19/07/2018, 13.16
CINA
Invia ad un amico

Hunan, denuncia la corruzione dei giudici… e viene arrestato e condannato

di Wang Zhicheng

I giudici sono stati ripresi a giocare d’azzardo e a passare le vacanze con amanti: azioni proibite per i membri del Partito, nella campagna anti-corruzione. L’imprenditore che li ha denunciati è stato però condannato a quattro anni di prigione e a una multa di 30mila yuan per “aver ottenuto in modo illegale informazioni personali di cittadini”.

 

Pechino (AsiaNews) – Wu Zhengge, un imprenditore edile di Yiyang (Hunan) è stato condannato a quattro anni di prigione e ad una multa di 30mila yuan (circa 3900 euro) per aver reso pubbliche foto di giudici che spendevano il tempo nel gioco d’azzardo e con amanti, nel tentativo di denunciarli per corruzione.

Giocare d’azzardo, indulgere in amanti, partecipare a banchetti lussuosi sono fra le azioni sconvenienti per i membri del Partito, proibiti dallo stesso presidente Xi Jinping che da almeno cinque anni ha lanciato una lotta senza quartiere alla corruzione interna dei suoi membri.

Wu Zhengge è stato condannato per aver violato la privacy dei giudici in questione e precisamente per “aver ottenuto in modo illegale informazioni personali di cittadini”.

Tutto è cominciato nel 2014 quando Wu, per motivi che non sono chiari, ha raccolto documenti sulla corruzione di alcuni giudici. Presentandoli alla polizia, gli sono stati richiesti fatti più probanti.

Egli allora ha ingaggiato alcuni fotografi, collezionando diverse prove contro giudici dei distretti di Yiyang e Heshan. Wang Maohua, giudice del tribunale popolare di Heshan, è stato fotografato in vacanza a Guangzhou e nell’isola di Hainan con un’amante; Xie Deqing e Xia Xiaoying, giudici di Heshan e Yiyang, sono stati ripresi in un club a giocare d’azzardo; Cao Deqin, un altro giudice di Heshan, immortalato con una donna sposata in una stanza di hotel.

La pubblicazione sui giornali locali e le critiche del pubblico, già sospettoso verso quei giudici, hanno portato a un’inchiesta. Il Comitato disciplinare di Yiyang ha sospeso Wang Maohua e Cao Deqin; si è aperta un’inchiesta per Xia Xiaoying; Xie Deqing e Wang Maohua sono stati accusati di corruzione. Durante l’inchiesta si è scoperto infatti che questi ultimi avevano falsificato prove in un caso di corruzione di un pezzo grosso del Partito, ricevendo una condanna a due anni e 18 mesi rispettivamente. Nonostante questo, nel giugno 2016 Wu Zhengge è stato arrestato e ora condannato.

Il China Youth Daily, che due giorni fa ha riportato la notizia della condanna di Wu, ricorda che nel 2013 cinque giudici di Shanghai sono stati sospesi dalla commissione disciplinare dopo essere stati filmati con prostitute e con donne in un hotel di lusso. L’autore del filmato non è stato accusato di nessuna azione criminale.

Secondo diversi analisti, la campagna anti-corruzione lanciata da Xi Jinping, pur volendo colpire “tigri” e “mosche”, è frenata da altre direttive del presidente che esige di non diffondere critiche contro il Partito.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Espulso Lu Wei, un altro boss del Partito. Strapiene le prigioni dei Vip corrotti
14/02/2018 10:56
I ‘suicidi’ fra i membri del Partito comunista cinese
23/10/2018 12:55
Che cos’è il Xi Jinping-pensiero?
25/09/2017 16:34
La lobby degli intellettuali chiede più libertà. Gli sgambetti dei rivali di Xi Jinping
02/08/2016 16:35
Con il processo agli avvocati, naufraga lo “stato di diritto” promesso da Xi Jinping
16/09/2016 15:29


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”