22/04/2022, 12.12
GIAPPONE-TAIWAN-CINA
Invia ad un amico

Fronte anti-Pechino: cresce il sostegno di Tokyo a Taipei

Governo nipponico appoggia richiesta dei taiwanesi per partecipare all’Assemblea annuale dell’Oms. I cinesi boicottano la presenza di Taiwan nei forum internazionali. Ex premier giapponese: aumentare spesa militare per rispondere alle minacce della Cina.

Tokyo (AsiaNews) – Cresce il sostegno del Giappone a Taiwan, sempre nel mirino della Cina che ne rivendica la sovranità. Nel “Libro blu” sulla propria diplomazia, presentato oggi, il governo nipponico appoggia in modo aperto la campagna di Taipei per partecipare all’Assemblea dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), che si terrà dal 22 al 28 maggio.

Da sempre la Cina si oppone alla partecipazione dell’isola all’incontro annuale dell’organismo Oms, come a ogni altro ente o forum internazionale. Per le autorità comuniste, l’isola è una “provincia ribelle” da riconquistare anche con la forza. Taipei è stata espulsa dall’Oms nel 1972, dopo che la Repubblica popolare cinese ha ottenuto il suo seggio alle Nazioni Unite. Da allora i taiwanesi hanno potuto partecipare ai lavori dell’Assemblea solo dal 2009 al 2016 in qualità di osservatori: il periodo coincide con la presidenza del nazionalista filo-Pechino Ma Ying-jeou.

Nel Libro blu i diplomatici giapponesi avvertono che l’equilibrio militare nello Stretto di Taiwan si sta spostando sempre più a favore di Pechino. Lo prova l’intensificarsi delle operazioni aeree e navali nei pressi dell’isola.

Al riguardo l’ex premier nipponico Shinzo Abe ha invocato un aumento del budget nazionale per la difesa. Parlando ieri a un evento organizzato dal Japan Forum for Strategic Studies, il sempre influente Abe ha detto che il Giappone deve accrescere la spesa militare fino al 2% del Pil per dissuadere la Cina dall’usare la forza contro Taiwan.

L’ex primo ministro nipponico ha aggiunto che gli Usa dovrebbero rivedere la propria “ambiguità strategica” verso Taiwan e chiarire il proprio impegno per la difesa dell’isola. Con il Taiwan Relations Act, gli Stati Uniti hanno promesso di difendere Taiwan, soprattutto con forniture militari. Adottato nel 1979 dopo il formale riconoscimento diplomatico della Cina comunista, il provvedimento non specifica in modo chiaro se Washington risponderà a un’aggressione cinese nei confronti di Taipei.

Abe ha ricordato che un eventuale attacco cinese agli Usa durante una crisi lungo lo Stretto di Taiwan potrebbe rappresentare una “minaccia esistenziale” per il Giappone. In tal caso Tokyo dovrebbe esercitare il diritto di “autodifesa collettiva” e intervenire in quanto alleato di Washington.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Xi Jinping ‘piange’ la scomparsa di Abe, ma a Pechino è più probabile si festeggi
09/07/2022 09:11
Minaccia attacco cinese a Taipei indebolisce il pacifismo nipponico
31/05/2022 12:05
Tokyo, Trump apre alla mediazione giapponese con l’Iran
27/05/2019 09:03
Shinzo Abe rilancia l’alleanza con gli Usa (in chiave anti-cinese)
22/02/2013
Mons. Kikuchi: La Chiesa in Giappone prega per la pace, mentre i leader politici alimentano la tensione
11/08/2017 10:09


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”