19/04/2012, 00.00
IRAQ
Invia ad un amico

Iraq, serie di attacchi contro funzionari e politici; 21 morti e centinaia di feriti

Gli ordigni sono esplosi a Baghdad, Kirkuk, Samarra, Dibis e Taji. Finora non vi sono rivendicazioni. Fonti di AsiaNews a Kirkuk imputano gli attacchi alle divisioni fra i partiti irakeni.

Kirkuk (AsiaNews) -E' di 21 morti e decine di feriti il bilancio della serie di attentati che ha sconvolto questa mattina le città di Baghdad, Kirkuk, Samarra, Dibis e Taji. L'obiettivo degli attacchi erano alcuni ufficiali delle forze di sicurezza irakene e funzionari politici, fra essi Majeed Hamad Amin, ministro della Sanità, e Falah Abdul Rahman Mohammed, responsabile della commissione per gli investimenti a Kirkuk.  La serie di attacchi giunge a circa un mese dagli attentati che il 20 marzo scorso hanno fatto 55 morti e 255 feriti.

A Baghdad cinque bombe sono esplose nei quartieri sciiti e nella zone periferiche della città uccidendo 7 persone. Tre ordigni hanno colpito Kirkuk, nel nord del Paese, dove sono morte nove persone.  Nella provincia di Diyala, a nord della capitale, un kamikaze ha ucciso un ufficiale di polizia di Bakuba, il capoluogo,.

Finora nessuno ha rivendicato gli attentati. Fonti di AsiaNews a Kirkuk  affermano che gli attacchi sembrano legati alle divisioni interne fra le fazioni irakene. Gli obiettivi erano persone precise, membri di spicco di esercito, polizia e uomini d'affari. Per quanto riguarda la città del Kurdistan "la prima bomba è scoppiata a Mileh, villaggio arabo a 45 km dal centro di Kirkuk, e ha ucciso cinque persone. Il secondo ordigno è esploso sulla strada statale per Baghdad nei pressi di Miqdad, provocando due morti e 15 feriti". Le fonti sottolineano che l'obiettivo era il colonello Taha Salaheddin, turkmeno e responsabile della polizia di Kirkuk, rimasto ferito.  "Dopo pochi minuti - continuano - un'altra esplosione è avvenuta davanti alla casa di Falah Abdul Rahman Mohammed, uomo d'affari e direttore dell'ufficio investimenti di Kirkuk, ha ucciso due poliziotti e ferito quattro guardie".  

Secondo gli esperti, tali attentati mostrano la crescente tensione fra gruppi sunniti e sciiti, dopo la partenza delle truppe americane alla fine di dicembre e l' ordine di cattura per terrorismo emesso dal premier sciita al-Maliki contro Tariq al-Hashemi, vice-presidente sunnita. 

Fonti di AsiaNews, affermano che in Iraq è in atto un piano per la frammentazione definitiva dei suoi 27 milioni di abitanti secondo una logica confessionale. Essa sancirà la partizione della nazione in zone sciite (la maggioranza con il 61% del totale) e sunnite (il 34%, di cui il 17% appartenente alla minoranza curda) e potrebbe causare al contempo la definitiva sparizione delle minoranze cristiana e yazida (il 4%), già dimezzata negli ultimi 10 anni. (S.C.)

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Tra un mese il primo censimento del dopo Saddam, ma è già tensione
27/09/2010
Baghdad, una nuova serie di attacchi fa decine di morti e centinaia di feriti
28/05/2013
Elezioni in Iraq: pubblici i risultati finali
13/02/2005
Saddam Hussein condannato alla forca per crimini contro l'umanità
05/11/2006
Baghdad, attacchi mortali in due quartieri sciiti
05/01/2012


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”