08/08/2017, 13.06
PAKISTAN
Invia ad un amico

Islamabad, organizzazione ‘benefica’ terrorista lancia il suo partito politico

Hafiz Muhammad Saeed, capo di Jamaat-ud-Dawa (JuD), è detenuto per terrorismo. Saifullah Khalid, capo del nuovo partito Milli Muslim League (Mml): “Saeed è il leader del Pakistan”. Onu e Usa: “È legato agli attacchi terroristici di Mumbai del 2008”. Negli attentati uccise più di 160 persone.

Islamabad (AsiaNews/Agenzie) – Un’organizzazione ‘benefica’ pakistana, giudicata dalle Nazioni Unite di facciata per nascondere  il gruppo armato Lashkar-e-Tayyaba (LeT) lancia un partito politico dal nome Milli Muslim League (Mml). In tal modo, il movimento islamista anti-India, accusato di aver condotto gli attacchi di Mumbai nel 2008, entra nella politica nazionale principale.

Hafiz Muhammad Saeed, il capo dell'organizzazione Jamaat-ud-Dawa (JuD) che ieri ha fondato il partito, è stato giudicato “un terrorista” dall'Onu; dal 2012 gli Stati Uniti hanno posto sulla sua testa una taglia di 10 milioni di dollari per il suo presunto ruolo di leader dei guerriglieri del LeT.

A partire dal gennaio 2017, la polizia pakistana detiene Saeed agli arresti domiciliari nella città di Lahore, in base alle leggi locali contro il terrorismo. Lo scorso primo agosto, le autorità hanno prolungato la sua detenzione di altri due mesi.

Al lancio ufficiale del partito Milli Muslim League (Mml) nella capitale pakistana Islamabad, il capo Saifullah Khalid ha chiarito che tiene Saeed in grande considerazione, anche se non è ancora chiaro quale ruolo quest’ultimo svolgerebbe nell’organizzazione politica. “Una volta che Allah avrà garantito il suo rilascio, – ha dichiarato Saifullah Khalid – lo incontreremo e gli chiederemo quale ruolo vuole ricoprire. È il leader del Pakistan”.

Saeed ha più volte negato ogni suo coinvolgimento nella pianificazione degli attacchi terroristici nella città indiana di Mumbai del 2008, che hanno ucciso più di 160 persone. Al contrario di quanto sostenuto dagli Usa e numerosi governi internazionali, egli ha inoltre affermato che non vi è alcuna relazione tra JuD e LeT.

Nel 2005, l’Onu ha inserito LeT in una lista di organizzazioni soggette a sanzioni internazionali per “aver partecipato al finanziamento, alla pianificazione, all'agevolazione, alla preparazione o alla perpetrazione di atti o attività da parte, per conto o in favore di al-Qaeda, Osama bin Laden e dei talebani afgani”.

Il governo pakistano ha posto JuD “sotto osservazione” in un elenco di “organizzazioni terroristiche” vietate, senza però mettere al bando l’organizzazione in via definitiva. Nel 2015, il regolatore dei media del Pakistan ha bandito tutta la copertura delle attività umanitarie del gruppo dai mezzi di informazione del Paese. Dal 2002, LeT è stata definita dal governo “organizzazione terroristica”.

Khalid ha affermato che il Mml funzionerà in stretta collaborazione con JuD, che ha una rete di migliaia di volontari in tutto il Pakistan che lavorano soprattutto nei settori dell'educazione e dell’assistenza medica. “Continueremo a mantenere il coordinamento con Jamaat-ud-Dawa e con tutte le altre organizzazioni simili che tengano a cuore l'ideologia del Pakistan. Offriremo loro la nostra cooperazione e accetteremo la loro".

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Studente cristiano discriminato a favore dei ‘memorizzatori del Corano’
05/06/2020 13:32
Iniziata la visita di Hu Jintao in Vietnam
31/10/2005
Nel 2016, più di 40 milioni di schiavi e 152 milioni di bambini nei lavori forzati
19/09/2017 11:21
Teheran, carcere all’ex procuratore generale per complicità nell’omicidio di un dissidente
29/11/2017 11:13
Islamabad, al via le consultazioni per il nuovo governo
21/02/2008


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”