18/11/2014, 00.00
ISRAELE-PALESTINA
Invia ad un amico

Gerusalemme: attacco mortale ad una sinagoga. Un palestinese "suicidato"

di Joshua Lapide
Quattro fedeli ebrei sono morti e otto sono rimasti feriti. Due assalitori sono stati uccisi dalla polizia. Uno sarebbe in fuga. Un autista palestinese ritrovato morto sul suo pullman. Per la polizia è un suicidio, ma per i palestinesi è un assassinio razzista.

Gerusalemme (AsiaNews) - Quattro israeliani sono stati uccisi e almeno otto feriti stamane in un attacco ad una sinagoga nella zona ovest della città. Due assalitori sono stati uccisi dalla polizia; un terzo si sospetta sia fuggito.

L'attacco è avvenuto alla sinagoga Kehilat  Yaakov, sulla Shimon Agassi Street. Secondo il portavoce della polizia  due assalitori sono entrati nella sala di preghiera con coltelli, asce e pistole attaccando i fedeli. La polizia li ha uccisi e li ha identificati come "palestinesi di Gerusalemme est". Altre fonti dicono che i due avevano solo coltelli e asce - senza pistole - e la polizia ha fatto fuoco contro di loro.

Le violenze di oggi nascono da un incremento della tensione nella città, con attacchi da parte di palestinesi - che hanno ucciso almeno sei israeliani - e l'uccisione di diversi palestinesi da parte di sconosciuti o dalla polizia. La notte fra il 16 e il 17 novembre un autista palestinese è stato ritrovato morto impiccato su un autobus. La polizia afferma che si tratta di un suicidio, e che non vi sono tracce di violenze sul cadavere. Ma un dottore palestinese sospetta che esso sia un assassinio e sui social network girano foto della vittima, Joussef Rahmani, 32 anni, con segni di ecchimosi sul corpo, denunciando l'uccisione "razzista".

La nuova ondata di violenze è scoppiata dopo il ferimento di Yehuda Glick, un rabbino ultra-nazionalista che rivendica l'uso della spianata delle moschee per gli ebrei. Per i musulmani esso è il terzo luogo più sacro dell'islam, dopo Mecca e Medina; per gli ebrei la spianata è il luogo dell'antico tempio di Gerusalemme che gli ultranazionalisti vogliono riconquistare. Ma per lo status quo la spianata appartiene alla comunità islamica ed è proibito agli ebrei andarvi a pregare.

Ai timori di un sequestro del luogo sacro all'islam, si sono aggiunti nuove decisioni per costruire o allargare insediamenti di coloni israeliani a Gerusalemme e nei Territori occupati, insieme all'attacco e all'incendio di una moschea nella West Bank.

Secondo lo statista pacifista Uri Avneri, è urgente un dialogo fra Israele e i palestinesi per evitare uno scivolamento del mondo arabo verso il fondamentalismo

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Ebreo israeliano ucciso dalla polizia al Muro del Pianto
21/06/2013
Lo Stato islamico sta arrivando in Israele
14/11/2014
Palestinesi cristiani insieme ai musulmani contro il controllo della Spianata delle Moschee
24/07/2017 16:35
Gerusalemme: muore una seconda vittima dell'attacco con l'auto. Scontri ai funerali di Akkari
07/11/2014
Scontri fra polizia israeliana e palestinesi sulla Spianata delle moschee, 26 feriti
25/02/2012


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”