06/12/2010, 00.00
ISRAELE
Invia ad un amico

Dopo quattro giorni si ferma l’incendio sul monte Carmelo

Fondamentale l’intervento degli aiuti internazionali, richiesti da Netanyahu per far fronte agli scarsi mezzi a disposizione dei vigili del fuoco israeliani. Sale a 42 il numero delle vittime, con la morte del capo della polizia di Haifa Ahuva Tomer, prima donna a diventare comandante di una stazione di polizia.
 Haifa (AsiaNews/Agenzie) – L’incendio divampato nella foresta del monte Carmelo da ieri sera è ormai in gran parte sotto controllo, dopo 77 ore di inferno. Shimon Romah, capo dei vigili del fuoco, ha dichiarato: “Non ci sono più incendi di grosse dimensioni. Resta da completare il lavoro di contenimento, per evitare che ne scoppino altri”. Il primo ministro Benjamin Netanyahu ha deciso di non chiedere ulteriori aiuti da parte della comunità internazionale.

Nel corso di questi quattro giorni, oltre trenta aerei ed elicotteri, provenienti da molti Paesi europei, sono arrivati in soccorso dei vigili del fuoco israeliani. Fondamentale l’intervento del boeing americano Super Tanker 747: arrivato ieri in tarda mattinata, ha scaricato oltre 76mila litri d’acqua.

Il fuoco ha divorato cinque milioni di alberi su circa cinquemila ettari di terra, e danneggiato 250 case. Tuttavia, i residenti delle zone considerate fuori pericolo hanno ricevuto il permesso di tornare nelle loro case, e quasi tutte le strade sono state riaperte.

Le vittime dell’incendio sono salite a 42, con la morte questa mattina di Ahuva Tomer, capo della polizia di Haifa. Nel 1997 la Tomer è diventata la prima donna comandante di una stazione di polizia in Israele. Dieci anni dopo, ha di nuovo fatto storia: è stata la prima donna a guidare una delle stazioni di polizia più importanti del Paese, con oltre 500 poliziotti sotto il suo diretto comando.

Nonostante al Qaeda abbia rivendicato l’incendio, le autorità israeliane credono che l’origine del fuoco non sia dolosa, ma il risultato di una “negligenza”: due fratelli sono stati fermati e accusati di aver lasciato accese delle braci in una radura, dopo aver consumato un picnic.

Dinanzi alle molte critiche ricevute in questi giorni per i mezzi insufficienti a disposizione dei vigili del fuoco, Netanyahu ha dichiarato che entro la prossima settimana presenterà un piano economico per acquistare aerei anti-incendio.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Al Qaeda rivendica: l’incendio del Carmelo è opera nostra
04/12/2010
Fuoco sul Monte Carmelo: 40 morti
03/12/2010
Non si trova il colpevole dell’incendio del Monte Carmelo, rilasciato ragazzo arrestato ieri
07/12/2010
La Madonna del Carmelo, l’incontro con Gesù ‘nella carne sofferente dei nostri fratelli e sorelle’
18/07/2017 11:40
Ankara e Gerusalemme tentano la “diplomazia del fuoco”
07/12/2010


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”