04/12/2022, 11.42
ECCLESIA IN ASIA
Invia ad un amico

Indonesia, 50 anni di miracoli tra le vite abbandonate di Lasem

di Mathias Hariyadi

La festa delle Soeurs de Notre Dame per il loro orfanotrofio che nella provincia di Giava Centrale ha compiuto mezzo secolo di vita. "Siamo qui e serviamo i bambini più sfortunati grazie alla generosità di tante persone in questa città. Dio ci ha dato la passione per amarli e la pazienza per ascoltarli sempre”.

Jakarta (AsiaNews) - Per 35 anni Agus non ha mai provato l'esperienza di essere amato dalla sua famiglia. “Il giorno in cui sono nato, sono stato lasciato alle Soeurs de Notre Dame (Snd) che gestiscono questo orfanotrofio. Non so chi sia mia madre e perché lo abbia fatto. Non l'ho mai incontrata fino ad oggi”. Eppure Agus al Wisma Cinta Sesama "Marganingsih" di Lasem, nella provincia di Giava Centrale in Indonesia, una “bella casa” l’ha trovata. “Le suore si sono prese cura della mia vita e mi hanno aiutato a intraprendere la carriera di insegnante, dopo gli studi in letteratura inglese”.

Quella di Agus è solo una delle centinaia di storie di vite accolte e riscattate dall'orfanotrofio Wisma Cinta Sesama "Marganingsih", che nelle scorse settimane ha celebrato il suo 50° anniversario. Una festa ,molto semplice con una Messa celebrata da due sacerdoti della diocesi di Surabaya (Giava Orientale) nella chiesa parrocchiale di San Pietro e Paolo di Lasem e divertenti esibizioni di canti e danze con i bambini e gli adolescenti che qui hanno trovato una speranza.

La superiore per l’Indonesia delle Soeurs de Notre Dame, sr. Monika Ekowati, racconta ad AsiaNews come questo orfanotrofio sia diventato una grande benedizione per tutti gli orfani e per le altre persone di cui si sono prese cura le sue consorelle negli ultimi 50 anni. “Dopo essere rimasto vuoto per quasi 65 anni, la famiglia Oei - una famiglia cinese nativa di Lasem - ci ha concesso questa enorme casa per una missione umanitaria. E con gli anni si è poi aggiunta anche un'altra casa. Siamo qui e serviamo i bambini più sfortunati grazie alla generosità di tante persone in questa città”.

“Con l'aiuto finanziario della Fondazione Djarum, due anni fa - aggiunge sr. Monika Ekowati - le due strutture dell'orfanotrofio di Lasem sono state ristrutturate per soddisfare le nostre attuali esigenze di studio per questi bambini e adolescenti e fare fronte anche alle nuove esigenze evidenziate dalla pandemia”.

A commuovere le suore in occasione di questo cinquantesimo è stata la gratitudine da tantissimi ex alunni. “In tanti sono venuti a visitare le loro ‘ex case’ rendendo omaggio alle suore che si sono presi cura di loro e li hanno portati a diventare persone indipendenti dopo aver completato la loro istruzione qui", aggiunge ad AsiaNews suor Maria Regina, l’attuale responsabile dell'orfanotrofio.

Sr. Maria Vincentin, 74 anni, è al servizio di questa missione a Lasem da più di 21 anni. Continua tuttora a gestire con grande pazienza la sezione maschile dell’orfanotrofio. “Ho potuto farlo semplicemente perché non ho mai trascurato le mie preghiere quotidiane - racconta ad AsiaNews -. Dio mi ha dato la passione per amare questi bambini sfortunati e la pazienza di ascoltarli sempre”.

 

"ECCLESIA IN ASIA" È LA NEWSLETTER DI ASIANEWS DEDICATA ALLE CHIESE DELL'ASIA
VUOI RICEVERLA OGNI DOMENICA SULLA TUA MAIL? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER A QUESTO LINK

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Dhaka: lutto per la morte di p.Benjamin Costa, noto educatore
16/10/2017 13:24
Suore giornaliste: comunicare la fede, anche sui social
08/08/2018 13:21
Indonesia, cinesi discriminati nei soccorsi per lo tsunami
05/01/2005
Sacerdoti di Papua: stop al razzismo contro di noi
09/06/2020 11:41
Imam di Nîmes: Contro la paura, è tempo che i musulmani parlino a una voce sola
02/11/2020 11:57


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”