, che hanno fatto registrare anche scontri con la polizia. Gli operai chiedono un aumento nei salari e condizioni di lavoro migliori. L'ultima protesta - repressa con la forza - è avvenuta ieri, con centinaia di parenti delle vittime del Rana Plaza scese in piazza per chiedere un risarcimento per la morte dei loro congiunti. 

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
I proprietari delle miniere nascondono i cadaveri e non denunciano gli incidenti
19/04/2007
Il Fiume Giallo, culla della civiltà cinese, è “morto” per oltre il 60%
14/12/2006
Attivista indiano: sentenza su Bhopal, “simbolo” di una giustizia fallimentare
09/06/2010
Bhopal, dopo 26 anni la sentenza: due anni di carcere per 15mila morti e 600mila intossicati
07/06/2010
Ancora proteste per la crisi idrica. Slogan anti-governativi a Teheran, in lockdown
21/07/2021 08:57


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”