07/04/2008, 00.00
VIETNAM
Invia ad un amico

Gli Yao Phu, da 100 anni portano scuole e Vangelo tra i montagnard

di JB. VU
Educazione e missione caratterizzano l’attività dei componenti dell’associazione che si propone anche di migliorare le condizioni di vita delle popolazioni appartenenti ai gruppi etnici minoritari.
Kon Tum (AsianNews) – Da 100 anni si dedicano alla educazione ed alla evangelizzazione dei bambini dei gruppi etnici minoritari degli altopiani del Vietnam, come Jôrai, Bahnar e Xôdang. Sono gli aderenti alla associazione Yao Phu, istituita da padre Alexandre de Rhodes il 27 aprile 1630 nel nord del Vietnam e il 31 luglio 1643 nel sud.
  
Una delle scuole che ha formato numerosi Yao Phu è quella di Kuenot. Fondata nel 1908, ho educato e organizzato attività missionaria per i gruppi etnici degli Altopiani. L’attività pastorale è stata consentita e benedetta dall’allora vescovo, D. Grangeon.
 
Gli aderenti alla Yao Phu (amore per i poveri) si propongono di apprendere ed insegnare la Bibbia per se stessi, le loro famiglie e la loro gente e di aiutare lo sviluppo materiale e spirituale delle persone dei gruppi etnici. Ciò è importante per l’unità e la cooperazione tra le parrocchie per promuovere l’amicizia tra i Kinh (l’etnia della maggioranza dei vietnamiti) ed i gruppi etnici minoritari. Attraverso la cooperazione si avrà un miglioramento della vita delle persone delle minoranze. Al progresso della vita delle famiglie e dei villaggi mirano le scuole per i bambini delle minoranze.
 
Le persone cha fanno parte della Yao Phu portano la Buona Novella e svolgono attività missionaria. Secondo il dettato “Andate dunque e ammaestrate tutte le nazioni, battezzandole nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito santo” (Mt. 28, 19) bisogna promuovere l’educazione per i gruppi etnici. Si organizzano corsi di formazione per divenire veramente missionari, capaci di comprendere la nuova situazione e di avere intuizioni per lavorare nelle comunità delle minoranze.
 
“Io – racconta Trung – ho lavorato nella comunità per 15 anni. Anche se lo sviluppo economico del nostro villaggio non è buono, abbiamo solidarietà e fiducia in Dio. La nostra gente è religiosa e confida nell’amore di Gesù. Mi piace lavorare qui. Noi rispettiamo queste persone e loro sono semplici ed amichevoli verso di noi. Le persone dei gruppi etnici sono veramente credenti in Dio e confidano nella Chiesa.
 
Riguardando agli ultimi 100 anni, l’associazione Yao Phu ha fatto molte cose buone. I suoi aderenti hanno lavorato duramente e portato aiuto alle comunità in ogni situazione di qualsiasi “uragano dela storia”.
 
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Yao Phu, giovani in missione nelle foreste e sugli altipiani
23/07/2007
In Vietnam ci sono sei nuovi sacerdoti “Dong Ngoi Loi”, cioè i Verbiti
08/09/2008
L’indifferenza delle autorità di Kon Tum per gli orfani dei gruppi etnici
06/08/2008
Per padre Ngo Phuc Hau “fare missione è portare a tutti l’amore di Dio”
29/03/2010
Fondamentale per i missionari conoscere la cultura dei gruppi etnici vietnamiti
05/11/2007


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”